"Il guerriero gentile", la sanità italiana tra aneddoti e riflessioni

Scienze

Silvio Garattini con Roberta Villa

garattini

Silvio Garattini è presidente dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri. "Il guerriero gentile, la mia vita e le mie battaglie", scritto con Roberta Villa, è uscito nel 2019 per la casa editrice Solferino

Se il Sistema sanitario è in difficoltà (quindi) è per molte ragioni. La prima è perché non abbiamo fatto una seria politica per la prevenzione. Se non facciamo politica per la prevenzione non riusciamo a sostenere il Ssn. Poi c’è il problema di inserire l’evidenza scientifica, cioè, occorre andare a verificare, in tutte le procedure diagnostiche e le prestazioni terapeutiche che forniamo, quanto c’è di inutile e quanto di importante. Questo vale naturalmente anche nel campo dei farmaci: è inaccettabile che spendiamo un quinto dei nostri centodieci, centododici miliardi di fondi per la salute solo per i medicinali. Se si pensa all’insieme del Servizio sanitario nazionale, agli stipendi di un milione circa di persone, alle strutture ospedaliere che richiedono manutenzione, alle apparecchiature, ai reattivi, ai beni di consumo, è possibile che spendiamo un quinto del nostro patrimonio per i farmaci? A me pare assurdo. Poi c’è la ricerca. Un’industria che ha un fatturato di cento miliardi l’anno non è pensabile che non abbia un adeguato programma di ricerca, perché il sistema è così complesso che non ti puoi fidare solo della ricerca altrui. Occorre una ricerca interna e indipendente al Servizio sanitario nazionale, che non riguardi solo l’efficacia di farmaci e interventi, ma che sia anche di natura organizzativa. È meglio agire in un modo o nell’altro? Anche questo va fatto in modo sperimentale: si tiene conto di alcune Regioni in cui si prova ad applicare un modello e poi si paragonano i risultati con le altre. Solo a quel punto si attua per tutti l’approccio che è risultato il migliore. Invece la ricerca indipendente in Italia è la Cenerentola, a cui si riservano sempre meno risorse, con il risultato di essere sempre in balìa degli interessi di qualcuno.

(dal Capitolo 10, La difesa del Servizio Sanitario Nazionale)

© 2019 Solferino Libri, tutti i diritti riservati

Tratto dal libro di Silvio Garattini con Roberta Villa

IL GUERRIERO GENTILE

Solferino Libri, 272 pagine, 18,00 euro

 

SILVIO GARATTINI è medico e libero docente in Chemioterapia e Farmacologia. Fondatore nel 1961 e direttore fino al 2019 dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, di cui oggi è presidente, è stato membro di diversi organismi governativi tra cui la Commissione della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la politica della ricerca in Italia e la Commissione unica del farmaco. Ha ricoperto numerose cariche a livello internazionale ed è autore di centinaia di lavori scientifici.

ROBERTA VILLA è laureata in medicina, giornalista pubblicista e assegnista di ricerca per l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha pubblicato con «Corriere della Sera» il libro Vaccini. Il diritto di non avere paura (2017) ora riedito da Il Pensiero scientifico editore. Collabora con l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC), la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri ed è attiva sui social network: cura su Youtube e Instagram canali di divulgazione scientifica.

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24