Proteste George Floyd, Will Smith: "Arriva sempre una battaglia che non avevi previsto"

Spettacolo

L'attore partecipa alle mobilitazioni scoppiate a seguito della morte del 46enne afroamericano durante un fermo a Minneapolis. Sul suo account YouTube ha condiviso un filmato, dal titolo "No justice, no peace", che racchiude immagini e video della lotta per i diritti dei neri negli Stati Uniti

Anche Will Smith si unisce alle proteste scoppiate a seguito della morte di George Floyd, il 46enne afroamericano morto durante un fermo di polizia a Minneapolis. Sul suo account YouTube l'attore di Hollywood ha condiviso un filmato, intitolato "No justice, no peace", che racchiude immagini e video della lotta per i diritti dei neri negli Stati Uniti. "Arriva sempre una battaglia che non avevi previsto - dice l'attore - , da sempre scorre un fiume rosso del sangue di coloro che hanno raccontato la verità". 

Il filmato con le lotte antirazziste

approfondimento

George Floyd, le canzoni ispirate alla sua storia e alle proteste

"Il bello di essere americani - continua Will Smith in introduzione al video - è che quando siamo spaventati, miriamo alla parte migliore di noi, non alla peggiore". Il filmato prosegue con una carrellata di momenti chiave nelle mobilitazioni antirazziste negli Stati Uniti, da Martin Luther King a Barack Obama, fino al movimento Black Lives Matter. Il titolo del video, "No Justice, no peace", è uno degli slogan che i manifestanti hanno gridato in tutto il mondo negli ultimi giorni di protesta. 

Le proteste in tutto il mondo

approfondimento

Black Lives Matter, Madonna partecipa alle proteste con le stampelle

Le proteste vanno avanti dal giorno dell'uccisione di George Floyd e dagli Usa si sono estese nel resto del mondo. Migliaia e migliaia di persone si sono inginocchiate per otto minuti e 46 secondi, il tempo in cui l'agente Derek Chauvin ha tenuto il ginocchio premuto sul collo di Floyd. Oggi Minneapolis ha annunciato il taglio dei fondi alle forze dell'ordine e lo smantellamento del suo dipartimento di polizia, coinvolto nell'uccisione del 46enne afroamericano. Ma anche New York si prepara a farlo: il sindaco Bill de Blasio ha promesso di tagliare una parte dei fondi destinati al New York Police Department e di destinarli ai servizi per i giovani e ai servizi sociali. Una mossa senza precedenti nella Grande Mela che - ha assicurato de Blasio - sarà attuata nel giro di tre settimane.

Spettacolo: Per te