Coronavirus, 216 i ricoverati allo Spallanzani. In Rsa del Reatino 65 positivi

Lazio

Lo rivela il bollettino odierno. Nella casa di riposo di Contigliano sono 42 gli ospiti positivi, 23 gli operatori sanitari. La struttura "è sotto il controllo sanitario da parte di personale medico Asl", ha riferito il sindaco, Paolo Lancia

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Roma

Sono in totale 216 i pazienti positivi al coronavirus attualmente ricoverati allo Spallanzani di Roma. Di questi, 25 necessitano di supporto respiratorio. È quanto emerge dal bollettino giornaliero dell’Istituto, nel quale si comunica che in giornata sono previste nuove dimissioni. Record di guariti nel Lazio: ben 59 nelle ultime 24 ore. I casi registrati sono 208, i decessi sono 14 e 6.317 persone sono uscite dalla quarantena. Nella casa di riposo Alcim di Contigliano, colpita dall'epidemia di Coronavirus, sono 65 i positivi al Coronavirus, tra pazienti e operatori sanitari. Lo ha riferito il sindaco di Contigliano, Paolo Lancia. A quanto riporta l'edizione online de Il Mattino, il Comune di Contigliano, 3.800 persone circa, in provincia di Rieti, sarà dichiarato a breve zona rossa. "Non ho avuto ancora nessuna comunicazione per quanto riguarda eventuali blocchi stradali", ha detto il sindaco di Contigliano, Paolo Lancia. "Abbiamo concordato - ha aggiunto - con l'assessore regionale D'Amato che l'Alcim diventi una sorta di centro Covid-19 affidando la gestione della casa di riposo a personale Asl e regionale". (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

18:36 - Raggi: "Oggi sanificate 650 strade di Roma"

"Voglio aggiornarvi sui lavori straordinari di sanificazione delle strade di Roma che i nostri operatori di Ama e del Servizio Giardini stanno effettuando da settimane per contrastare la diffusione del coronavirus". Così su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi. "Oggi le autobotti sono partite in mattinata per lavare circa 650 strade in tutta la città - aggiunge - nel dettaglio quelle del Servizio Giardini hanno coperto i Municipi X, XI, XII, XIII, XIV e XV mentre nei restanti sono passati i mezzi di Ama. Solo questi ultimi questa mattina hanno irrorato circa 160 mila litri di igienizzante. Nelle settimane scorse sono stati sanificati circa 60 mila cassonetti in tutti i Municipi - conclude Raggi - Abbiamo raddoppiato le autobotti in giro per Roma e concentrato gli interventi soprattutto nelle aree vicino a farmacie, ospedali, caserme, supermercati, stazioni del treno e fermate della metro. #NonAbbassiamoLaGuardia".

17:51 - Lazio, 39% ricoverati sono in ospedale e 42% al domicilio

Nella Regione Lazio, dei casi Covid-19 finora confermati, il 39% è ricoverato in una strutta sanitaria, il 42% è in isolamento domiciliare e il 5% è in terapia intensiva. I guariti sono l'8%. L'età media dei casi positivi è 58 anni. Il 54% è di sesso maschile e il 46% di sesso femminile. Dall'Istituto Spallanzani infine una buona notizia: il poliziotto di Pomezia, uno dei primi casi nella nostra regione, ha iniziato la riabilitazione ed è in costante miglioramento. La riorganizzazione della rete ospedaliera e delle terapie intensive sta tenendo bene. "Va estesa la sorveglianza domiciliare e nelle strutture ricettive. Le prime due messe a disposizione su Roma sono al completo. E' iniziata infine la distribuzione dei kit dei dispositivi di protezione individuale ai medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta da parte delle Asl", spiega l'assessore alla sanità Alessio D'Amato.
La nuova app della Regione 'LazioDrCovid' in collaborazione con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, ha già registrato oltre 75 mila utenti che hanno scaricato l'applicazione e 2.000 medici di famiglia e 270 pediatri di libera scelta collegati. Per quanto riguarda infine i DPI (dispositivi di protezione individuale) oggi sono in distribuzione presso le strutture sanitarie: 200.000 mascherine chirurgiche, 31.200 maschere FFP2, 660 maschere FFP3, 3.000 calzari, 80.500 guanti.

