Covid, Gimbe: l’ultima ondata è stata meno violenta grazie ai vaccini

Salute e Benessere

Nino Cartabellotta, il presidente della Fondazione, ha spiegato che “la percentuale di ospedalizzazioni è molto inferiore rispetto allo stesso numero di casi delle ondate precedenti, è circa la metà”

L’impatto dell’ultima ondata di Covid-19 è stato meno violento rispetto a quello delle precedenti. Il merito è stato in gran parte della campagna vaccinale, che nei mesi estivi ha conosciuto un’importante accelerazione. A confermarlo sono le dichiarazioni rilasciate da Nino Cartabellotta, il presidente della Fondazione Gimbe, ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti. “La stagione turistica estiva l’abbiamo salvata grazie alla campagna vaccinale”, ha spiegato Cartabellotta. “La percentuale di ospedalizzazioni è molto inferiore rispetto allo stesso numero di casi delle ondate precedenti, è circa la metà. Nel quadro nazionale si innestano differenze regionali importanti: questo dipende dalla circolazione del virus, dalla copertura vaccinale e dalla percentuale di over 50 non vaccinati. La Sicilia ha la quota più alta di over 50 non vaccinati, mentre la Puglia la più bassa e la differenza si vede. Bisognerà vedere se con la riapertura delle scuole cambierà qualcosa dal punto di vista dei contagi”, ha aggiunto l’esperto.

Il possibile calo della copertura vaccinale

approfondimento

Vaccino Covid: dati e grafici sulle somministrazioni in Italia

Secondo Cartabellotta, ciò che ora preoccupa di più “è l’emergere di nuove varianti e anche il potenziale calo della copertura vaccinale, ovvero la possibilità che la protezione del vaccino possa calare col tempo”. “La protezione vaccinale rimane molto alta per ricoveri e decessi”, ha poi aggiunto il presidente della Fondazione Gimbe. “Sui contagi stiamo iniziando a vedere un lieve calo della protezione. Un’altra preoccupazione è quella legata ai tre milioni e mezzo di over 50 non ancora vaccinati. Questo si può tradurre in un numero più alto di ospedalizzazioni, che può determinare nuove chiusure. Più persone arrivano in ospedale per Covid e meno posto c’è per i malati di altre patologie. Questo è un elemento che deve passare nella comunicazione pubblica, il ragionamento sull’obbligo vaccinale va in questa direzione”. 

 

Le prossime sfide

Infine, Cartabellotta ha osservato che “la copertura dovuta alla campagna vaccinale consente alla politica di rischiare di più con le riaperture. È chiaro però che tutta una serie di falle, come quella degli over 50 non vaccinati, devono essere coperte. Bisogna affrontare l’arrivo della stagione autunnale, il verosimile declino della copertura vaccinale col tempo, l’ipotesi di nuove varianti più resistenti al vaccino, ma è verosimile che non ci siano più chiusure come quelle che abbiamo visto in passato”.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24