Covid, ministero Salute: possibili focolai rilevanti di influenza

Salute e Benessere
©Ansa

Con la prossima stagione influenzale, potrebbe aumentarne la probabilità, perché "a causa della minore esposizione a virus respiratori stagionali l'immunità della popolazione potrebbe esser diminuita". È quanto indicato nella circolare sulla "Prevenzione e controllo dell'influenza: raccomandazioni per la stagione 2022-2023"

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Con la prossima stagione influenzale "potrebbe aumentare la possibilità di osservare focolai rilevanti, specialmente se causati da ceppi nuovi o introdotti di recente". Questo perché "per il secondo anno consecutivo la pandemia Covid-19 e le conseguenti misure di contenimento", come distanziamento e mascherine, "hanno ridotto drasticamente a livello globale la circolazione dei virus influenzali" e a causa della minore esposizione a virus respiratori stagionali "l'immunità della popolazione potrebbe esser diminuita". È quanto indicato dalla Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute nella circolare sulla "Prevenzione e controllo dell'influenza: raccomandazioni per la stagione 2022-2023". (COVID: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA - VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

 

La circolare nel dettaglio

approfondimento

Influenza di tipo A, allo studio vaccini con virus vivi attenuati

Nel documento viene, inoltre, rimarcata l'importanza della vaccinazione antinfluenzale, che resta "fondamentale per assicurare una certa immunità nella popolazione". In particolare, l'obiettivo minimo per i gruppi target, ovvero anziani, fragili, bambini sotto i 6 anni, operatori sanitari, addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e lavoratori di settori sensibili, è raggiungere una copertura del 75%, che sale al 95% come obiettivo ottimale. Secondo il ministero è "necessario continuare a monitorare e prepararsi alla prossima epidemia di influenza stagionale e a pandemie influenzali future: sorveglianza e test continui, indagini rapide sui focolai, sequenziamento tempestivo e condivisione dei dati sono di fondamentale importanza". Per questo, nella circolare si chiede alle Regioni di "sensibilizzare la partecipazione dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta alla sorveglianza epidemiologica". Le Regioni vengono anche "invitate a potenziare la sorveglianza virologica dell'influenza e delle altre virosi respiratorie, identificando e sostenendo adeguatamente i laboratori afferenti alla rete nazionale".

Influenza: numeri nel mondo

La Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute ricorda, inoltre, che ogni anno nel mondo si registrano circa un miliardo di casi di influenza: dai 3 ai 5 milioni i casi gravi, tra i 290.000 e i 650.000 i decessi. Nello specifico, in Europa si registrano tra i 4 ai 50 milioni di casi sintomatici di influenza, con 15mila/70mila decessi per cause associate all'influenza. Decessi che riguardano per il 90% soggetti di età superiore ai 65 anni, specialmente tra quelli con condizioni cliniche croniche di base.

Anagrafe vaccinale nazionale anche per l'influenza

Nella circolare è stato inoltre annunciato che potrebbe partire dalla stagione 2022-2023 l'utilizzo dell'Anagrafe vaccinale nazionale (Avn) per la raccolta dei dati sulle persone vaccinate contro l'influenza. Fino ad oggi i dati delle dosi di vaccino antinfluenzale somministrate alla popolazione target sono stati gestiti attraverso il sistema informatizzato predisposto dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss). Ora è atteso il passaggio al nuovo sistema dell'Anagrafe vaccinale nazionale, che è però vincolato al superamento di una verifica, attualmente in corso, tra i dati raccolti dai due sistemi per valutarne la coerenza e completezza. "Se l'esito di tale valutazione sarà positivo, per la stagione 2022-2023 sarà operativa l'Anv anche per i vaccini antinfluenzali. In alternativa si continuerà ad utilizzare il consueto portale dell'Iss", si precisa nella circolare.

 

Salute e benessere: Più letti