17:47 - Raggi: "Nel weekend 30 mila controlli, 124 illeciti"

"Nel weekend effettuati da Polizia Locale oltre 30 mila controlli in tutta Roma, 124 gli illeciti riscontrati. Sanzionati anche alcuni runner al Parco degli Acquedotti. Grazie ad agenti per il loro impegno. Ai cittadini dico: #RestateACasa, #NonAbbassiamoLaGuardia". Così in un tweet la sindaca di Roma Virginia Raggi.

17:24 - Lazio, oggi 59 guariti: è record

Record di guariti, ben 59, nelle ultime 24 ore nel Lazio. I casi registrati sono 208, i decessi sono 14 e in 6.317 escono dalla quarantena. E' quanto si apprende dalla Regione Lazio a conclusione della videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù. "Per la prima volta il trend scende sotto all' 8% ma c'è ancora massima attenzione per le case di riposo. Ancora isolati i comuni di Fondi e Nerola dove oggi si è avviato un ulteriore approfondimento epidemiologico che abbiamo richiesto all'istituto Spallanzani. Inoltre è stata avviata la distribuzione da parte delle Asl dei kit dei dispositivi di protezione individuale ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta". 

17:14 - Rincari fino a 330% su mascherine e igienizzanti: denunciato farmacista a Roma

Blitz della Polizia di Stato in una farmacia della Capitale per contrastare i rincari sui prezzi di vendita di mascherine, gel e prodotti igienizzanti. A far scattare i controlli la segnalazione, fatta da un cittadino al commissariato Porta Maggiore, della vendita di una mascherina FFP3 a 30 euro. I poliziotti del commissariato, diretto da Irene Di Emidio, in collaborazione con gli agenti della Divisione Polizia Amministrativa della Questura di Roma, diretta da Angela Cannavale, hanno così proceduto ad un attento esame di tutta la merce esposta, avendo cura di mettere a confronto il prezzo di acquisto con quello di vendita. Hanno così scoperto una maggiorazione sul prezzo di acquisto del 333% per cento di 3891 mascherine FFP1 prive di marchio Ce, del 272% su 37 mascherine FFP3 e 290% su 354 flaconi da 100 ml di gel igienizzante venduti ad 8 euro ciascuno. Al termine dell'ispezione tutto il materiale è stato sequestrato ed il titolare della farmacia, un 40enne italiano, è stato denunciato per manovre speculative su merci e frode in commercio.  

16:12 - Il sindaco di Contigliano: "Al momento nessun blocco"

"Non ho avuto ancora nessuna comunicazione per quanto riguarda eventuali blocchi stradali. La Asl sta tenendo sotto controllo l'Alcim, quasi interamente interessata dal contagio, che riguarda quasi tutti i pazienti anziani e buona parte del personale, 10 di loro sono asintomatici e stanno tuttavia lavorando". E' quanto ha detto a Rietilife.com il sindaco di Contigliano (Rieti), Paolo Lancia, a proposito dell'emergenza Coronavirus in corso nel comune reatino. "In accordo con Asl e Regione - ha aggiunto Lancia - si stanno concentrando nella struttura di Contigliano gli anziani positivi che si trovano nelle strutture di Rieti e Greccio. Abbiamo concordato con l'assessore regionale D'Amato che l'Alcim diventi una sorta di centro Covid-19 affidando la gestione della casa di riposo a personale Asl e regionale. Già da ieri è presente all'Alcim personale medico e infermieri e si sta attrezzando la struttura per curare, quindi, non soltanto i degenti già presenti ma anche quelli di Rieti e Greccio. E' importante che si possano eseguire centinaia di tamponi. C'è urgenza di eseguirli. Queste sono le risposte sanitarie che noi ci aspettiamo. Abbiamo manifestato, io al questore e il presidente della Provincia al prefetto, - ha detto Lancia rispetto all'ipotesi della dichiarazione della zona rossa - le nostre perplessità, fermo restando che accetteremo le decisione delle autorità, bloccare Contigliano vuol dire bloccare le provinciali Fontecerro e Tancia creando un danno immane all'intera provincia di Rieti e disagi alla popolazione. Non abbiamo problemi di flussi che entrano ed escono, ma solo di operatori sanitari che sono tornati a casa loro, e non solo di Contigliano. C'è un contagio - ha concluso il sindaco di Contigliano - concentrato in una sola struttura, dove conosciamo tutti i soggetti".

