I diamanti potrebbero chiarire l'origine dei continenti

Scienze

A suggerirlo è uno studio condotto dai ricercatori dell’Istituto Gemmologico Americano che ha analizzato i minerali intrappolati in alcune pietre provenienti da Sierra Leone, Botswana e Canada 

I diamanti celano al loro interno i segreti della vita sulla Terra. Oltre a essere particolarmente apprezzate dalle donne, queste pietre che si originano in profondità, raccolgono un grande numero di informazioni preziose per svelare i meccanismi alla base della formazione dei continenti.
A suggerire il ruolo dei diamanti è uno studio condotto dall’Istituto Gemmologico Americano (Gia) che ha indagato i segreti nascosti in alcuni diamanti della Sierra Leone, del Botswana e del Canada.

Analisi dei minerali intrappolati nei diamanti

Per compiere lo studio, pubblicato sulla rivista specializzata Science, i ricercatori hanno studiato i piccoli granelli di minerali, particolarmente ricchi di zolfo, rimasti imprigionati in alcuni diamanti.
Nello specifico, nelle pietre provenienti da Sierra Leone e Botswana sono emersi chiari segnali in grado di spiegare la formazione del continente africano.
L’Africa si sarebbe originata oltre 2,5 miliardi di anni fa a seguito di due distinti fenomeni di subduzione.
Dai minerali intrappolati nelle pietre del Canada, sembra invece che il Nord America abbia avuto una formazione differente non legata a questa tipologia di eventi geologici.

Il dibattito sull'origine dei continenti

"Dal momento che questo è l'unico pianeta roccioso e attivo dal punto di vista tettonico che conosciamo, capire come si sono formati i continenti è essenziale per distinguere cosa lo ha reso in grado di ospitare la vita", spiega Steve Shirey, esperto della Carnegie Institution. Lo studio dei diamanti, secondo i ricercatori, potrebbe aiutare a chiarire la formazione dei continenti, ponendo fine a uno dei misteri irrisolti più importanti per l’essere umano. Vi sono due note e differenti teorie sull’origine dei continenti, ancora in cerca di un effettivo riscontro scientifico. La prima ipotizza che si siano formati a seguito di eventi di subduzione delle placche. La seconda, invece, sostiene che siano stati generati da pennacchi di magma che si sono raffreddati salendo in superficie. 

Scienze: I più letti