Covid, Costa a Sky TG24: "Tampone a vaccinati non è sul tavolo. Misure sufficienti"

Salute e Benessere

Lo ha dichiarato il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa. "Ritengo che il Governo abbia scelto misure sufficienti a gestire i prossimi giorni e settimane. Il super Green pass credo sia un elemento di sufficiente tutela", ha aggiunto

L'introduzione di ulteriori misure in vista delle feste, come il tampone ai vaccinati "non è un tema sul tavolo del ministero". Lo ha sottolineato il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, in un'intervista a Sky TG24, a proposito della possibile introduzione di ulteriori misure di contenimento per frenare l'epidemia di Covid-19 nel nostro Paese.
"Ritengo il Governo abbia scelto misure sufficienti a gestire i prossimi giorni e settimane. Il super Green pass credo sia un elemento di sufficiente tutela. Mentre il tampone per i vaccinati diventerebbe difficile da gestire e attuare", ha aggiunto. (COVID: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA - VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

"Obbligo mascherina all'aperto? Poco senso a livello nazionale"

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo: news del 17 dicembre 2021

Quanto a eventuali nuove misure che riguardano l'obbligo di mascherina all'aperto, secondo Costa "avrebbe poco senso introdurre l'obbligo a livello nazionale". "Invece è giusto che gli amministratori locali possano introdurlo in caso di particolari criticità", ha sottolineato.

"Vaccino Covid under 5 anni probabile entro marzo-aprile"

Per quanto riguarda il vaccino anti-Covid ai più piccoli, secondo il sottosegretario alla Salute "è ragionevole pensare che a marzo-aprile ci possa essere un vaccino anche per gli under 5".
"La scienza ogni giorno procede. È ragionevole che a marzo aprile ci saranno evidenze scientifiche che creeranno condizioni sufficienti per far esprimere gli enti regolatori. Sapremo allora se ci sarà un vaccino disponibile anche in quella fascia di età. Ovviamente attendiamo con fiducia perché significherebbe avere uno strumento in più per combattere questa pandemia", ha precisato.

"Su viaggi all'estero altri Paesi seguiranno Italia"

Commentando l'ordinanza che prevede per i vaccinati l'obbligo di tampone negativo per entrare in Italia dai Paesi dell'Ue e per i non vaccinati tampone e quarantena, Costa ha poi dichiarato: "Il provvedimento che introduce restrizioni per chi arriva in Italia dall'estero mira a preservare la situazione migliore che abbiamo nel nostro Paese". Ma "ora altri Stati stanno prendendo in considerazione l'ipotesi di prendere questi provvedimenti". "L'Italia - ha aggiunto - ha anticipato scelte, che altri Paesi faranno e stanno facendo. È dovere di un governo mettere in atto provvedimenti che tutelino la salute dei cittadini".

"Domani sarò in piazza per ascoltare e parlare con no vax"

Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa domani sarà a La Spezia, in piazza, per un confronto con i no vax. "Ho avuto questo invito e accettato il confronto perché credo sia dovere della politica provare a riallacciare un dialogo con chi ha idee diverse. Credo sia mio dovere provare a rassicurare i cittadini e istaurare con loro un dialogo partendo dall'ascolto, nella speranza di poter convincere qualcuno a vaccinarsi", ha spiegato, per poi sottolineare: "Credo che la politica non possa che ripartire dall'ascolto, soprattutto in un momento così difficile. Ho accettato l'invito con grande disponibilità e spero si possa istaurare un dialogo".

Salute e benessere: Più letti