Robert Pattinson sfoggia il fisico per The Batman

Spettacolo

Le riprese si sono fermate, ma Robert Pattinson continua ad allenarsi: il programma è intenso, per calarsi nei panni di Batman

Completo sportivo, cuffie alle orecchie e zainetto sulle spalle: Robert Pattinson si sta allenando duramente, per vestire i panni di Batman.

Del resto, per portare in scena l’Uomo Pipistrello ci vuole un certo physique du rôle. E - rispettando le regole di distanziamento sociale - allenarsi per lui è d’obbligo.

Robert Pattinson, un allenamento per diventare Batman

La maggior parte delle produzioni, a Hollywood, si è fermata: moltissimi film sono stati rimandati a causa del Coronavirus (AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - LA MAPPA), di altri sono state sospese le riprese. Ma la preparazione degli attori non si è fermata, e Robert Pattinson non fa eccezione.

Pronto a calarsi nei panni di Batman, l’attore (che il Cavaliere Alato lo porterà sullo schermo l’1 ottobre 2021) non è più sul set: alla fine del mese scorso, il regista Matt Reeves ha confermato che la produzione di “The Batman” sarebbe stata sospesa sino a data da destinarsi. Inizialmente, dopo 7 settimane di girato, si sarebbe dovuta fermare per 15 giorni. Ma, ad oggi, lo stop prosegue. E non si sa per quanto. Una decisione dettata dalla volontà di proteggere la salute degli attori, della troupe e di tutte le persone che - alla riuscita di un film - lavorano.

Tuttavia, per mantenere il suo fisico da Batman, Robert Pattinson non può fermarsi. Ed ecco che, vestito di tutto punto, l’attore ha scelto di proseguire l’allenamento in solitaria.

Batman, le critiche mosse a Robert Pattinson

Del resto, Robert Pattinson ne ha di lavoro da fare per dimostrare d’essere un Batman straordinario. Quando è stato annunciato in quel ruolo, diverse sono state le critiche: sebbene “The Batman” porterà in scena un Bruce Wayne alle origini, più giovane e più acerbo, l’opinione pubblica l’ha subito visto come troppo esile, e troppo lontano dai muscoli di Christian Bale (che, per “Batman Begins”, aveva messo su ben 20 chili).

E Pattinson, come ha reagito alle critiche? «Batman non è un eroe. È un personaggio molto complicato. Non penso che avrei mai potuto interpretare un vero eroe, c’è qualcosa di lievemente sbagliato in me. Penso che sia a causa del fatto che uno dei miei occhi sia più piccolo dell’altro» ha spiegato. Per poi raccontare, sempre al New York Times: «Amo il regista, Matt Reeves, e amo il Batman che vuole portare in scena. Non è un “golden boy”, a differenza di (quasi) tutti gli altri personaggi dei fumetti. C’è una certa semplicità nella sua visione del mondo, il che può sembrare strano ma è un vantaggio, perché ti permette di giocare di più con il personaggio».

Tanto più che, per lui, la reazione negativa del pubblico non è mai stata una problema. «È molto più divertente quando sei un perdente. Non c’è aspettativa su di te» ha dichiarato. Per giudicare se sarà un Batman credibile o meno, bisognerà aspettare ancora un bel po’.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24