16:11 - Nel Lazio quattro detenute con figli escono dal carcere

"Sono nove al momento nel Lazio le detenute madri, con altrettanti figli minori, recluse in carcere. Si trovano tutte nel carcere di Rebibbia a Roma. Un numero in calo rispetto a fine febbraio in cui c'erano 13 mamme con 13 bambini", spiega il garante dei detenuti del Lazio, Stefano Anastasìa. Quattro quelle che sono uscite dal carcere insieme ai figli: "Una detenuta ha avuto il differimento di pena, un'altra è stata spostata alla casa di Leda, prima casa famiglia protetta istituita in Italia, mentre le altre due sono in detenzione domiciliare" spiega Anastasìa. "E' stata prevista nel decreto 'Cura Italia' una normativa semplificata per l'esecuzione della pena a domicilio per chi deve scontare meno di 18 mesi - spiega Anastasìa -. Dai 6 ai 18 mesi con disponibilità del braccialetto elettronico. A questo si aggiunge il requisito di un domicilio idoneo. Mi auguro che ovviamente le detenute madri e tutti gli altri con particolari vulnerabilità possano accedere alla detenzione domiciliare". "In una situazione del genere, in piena epidemia da coronavirus, è ancora più intollerabile che i bambini siano costretti a vivere con le madri nelle carceri - aggiunge -. Bisogna farli uscire al più presto dalle strutture carcerarie. C'è anche una specifica raccomandazione dell'Oms di privilegiare l'uscita dal carcere delle persone vulnerabili e in particolare delle donne con bambini". Il garante dei detenuti del Lazio ha ricordato che "a Roma c'è una struttura dedicata alle detenute madri che è la 'Casa di Leda'. E' la prima casa famiglia protetta istituita in Italia per le detenute madri con figli minori. La struttura è all'Eur ha sei posti che al momento sono tutti occupati. Bisognerebbe reperire anche altre strutture e altre risorse - aggiunge -. Stiamo lavorando per fare censimento della strutture che potrebbero accoglierle".

15:34 - Il sindaco Esterino Montino: "19 positivi a Fiumicino"

Sono 19 i positivi nel comune di Fiumicino, uno in più rispetto ad ieri. Lo rende noto il sindaco Esterino Montino, in base all'aggiornamento dei dati da parte della Asl Rm3 sul numero di contagiati da coronavirus. "Attualmente sono 19 le persone risultate positive al tampone – riferisce il sindaco -, mentre sono 112 (cinque in meno rispetto ad ieri, ndr) quelle in sorveglianza attiva perché contatti stretti di persone contagiate". "Anche oggi i numeri dimostrano che non dobbiamo abbassare l'attenzione – conclude Montino - e che anche se a livello generale la situazione sembra lasciare intravedere qualche timido progresso, l'emergenza non è affatto passata. Sono giorni cruciali per i quali rinnovo il mio appello a rimanere a casa. Abbiate, abbiamo, ancora un po' di pazienza perché altrimenti rischiamo di vanificare tutti gli sforzi fatti finora. Restate a casa!".

15:22 - Nessuno slittamento dei cantieri stradali a Roma

Nessuno slittamento dei cantieri sulle principali strade della città. Le procedure legate ai bandi per la partecipazione delle imprese alle gare di Roma Capitale per i lavori pubblici vanno avanti. Così in una nota l'Assessorato alle Infrastrutture. Nelle settimane scorse erano pervenute al Dipartimento Sviluppo e Manutenzione Urbana (Simu) richieste formali per una proroga dei termini da parte delle imprese e da associazioni di categoria, come per esempio ACER. Vista l'emergenza Coronavirus è stato esteso di 15 giorni il termine per presentare la documentazione necessaria per le gare di prossima scadenza. Questa misura è stata adottata per garantire la massima partecipazione delle imprese alle gare di appalto e, successivamente, partire con le procedure di analisi delle offerte, come la normativa prevede, che contiamo di far procedere il più velocemente possibile. Solo a valle della procedura di legge possono essere firmati, quindi, i contratti e possono partire i lavori. L'obiettivo dell'Amministrazione Capitolina è velocizzare le attività amministrative e i numerosi lavori appaltati, già in corso e anticipati. E' il caso dell'intervento nella canna sud della Galleria Giovanni XXIII, inizialmente previsto per il mese di luglio. Sono in fase di completamento i lavori su via Aurelia, nel tratto tra Piazza Irnerio e via di Acquafredda o quelli sulla via del Mare. Non è previsto, quindi, nessuno stop o un rallentamento ai cantieri della città.

