Cambiamento climatico, entro il 2099 incendi più estesi in Europa

Immagine di archivio (Getty Images)
2' di lettura

Uno studio condotto dall’Università di Barcellona ha dimostrato che le aree colpite dalle fiamme potrebbero aumentare tra il 40 e il 100%, soprattutto nella penisola iberica 

Uno studio condotto dal team del climatologo italiano Marco Turco, dell’Università di Barcellona, in collaborazione con l’Istituto di geoscienze e georisorse del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di Pisa, indica che, a causa dei cambiamenti climatici, esiste il rischio concreto che entro il 2099 le aree dell’Europa mediterranea arse dalle fiamme degli incendi incrementino dal 40 al 100%, specialmente nella penisola iberica. L’unico modo per impedire a questo tragico scenario di verificarsi è contenere il riscaldamento globale entro gli 1,5 gradi, come previsto dall’accordo di Parigi sul clima.
I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature Communications.

Le simulazioni svolte dal team di ricerca

Il team di scienziati ha svolto varie simulazioni per capire come potrebbe variare l’estensione degli incendi nel bacino del mediterraneo entro il 2099 in base all’incremento della temperatura e della siccità. Per svolgere le analisi di scenario, i ricercatori hanno combinato diversi modelli climatici su scala regionale, tenendo in considerazione l’influenza delle mutazioni del clima sullo sviluppo della vegetazione. Hanno così determinato che un aumento della temperatura pari a 1,5 gradi potrebbe causare un incremento del 40% delle aree devastate dagli incendi, in particolare nella penisola iberica. Un aumento di 3 gradi, invece, provocherebbe una crescita delle zone in fiamme del 100%.

È necessario ripensare le strategie di prevenzione degli incendi

"Questi risultati, combinati con il recente aumento dell'esposizione della società ai grandi incendi, impone un ripensamento delle attuali strategie di gestione", spiega Marco Turco, primo autore dello studio. "Gli effetti del cambiamento climatico potrebbero superare gli sforzi di prevenzione degli incendi, il che significa che dovremmo aumentare l'impegno nel prossimo futuro".
Le conclusioni che lo studio del gruppo di ricercatori guidato da Turco permette di tratte rispecchiano quelle evidenziate dal rapporto climatico speciale pubblicato di recente dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico. Gli scienziati che hanno stilato il report spiegano che, se non verranno presi degli opportuni provvedimenti, entro il 2030 l’aumento della temperatura media globale supererà la soglia degli 1,5° C. 

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"