Bryan Singer non sarà più il regista del biopic su Freddie Mercury

Spettacolo
Bryan Singer, regista del biopic su Freddie Mercury, "Bohemian Rhapsody", è stato licenziato dalla produzione (Getty Images)
GettyImages-bryan_singer

Dopo la sospensione del film, avvenuta due giorni fa, il regista è stato licenziato durante le riprese del film. Secondo le sue dichiarazioni, la produzione gli avrebbe negato la possibilità di poter assistere un genitore gravemente malato

Bryan Singer non dirigerà più il biopic "Bohemian Rhapsody". Lo ha comunicato la 20th Century Fox con una dichiarazione ufficiale a Hollywood Reporter. Il 1° dicembre le riprese erano state sospese a causa dell'assenza del regista che, secondo alcune indiscrezioni, era legata a problemi di salute personali e familiari. Ora arriva il suo allontanamento ufficiale.

"Inaspettata irreperibilità"

Le riprese, in corso a Londra, erano state interrotte lo scorso 1° dicembre a causa dell'assenza del regista, cosa che avrebbe acuito gli screzi già esistenti tra Singer e l'attore che interpreta Freddie Mercury, Rami Malek. L'attore definì Singer poco professionale e inaffidabile. Annunciando la sospensione, si parlò solo di "inaspettata irreperibilità" del regista. In realtà, le assenze del regista sono state frequenti, tanto da costringere il direttore della fotografia Thomas Newton Sigel a prendere il comando delle operazioni. L'atteggiamento aveva indisposto gli attori, tra cui Tom Hollander, che nel film interpreta il manager dei Queen, Jim Beach.

La replica di Singer

Dopo la sospensione del film, Bryan Singer si è difeso, dichiarando di non aver agito in modo poco professionale, ma che la produzione gli aveva negato la possibilità di prendersi cura di "un genitore gravemente malato", nonché della sua stessa salute. "Non volevo altro che finire questo progetto e aiutare ad onorare il lascito di Freddie Mercury e dei Queen, ma Fox non me lo ha permesso perché ho avuto bisogno di mettere temporaneamente la mia salute e quella dei miei cari al primo posto", ha dichiarato lo stesso Singer a Hollywood Reporter. Secondo fonti vicine al regista, Singer soffrirebbe un disordine da stress post-traumatico a causa delle tensioni sul set, sfociate anche in un alterco con Malek. In tale occasione il regista e l'attore avrebbero alzato la voce e, sebbene non si sia arrivati alle mani, Singer avrebbe scagliato un oggetto contro il muro in un raptus d'ira. L'assenza del regista si protraeva sin dalla fine del periodo di vacanza legato al Giorno del Ringraziamento: in quel momento, Sigel era subentrato al comando delle riprese prima che la produzione le sospendesse. L'annuncio del nuovo regista è atteso entro un paio di giorni.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.