Ritirato cioccolato fondente a marchio Conad: presenti frammenti di plastica

Salute e Benessere

Il ministero della Salute invita i clienti a non consumare per nessuna ragione il prodotto e a riportarlo nel punto vendita per sostituirlo o ricevere un rimborso

Tramite un comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale, il ministero della Salute ha segnalato il richiamo del prodotto “Fondente Noir – Cioccolato fondente extra 72% cacao” venduto a marchio Conad, a causa della possibile presenza di frammenti di plastica dura. A rendere noto il problema è stata la stessa catena di supermercati. Il ministero della Salute invita i clienti a non consumare per nessuna ragione il prodotto e a riportarlo nel punto vendita per sostituirlo o ricevere un rimborso.

 

Le caratteristiche del prodotto ritirato

 

Il richiamo riguarda i lotti L1330004 e L1328941 del prodotto “Fondente Noir – Cioccolato fondente extra 72% cacao”, venduto a marchio Conad S.C e prodotto da Chocolats Halba nello stabilimento di Salinenstrasse 70, Prattlen – Svizzera. Il cioccolato è venduto in confezioni da 100 grammi, scade il 30/10/2021 ed è riconoscibile dal codice EAN 8003170023710. Sul proprio sito, Conad specifica che il ritiro del prodotto è avvenuto in seguito al continuo processo di controllo da parte del suo fornitore, che ha evidenziato la possibile presenza di frammenti di plastica dura nelle tavolette di cioccolato fondente.

 

I richiami segnalati dal ministero della Salute

 

In un’apposita sezione del suo sito ufficiale, il ministero della Salute segnala in tempi brevi tutti i prodotti alimentari richiamati da parte degli operatori, in modo da salvaguardare la salute dei consumatori. Tutte le segnalazioni sono accompagnate da una scheda dettagliata, contenente il motivo del richiamo e informazioni utili all’identificazione del prodotto, come il numero del codice a barre, la data di scadenza, il marchio di identificazione dello stabilimento, il nome del produttore ecc. Dietro al richiamo di un prodotto possono esserci motivi diversi, come l’identificazione di un batterio (la listeria o la salmonella, per fare due esempi) nel lotto, la presenza di lattosio in un prodotto che non dovrebbe contenerlo o, come nel caso del cioccolato Conad, la possibile presenza di frammenti di plastica dura.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24