14:22 - A Roma pacchi alimentari per famiglie povere

Il Modavi Protezione Civile Lazio, ente iscritto al Dipartimento Nazionale, presente sul territorio romano con diverse associazioni, ha organizzato due tipi di servizi per assistere la popolazione. Da una settimana sono attive squadre di volontari, che si occupano di fare la spesa alimentare e di medicinali per i soggetti che sono impossibilitati ad uscire di casa, come anziani, disabili ed immunodepressi. Da venerdì 27 marzo, inoltre, viene organizzato insieme all'associazione Santa Rita di Torbellamonca e Roma Farmer's Market di Garbatella un circuito di solidarietà attraverso il quale è possibile contribuire al fabbisogno alimentare dei nuclei familiari indigenti, attraverso donazioni sul conto corrente del Modavi Protezione Civile o consegnando loro direttamente dei prodotti per comporre dei pacchi alimentari.

14:21 - Raggi: "Donati soldi dei buoni pasto dei dipendenti in smart work"

"I buoni pasto di Roma Capitale per aiutare chi è in difficoltà. Questo mese la maggior parte dei dipendenti capitolini sta lavorando da casa. Per questo abbiamo deciso di investire i risparmi dell'amministrazione derivanti dal mancato utilizzo dei loro buoni pasto per finanziare iniziative di solidarietà, come la spesa a domicilio per chi versa in condizioni di fragilità". Così su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi. "Si tratta di risorse - aggiunge - che altrimenti sarebbero finite tra le tante voci nel bilancio del Comune e che, invece, destiniamo all'acquisto di beni di prima necessità per chi ne ha bisogno. Sin dai giorni scorsi - prosegue la sindaca - molti dipendenti capitolini avevano manifestato volontariamente la propria disponibilità per questo genere di iniziativa. Il percorso è stato quindi avviato, grazie al determinante lavoro dell'assessore al Personale Antonio De Santis".

14:15 - 52 nuovi positivi nel Reatino, sono 227 in tutto

"All'esito delle indagini eseguite nelle ultime ore si evidenziano 52 nuovi soggetti positivi al test Covid-19. I nuovi casi sono legati ai cluster delle Case di riposo di Contigliano, Rieti e Greccio. In provincia di Rieti salgono pertanto a 227 i soggetti positivi al test Covid-19". E' quanto riferisce il nuovo bollettino sanitario reso noto dalla direzione generale della Asl di Rieti. Risultano in sorveglianza domiciliare 293 soggetti: di questi, 263 sono asintomatici, mentre 30 sono sintomatici e pertanto sottoposti al test; 32 i soggetti usciti dalla sorveglianza domiciliare. "Proseguono - aggiunge la Asl reatina - le indagini epidemiologiche del Servizio di Igiene pubblica (ISP) della Asl di Rieti, necessarie alla valutazione e verifica di eventuali casi sospetti, sul territorio, nelle 77 Case di riposo e nelle RSA della provincia di Rieti.

13:52 - Comune Contigliano sarà dichiarato zona rossa

Il Comune di Contigliano, 3.800 persone circa, in provincia di Rieti, sarà dichiarato, a breve, zona rossa dopo il boom di contagi da Covid-19 registrato nella casa di riposo Alcim. A riferirlo è l'edizione online del quotidiano 'Il Messaggero' citando fonti sanitarie. Ieri sera il sindaco di Contigliano, Paolo Lancia, aveva comunicato di aver ricevuto dalla Asl di Rieti l'esito dei tamponi eseguiti nella struttura da cui si evinceva che i positivi tra i degenti erano 42 e 23 tra gli operatori sanitari. Sempre da ieri la Asl di Rieti ha inviato a Contigliano un 'Covid team' per assistere in loco i malati meno gravi. Nella casa di riposo, che si trova a pochi chilometri da Rieti, sta intervenendo anche l'Esercito per assistere i degenti e i sanitari che vi operano. Le forze dell'ordine, secondo quanto si è appreso, sono pronte a isolare il comune sia in entrata che in uscita.

