Cetto La Qualunque torna al cinema, dal 21 novembre "Cetto c'è, senzadubbiamente". VIDEO

Spettacolo

Terza commedia con Antonio Albanese nei panni del politico calabrese corrotto. Terminata l'esperienza da sindaco, La Qualunque è andato a vivere in Germania dove ha messo su famiglia. Ma sarà costretto a tornare in Italia dove riscoprirà le sue origini nobili

Cetto La Qualunque torna sul grande schermo. Esce al cinema giovedì 21 novembre “Cetto c’è, senzadubbiamente”, diretto da Giulio Manfredonia e distribuito da Vision, terza commedia che vede come protagonista Antonio Albanese nei panni del politico calabrese corrotto. Nel 2011 e nel 2012, l’attore nato in Lombardia ma di origini siciliane, aveva già interpretato Cetto in “Qualunquemente” e in “Tutto tutto niente niente”. Adesso Laqualunque, coi suoi abiti di dubbio gusto e il suo italiano sgrammaticato, sbarca di nuovo nelle sale italiane alle prese con una serie di disavventure all’estero.

La trama di “Cetto c’è, senza dubbiamente”

Terminata l’esperienza da sindaco di Marina di Sopra, Cetto si è ritirato in esilio in Germania abbandonando la carriera politica. Qui è diventato un imprenditore di successo, proprietario di una catena di ristoranti e pizzerie. Ha una moglie tedesca, un figlio e due suoceri neonazisti. La Qualunque si trova bene in Germania, ma a un certo punto sarà costretto a tornare in Italia dove scoprirà le sue origini nobili.

La colonna sonora di Guè Pequeno

La colonna sonora di “Cetto c’è, senzadubbiamente” è a cura di Guè Pequeno, uno tra i più celebri rapper italiani. Cetto La Qualunque in persona interpreta il tormentone “Io sono il Re”, come si vede nel videoclip: dopo essersi tolto un cappello da Napoleone, Cetto inizia a intonare la melodia rap mentre familiari, suore e infermiere gli ballano intorno. "È stato un sogno lavorare con Antonio Albanese” ha scritto Guè sui social, condividendo il videoclip.

Storia di Cetto La Qualunque

Il personaggio di Cetto La Qualunque è stato inventato nel 2003 ed è diventato celebre grazie alle sue apparizioni a “Mai dire Domenica”, “Mai dire Lunedì” e a “Che tempo che fa”, dove è stato a lungo ospite fisso. Poi il grande successo è arrivato coi film al cinema.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.