Johnson: necessario agire contro nuova variante Covid. Misure più dure a Londra da domani

Salute e Benessere

Lo ha annunciato il premier britannico Boris Johnson in conferenza stampa. "Sembra che il virus circoli più velocemente a causa di una nuova variante, non ci sono prove di una maggiore letalità", ha aggiunto

"Sembra che il virus circoli più velocemente a causa di una nuova variante, non ci sono prove di una maggiore letalità ma sembra che si propaghi più velocemente.
È tutto quello che sappiamo, ma dobbiamo agire adesso". Lo ha annunciato il premier britannico Boris Johnson in conferenza stampa. "Nulla al momento indica che il vaccino sarà meno efficace", ha aggiunto, confermando quanto precedentemente dichiarato dal Chief Medical Officer dell'Inghilterra, Chris Whitty. "Il New and Emerging Respiratory Virus Threat Advisory Group (NERVTAG) ritiene che questo nuovo ceppo possa diffondersi più rapidamente. Al momento non ci sono prove che questo nuovo ceppo causi un tasso di mortalità più elevato o che influenzi i vaccini e le terapie, ma sono in corso lavori urgenti per confermarlo", ha spiegato in una nota Whitty, poco prima dell'inizio della conferenza stampa. L'Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe stata avvisata della più rapida diffusione di questa nuova variante prima dell'annuncio del premier britannico.

Johnson: "Restrizioni più dure a Londra da domani”

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo: le notizie del 19 dicembre

"Con il cuore pesante devo annunciare che non possiamo avere il Natale che avevamo programmato", ha dichiarato il premier britannico, annunciando nuove restrizioni nel Regno Unito in seguito alle informazioni sulla più rapida diffusione del ceppo del coronavirus Sars-Cov-2 individuato nel sud-est dell'Inghilterra. Johnson ha poi confermato che Londra e il sud-est dell'Inghilterra andranno in lockdown da domani, 20 dicembre: entreranno nella cosiddetta "tier 4", il massimo livello di allerta che prevede le restrizioni più dure per contrastare la circolazione del coronavirus. Le nuove restrizioni, equivalenti a quelle introdotte nel Paese a novembre, resteranno in vigore per due settimane, con una verifica attesa per il 30 dicembre. Ai cittadini residenti nelle zone in "tier 4" è richiesto di rimanere in casa e di lavorare dalla propria abitazione ove possibile e non è consentito recarsi all'estero, se non in circostanze eccezionali. Inoltre, da domani rimarranno chiuse le attività commerciali non essenziali. Boris Johnson ha poi precisato che la nuova variante del virus è presente in tutto il Paese, seppur in misura minore rispetto alle zone in "tier 4", invitando i cittadini a limitare gli spostamenti. "Tutti devono rimanere nella propria zona e considerare con attenzione l'opportunità di viaggiare all'estero", ha aggiunto.

 

Vallance: "Nuova variante virus ora dominante a Londra"

Nel corso della conferenza stampa è intervenuto anche Patrick Vallance, il capo dei consulenti scientifici del Regno Unito. Vallance ha precisato che la nuova variante è stata scoperta a metà settembre a Londra e nel Kent. A dicembre, ha aggiunto, "è diventata la "variante dominante" a Londra. In particolare, nella settimana conclusasi il 18 novembre, la variante è stata individuata in un caso su quattro a Londra e nel Sud-Est dell'Inghilterra e nell'Inghilterra orientale. Nella settimana terminata il 9 dicembre, invece, il nuovo ceppo del coronavirus è stato riscontrato nel 62% dei casi a Londra, nel 59% nell'Inghilterra orientale e nel 43% nel Sud-Est.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24