Swim for Parkinson, l’evento per raccogliere fondi per la ricerca

Salute e Benessere

Una squadra composta da persone con Parkinson, familiari e neurologi affronterà le acque dello Stretto di Messina per sensibilizzare sulla malattia e aiutare la ricerca

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Domani, martedì 6 settembre, si svolgerà la terza edizione di Swim for Parkinson, l’iniziativa di raccolta fondi per la ricerca organizzata dalla Fondazione Limpe per il Parkinson Onlus con il patrocinio della Federazione Italiana Nuoto e della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico. Per l’occasione, una squadra composta da persone con Parkinson, familiari e neurologi affronterà le acque dello Stretto di Messina. L’obiettivo dei trenta partecipanti sarà quello di portare a termine una staffetta a nuoto nel tratto che va da Capo Peloro a Cannitello. Fondazione Limpe spiega che “la traversata è un’occasione per mettersi alla prova e dimostrare che non vi sono limiti imposti dalla propria patologia”.

L’obiettivo dell’evento

approfondimento

Parkinson, positivi i primi test su una molecola che frena la malattia

“Nuotare fianco a fianco, prendendosi cura gli uni degli altri, è il messaggio più importante che la Swim possa lanciare”, ha spiegato la Fondazione tramite una nota. “Il Parkinson, infatti, si combatte insieme attraverso l’unione molto forte che il neurologo ha con il paziente e il suo nucleo familiare. E attraverso la ricerca costante e continua di cure efficaci e adeguate, ma per fare ricerca servono fondi”. In occasione della Swin for Parkinson, la Fondazione Limpe per il Parkinson Onlus raccoglierà dei fondi per la ricerca attraverso la piattaforma GoFundMe. Le donazioni serviranno a sostenere un progetto di ricerca italiano multicentrico sulle terapie avanzate per il Parkinson. L’evento, infatti, mira ad accedere i riflettori sui benefici dell’attività fisica per i pazienti.

 

L’importanza dell’esercizio fisico per chi ha il Parkinson

 

“Numerosi studi hanno dimostrato che l’esercizio fisico è efficace nelle persone con malattia di Parkinson poiché può migliorare e ritardare la progressione dei sintomi correlati alle capacità motorie”, spiega Leonardo Lopiano, presidente di Fondazione Limpe per il Parkinson Onlus. “Il nostro obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia di Parkinson, ispirare altre persone con il Parkinson a mettersi alla prova e raccogliere fondi per la ricerca”, ha aggiunto Francesca Morgante, neurologa della Fondazione Limpe.

Salute e benessere: Più letti