Gli alimenti ricchi di potassio aiuterebbero a tenere sotto controllo la pressione

Salute e Benessere
©Getty

A suggerirlo sono i risultati di un nuovo studio condotto dalla Amsterdam University Medical Centers, nei Paesi Bassi, dal quale è emerso che i cibi ricchi di potassio, come banane, avocado e salmone, avrebbero la capacità di ridurre gli effetti negativi del sale nella dieta

 

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Consumare alimenti ricchi di potassio aiuterebbe a tenere sotto controllo la pressione e a ridurre il rischio di eventi cardiovascolari, soprattutto nelle donne. A suggerirlo sono i risultati di un nuovo studio condotto dalla Amsterdam University Medical Centers, nei Paesi Bassi, dal quale è emerso che i cibi ricchi di potassio, come banane, avocado e salmone, avrebbero la capacità di ridurre gli effetti negativi del sale nella dieta, favorendo l'espulsione di una maggiore quantità di sodio con le urine.

Lo studio su oltre 20mila soggetti  

approfondimento

Pressione bassa, 10 rimedi naturali da provare

Lo studio, pubblicato sull'European Heart Journal, ha coinvolto 24.963 soggetti di età compresa tra 40 e 79 anni, di cui 13.696 donne e 11.267 uomini. Analizzando la correlazione tra assunzione di potassio e pressione sanguigna, i ricercatori hanno osservato una diminuzione della pressione sanguigna all'aumentare dei consumi di potassio, con un vantaggio superiore nelle donne rispetto che negli uomini. Una successiva analisi, effettuata dopo 20 anni, ha rilevato che il 55% dei partecipanti allo studio era stato ricoverato in ospedale o era deceduto a causa di malattie cardiovascolari.

Ridotto rischio di eventi cardiovascolari

Comparando i dati a disposizione sull'alimentazione e le cartelle cliniche dei soggetti, è emerso un rischio ridotto del 13% di eventi cardiovascolari tra i soggetti che assumevano livelli alti di potassio, rispetto a chi che ne assumeva una quantità minore, con un vantaggio maggiore, anche in questo caso, per le donne.  
"È risaputo che un consumo elevato di sale è associato a una pressione sanguigna elevata e a un aumentato rischio di infarti e ictus", ha spiegato Liffert Vogt, tra gli autori dello studio. "I consigli si sono concentrati sulla limitazione dell'assunzione di sale nella dieta, ma questo è difficile da realizzare dal momento che la nostra alimentazione include cibi processati. Il potassio può aiutare il corpo a espellere il sodio", ha concluso.

 

Salute e benessere: Più letti