Pronta la prima cornea fatta di cellule staminali stampata in 3D

Stephen Swioklo e Che Connon, ricercatori dell'Università di Newcastle che hanno progettato la cornea 3D (Ansa)
1' di lettura

Un prototipo, realizzato con uno speciale bio-inchiostro, potrebbe portare a riserve illimitate per i trapianti. Il progetto dell’università di Newcastle è stato pubblicato sulla rivista Experimental Eye Research. La tecnica potrebbe diventare comune in pochi anni

È pronta la prima cornea stampata in 3D, ottenuta con uno speciale bio-inchiostro fatto di cellule staminali umane e sostanze aggreganti. Il risultato è un prototipo, ottenuto nell'Università britannica di Newcastle e lo studio è stato pubblicato sulla rivista Experimental Eye Research dagli gli autori della ricerca Abigail Isaacson, Stephen Swioklo e Che Connon. Dopo gli ultimi perfezionamenti la tecnica potrà "assicurare in futuro - dicono i ricercatori - una riserva illimitata di organi" per i trapianti di cornea.

I problemi alla cornea tra i più diffusi

"Abbiamo dimostrato che è possibile stampare le cornee", ha detto Che Connon, professore dell'Università di Newcastle. Secondo quanto riportato dal Financial Times, ogni anno sono 10 milioni le persone che accusano problemi visivi per il malfunzionamento della cornea, mentre sono cinque milioni quelle che perdono totalmente la vista ma che l'avrebbero salvata se avessero ricevuto un trapianto. Le cornee 3D sono ancora un prototipo ma i ricercatori sperano che questa tecnica diventi comune nel giro di quattro o cinque anni.

Leggi tutto
Prossimo articolo