Negramaro, la "poesia rock" in scena a San Siro

Spettacolo

Valentina Clemente

Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro (archivio Ansa)

Dopo il successo di Milano, la band capitanata da Giuliano Sangiorgi si appresta a continuare il suo tour verso Roma, Pescara, Messina e Lecce. Date in cui sono attese circa 50mila persone a serata

Amore, che torni. Anche se non sei mai andato via. Perché se di crisi del gruppo si è parlato, anche se per poco, tutto è poi stato spazzato via. Rigorosamente Da nuvole e lenzuola, come direbbe proprio una delle loro canzoni più conosciute. E da un tour negli stadi che suona quasi come un ritorno alla Prima volta. Sui palchi, a contatto con i loro fan che, nel tempo, non hanno mai perso una nota. E restano, ad ogni concerto, rigorosamente Fino all’imbrunire. E oltre. Un tour, però, che ha un sapore diverso, merito anche della notizia della prossima paternità di Giuliano Sangiorgi, Leader e cantante dei Negramaro che spera di lasciare un mondo bello al figlio (o figlia – ancora non si sa!) che arriverà a novembre. E a cui gli amici storici della band, Emanuele, Ermanno, Danilo, Andrea e Andrea potranno dedicare una ninna nanna speciale.

I primi dieci anni negli stadi, per un concerto "dinamico"

I Negramaro tornano, quindi, negli stadi. E festeggiano i primi 10 anni dalla prima nota suonata nelle arene dello sport, iniziando da San Siro, dopo la data zero di Lignano Sabbiadoro. Suonano la loro musica, rigorosamente indi(e)pendente e a conduzione familiare, sui palchi più importanti d’Italia. Perché loro sono una famiglia. In tutto e per tutto. Dopo Milano, il gruppo salentino sarà, infatti, a Roma, Pescara, Messina e Lecce, per un tour da numeri importanti (circa 50 mila persone attese ogni sera). Ma soprattutto fatto di grandi interazioni con il pubblico, di racconto di emozioni e del reale. Dinamico, insomma. Proprio come amano definirlo loro, i sei amici salentini. Con una scaletta ricca di successi, vecchi e nuovi. Perché questa è l’autentica identità del gruppo. Sì, perché con i Negramaro ogni cosa è reale, descrizione del presente che contraddistingue ognuno di loro. E che li vede, sempre e comunque, protagonisti. "Il nostro concerto è una festa, ma è anche una riflessione di identità su quello che siamo, da sempre" tuona Giuliano Sangiorgi, cantante e leader della band salentina che, dal 1999, a suon di note, studio e fatica si fa largo nella musica italiana e internazionale. E la rappresenta nella sua eccezionalità.  

"La musica è politica e noi la raccontiamo"

E cerca, anche di fare delle sue canzoni uno strumento di comunicazione, politica, come del resto si racconta in una delle loro canzoni, rigorosamente in scaletta, Per uno come me, che racconta le stragi del mare. Che, quasi, sono diventate parte della nostra quotidianità. "Con questa canzone vogliamo difendere un sogno, ovvero invecchiare sulla terraferma, un diritto di tutti e per tutti" ricorda ancora Sangiorgi, con il sostegno di tutto il gruppo. Una descrizione della realtà più vera degli ultimi anni.  

Una scaletta densa di passato, presente e futuro, con un ricordo "speciale"

Lo stadio si accende sin dall’inizio, quando si sentono le prime note di Fino all’imbrunire. Un problema al sistema audio, successo qualche istante dopo l’inizio di Ti è mai successo non impedisce, però, al gruppo di coinvolgere il pubblico. E di trasformare qualche momento di difficoltà in energia pura. Proprio in quel momento è uscita la vera indole del gruppo: rock, energica, come pochi sanno fare. In grado di “trasformare” un problema in energia. Da lì, solo un tripudio di emozioni (e nessuna difficoltà tecnica): La prima voltaEstate (con un nuovo arrangiamento), Sei tu la mia cittàIl posto dei SantiMi bastaAmore che torniAttentaParlami d’amorePer uno come meL’Amore qui non passaSolo per teSolo3MinutiSeiLo Sai da quiTutto qui accadeL’immensoVia le mani dagli occhiCi sto pensando da un po’. E poi Senza fiato, duetto virtuale con Dolores O’Riordan, cantante dei Cramberries scomparsa lo scorso 15 gennaio. "Dolores, Milano è per te" urla Sangiorgi tra gli applausi. Prima di iniziare Meraviglioso, di Domenico Modugno, seguito da Mentre tutto scorre. Nuvole e lenzuola chiude un concerto energico anzi: dinamico, proprio come l’hanno definito i Negramaro. Uno spettacolo che ha visto protagonista assoluta la musica, aiutata da effetti speciali e video di ultima generazione. E poi i fan, sempre presenti e sempre pronti a cantare ogni strofa. Insomma: è proprio un amore che torna, sempre. Per tutti e con tutti.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.