Lazio, da settembre obbligo vaccino antinfluenzale per over 65 e personale sanitario

Lazio

Il presidente Nicola Zingaretti ha firmato un’ordinanza che stabilisce anche l’obbligo di vaccino anti pneumococcica per queste due categorie. "Il Lazio raccoglie l'appello lanciato dall'Oms per ridurre i fattori confondenti per il COVID-19", commenta il governatore

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato un’ordinanza che stabilisce l’obbligo di vaccino antinfluenzale e anti pneumococcica per gli over 65 e il personale sanitario a partire dal 15 settembre. La mancanza di vaccinazione, come previsto dal documento, comporterà l'inidoneità temporanea del personale sanitario, mentre per le persone sopra i 65 anni di età l'impossibilità di accedere a centri anziani o altri luoghi di aggregazione che non consentano di garantire il distanziamento sociale. "Con questa ordinanza il Lazio raccoglie l'appello lanciato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per ridurre i fattori confondenti per il COVID-19 in presenza di sintomi analoghi”, spiega Zingaretti. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE)

Vaccino "fortemente raccomandato" anche per bambini

L'ordinanza dispone anche la forte raccomandazione del vaccino antinfluenzale "per tutti i bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni attraverso il pieno coinvolgimento dei pediatri di libera scelta".
“È una grande operazione di tutela della salute pubblica. Ricordiamo inoltre che ogni anno sono numerosi i decessi per complicanze soprattutto nelle persone più fragili e croniche", spiega l'assessore regionale alla sanità, Alessio D'Amato.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24