Covid, Agenas: occupazione reparti stabile al 14%, 6 Regioni oltre 15%

Salute e Benessere
©Ansa

Resta stabile al 4% a livello nazionale anche il dato che concerne l'occupazione delle terapie intensive. Sono i numeri riportati nell’ultimo report dell'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, relativo al 7 agosto 2022, ma pubblicato in data odierna

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

In Italia, l’occupazione dei reparti di “area non critica” da parte dei pazienti Covid è stabile al 14%. Un anno fa il medesimo valore era al 5%. Tuttavia, sono ancora 6, seppur in calo, le Regioni in cui la percentuale di posti occupati per Covid nei reparti ordinari supera la soglia del 15%: Umbria (37%), Calabria (29%), Liguria (24%), Sicilia (22%), Marche (18%), Emilia Romagna (16%). Nelle ultime 24 ore a livello nazionale è rimasto stabile al 4% anche il dato che concerne l'occupazione delle terapie intensive, e tutte le Regioni sono sotto il 10%. Il dato, 12 mesi fa, risultava al 3%. Sono i principali dati diffusi dall'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas) e relativi al 7 agosto 2022, ma pubblicati in data odierna. (COVID: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA - VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE).

Il dettaglio regionale dei reparti di “area non critica”

vedi anche

Tutti i video sulla pandemia di Covid-19

Esaminando nel dettaglio il monitoraggio di Agenas e sempre considerando l’arco delle 24 ore, la percentuale dei posti nei reparti ospedalieri di area medica, o “non critica”, occupata da pazienti positivi al Covid-19 è risultata in calo in 7 Regioni o province autonome - Abruzzo (19%), Basilicata (18%), Campania (15%), Friuli Venezia Giulia (17%), Lazio (14%), Marche (18%), Valle d'Aosta (16%) -, mentre è cresciuta  in 4 Regioni: Liguria (24%), Molise (14%), Pa Bolzano (14%), Pa Trento (15%). Lo stesso dato è rimasto stabile in 11 Regioni: Calabria (29%), Campania (13%), Emilia Romagna (16%), Lombardia (11%), Puglia (15%), Sardegna (10%), Sicilia (22%), Toscana (12%), Umbria (37%), Veneto (11%).

La situazione nelle terapie intensive

Nel medesimo arco di tempo, l'occupazione dei posti nelle terapie intensive da parte di pazienti con Covid-19 è stata segnalata in aumento in Basilicata (5%), Sardegna (6%), Umbria (7%), mentre è scesa in 5 Regioni. Il dato, infine, è rimasto stabile in 14 Regioni o province autonome: Campania (4%), Emilia Romagna (5%), Friuli Venezia Giulia (1%), Lazio (6%), Liguria (2%), Marche (2%), Molise (3%), Lombardia (2%), Pa Trento (3%), Piemonte (2%), Puglia (4%), Sicilia (6%), Toscana (4%), Veneto (3%). In Valle d'Aosta (0%) e Pa Bolzano (0%), la variazione non è risultata disponibile.

Salute e benessere: Più letti