Approvato negli Usa primo spray con cellule di pelle per ustioni

Salute e Benessere
Foto di archivio (Getty Images)
dottori_ospedale_operazione_getty

Il nuovo strumento potrebbe migliorare le terapie per curare le bruciature gravi usando lo stesso tessuto epiteliale del paziente 

La Fda (Food and Drug Administration) ha approvato il primo spray a base di cellule della pelle, ricavate dal paziente stesso. Le cellule del tessuto epiteliale usate nel nuovo spray riescono a creare un nuovo strato di epidermide sull’ustione. È stato ideato dalla società Avita Medical in collaborazione con il dipartimento ‘Biomedical Advanced Research and Development Authority’ del governo federale. È stato realizzato con speciali enzimi. Potrebbe rappresentare un importante passo in avanti per la cura delle ustioni.

Come funziona esattamente?

Il prodotto, chiamato ReCell, è stato progettato per trattare gravi ustioni sul corpo con un singolo spray. Il sistema, messo a punto da Avita Medical, utilizza una combinazione di enzimi in grado di scomporre gli strati di pelle da una piccola parte di tessuto e mescolarli in un liquido. La soluzione ottenuta contiene cheratinociti, fibroblasti e melanociti, tipi di cellule coinvolte nella guarigione delle ferite. Una volta che le ustioni sono state rivestite con la miscela, inizia la replicazione cellulare e si forma un nuovo strato di pelle. È il primo prodotto spray-on skin a ottenere l'approvazione per il mercato degli Stati Uniti.

Migliore dell’innesto cutaneo?

Il nuovo strumento non solo potrebbe fornire vantaggi per diminuire il dolore del paziente e accelerare i tempi di recupero, ma l'utilizzo del prodotto consentirebbe anche ai medici di curare più persone contemporaneamente e in modo più rapido. Attualmente i medici trattano le gravi ustioni al corpo con l’innesto cutaneo. È una tecnica chirurgica che prevede il trapianto della pelle. Quest’ultima può essere recuperata tagliando la pelle sana per coprire le ustioni o usando quella di un donatore. Attraverso l'innesto cutaneo spesso si corre il rischio che il corpi rigetti la nuova pelle. Usando lo stesso tessuto epiteliale del paziente, potrebbero ridursi notevolmente i rischi di rigetto. 

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.