Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Da Bach a Sound of Silence: il suono di Ground Zero

1' di lettura

Nel decimo anniversario delle stragi dell’11 settembre la musica, alternata a sei minuti di raccoglimento, ha accompagnato la cerimonia con la lettura dei nomi delle vittime. Tra gli artisti che si sono esibiti anche Paul Simon: VIDEO

Guarda anche:
11 settembre:l'album fotografico
Lo speciale di Sky.it
11 settembre: quelle ultime telefonate
La cerimonia a Ground Zero

Si è aperta sul suono delle cornamuse della polizia di New York e sulle note dell'inno nazionale degli Stati Uniti (The Star-Spangled Banner) cantato dal coro dei ragazzi del Brooklyn Youth Chorus la toccante e intensa commemorazione a Ground Zero nel decimo anniversario delle stragi dell'11 settembre. Ma la musica, da Bach a 'The Sound of silence', ha poi accompagnato tutta la cerimonia con la lettura dei nomi delle circa 3000 vittime.

YO YO-MA SUONA BACH - Il violoncellista franco-americano e di origine cinese ha eseguito la 'Sarabanda' di Bach. Un brano di grande tensione emotiva che, nell'assoluto silenzio a Ground Zero, ha ben interpretato il contenuto dolore della folla nel cuore di New York, nel raccoglimento e nel ricordo che ha caratterizzato la cerimonia.
JAMES TAYLOR - Dopo l'intervento del governatore di New York Andrew M. Cuomo sul palco a Ground Zero, il cantautore folk James Taylor ha offerto una delle sue più classiche performance con 'You can close your eyes' accompagnato dalla sua chitarra.
PAUL SIMON - L'intera cerimonia è stata scandita dai silenzi: i sei minuti di raccoglimento per ricordare i momenti esatti nella catena di eventi che esattamente dieci anni fa fece sprofondare nel terrore. E non poteva quindi che essere una pietra miliare della musica americana come 'The sound of silence', eseguita da Paul Simon, il contributo musicale più commovente della giornata

Leggi tutto
Prossimo articolo