Nasa, festa “interstellare” per i 40 anni delle sonde Voyager

Scienze
GettyImages-Voyager_Nasa

In occasione dell'anniversario, festa al Museo dell'aeronautica di Washington. Ci sarà anche un messaggio inviato nello spazio da un ospite vip

La Nasa celebra i 40 anni della missione Voyager e lo fa con una festa “interstellare” - anche Social – con tanto di ospite vip a sorpresa che invierà i suoi auguri al di là dei confini del Sistema solare.

La festa della Nasa

L'appuntamento è per martedì 5 settembre, data in cui nel 1977 fu lanciata la prima sonda Voyager. Sulla Terra, la festa – trasmessa in diretta sul sito della Nasa – si svolgerà a partire dalle 9.30 (le 15.30 in Italia) al National Air and Space Museum di Washington, il più famoso museo al mondo dedicato all'aeronautica e allo spazio. Previste tavole rotonde con esperti che ricorderanno la storia della missione e i suoi risultati scientifici, nonché l'impatto sull'immaginario collettivo. Anche il pubblico da casa potrà porre domande sui Social tramite l'hashtag #AskNASA.

Le sonde Voyager

Le Voyager rappresentano una pietra miliare dell'esplorazione del Sistema solare. La sonda numero 1, partita appunto nel '77 per esplorare Giove e Saturno, è diventata “la sonda dei record”, la prima – nel settembre 2013 – ad addentrarsi nello spazio interstellare. E Voyager-2, che nel 1979 ha “salutato” Giove e le sue lune, non è stata da meno. Tra i suoi traguardi, il tuffo del 1981 in un anello di Saturno allora sconosciuto e lo studio approfondito di Urano, con la recente scoperta di altre due lune: datata 2016, è stata possibile grazie ai dati raccolti dalla sonda nel 1986.

Gli auguri interstellari

E martedì una “celebrità” che la Nasa ha preferito non svelare farà gli auguri alla missione per i suoi 40 anni, inviando proprio a Voyager-1, nello spazio più profondo, un messaggio galattico.

Scienze: I più letti