12:55 - L'assessore alla Persona Mammì: "Bambini e ragazzi autistici possono uscire di casa"

I bambini "con disturbi dello spettro autistico, grave disabilità intellettiva, o problematiche psichiatriche e comportamentali a elevata necessità di supporto" possono uscire di casa rispettando le regole di distanziamento. E' quanto rende noto l'assessore alla Persona di Roma Capitale Veronica Mammì su Facebook, dopo aver chiesto in merito delucidazioni alla Regione Lazio. "Quando è iniziata questa emergenza - afferma l'assessore Mammì - il pensiero è andato subito ai cittadini più fragili e alle loro famiglie. Alla difficoltà che, tanto più per loro, avrebbero comportato le misure di prevenzione in campo" e per i bambini in difficoltà "il solo uscire di casa può rappresentare un'esigenza vitale molto più di quello che può essere per altre persone. Per questo ho chiesto subito un chiarimento alla Regione Lazio, sensibilizzando affinché intervenisse per sua competenza su questa esigenza. Le famiglie hanno bisogno di avere un rassicurazione. Condivido quindi qui, a utilità di tutti, la risposta che abbiamo ricevuto, in cui si chiarisce la possibilità di queste famiglie di uscire con i propri bambini e ragazzi. Stiamo attraversando una fase difficile per tutti, per alcuni ancora di più. Continuiamo a lavorare giorno dopo giorno. Ecco la risposta della Regione - riporta l'assessora capitolina - che abbiamo inoltrato per massima chiarezza anche alla Questura, alla Polizia Locale di Roma Capitale e a tutti i Municipi: "Si ritiene necessario e quanto mai auspicabile, in tale fase emergenziale, consentire per i quadri clinici che lo richiedono, eventuali uscite dall'ambiente domestico come indispensabile azione di prevenzione e gestione delle crisi comportamentali connesse alle relative condizioni psicopatologiche. Resta inteso che le uscite avverranno solo se strettamente necessario, restando nei dintorni di casa, rispettando le regole di distanziamento sociale per prevenire il contagio del virus. L'esigenza di uscire deve essere autocertificata. L'accompagnatore avrà cura di portare con sé il modulo predisposto dal Ministero dell'Interno, indicando quale sia la ragione di 'necessità' dello spostamento, a piedi o con mezzo privato. Oltre all'autocertificazione è consigliabile che l'accompagnatore sia munito di altra documentazione, come il certificato attestante la condizione di disabilità rilasciato dal proprio medico curante o dalla struttura che segue l'assistito".
"Siamo già operativi - ha aggiunto l'assessore - sul contributo rivolto a singoli e famiglie che hanno difficoltà a fare la spesa per individuare criteri e modalità operative sui territori. Ho fin da subito attivato tutti i Municipi e avviato un dialogo per avere a supporto anche le reti territoriali di parrocchie e associazioni di volontariato, così da intercettare anche chi non si è rivolto ai servizi sociali". Mammì fa inoltre sapere di essere "al lavoro con gli assessori di altre città italiane per condividere le azioni sul fronte sociale". 

12:19 - 216 positivi allo Spallanzani

Sono in totale 216 i pazienti positivi al coronavirus attualmente ricoverati allo Spallanzani di Roma. Di questi, 25 necessitano di supporto respiratorio. È quanto emerge dal bollettino giornaliero dell’Istituto, nel quale si comunica che in giornata sono previste nuove dimissioni “di pazienti asintomatici o paucisintomatici”. In totale i pazienti “dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 149”, fa sapere l’ospedale.
"Nell'ambito del progetto regionale ospedale-territorio, coordinato dall'istituto Spallanzani, in collaborazione con l'Ordine dei Medici di Roma e con Confcooperative, d'intesa con la direzione della Asl Roma 5 e con il sindaco di Nerola, è in atto il Programma di monitoraggio della popolazione del comune, sede di un focolaio di Covid 19”, riferisce il bollettino.

11:57 - Controlli a Fiumicino: sei multe

Proseguono i controlli su tutto il territorio di Fiumicino, aeroporto incluso. Nella settimana dal 23 al 29 marzo, la polizia locale ha controllato 573 persone tra lo scalo e la città. Sei le multe elevate ad altrettanti soggetti risultati privi di giustificato motivo. "Naturalmente, stiamo controllando che anche le attività commerciali autorizzate a rimanere aperte rispettino le prescrizioni imposte dai decreti del Presidente del Consiglio - spiega la comandante Lucia Franchini - Durante gli ultimi 6 controlli che hanno riguardato anche l'asta del pesce, in ogni caso, tutto è risultato regolare".

11:54 - Militari Nbc in casa di riposo di Rieti

I militari della Scuola interforze per la Difesa Nbc di Rieti, insieme ai volontari della Protezione civile, stanno intervenendo, in queste ore, in una delle tre case di riposo del Reatino dove sono stati riscontrati numerosi contagi da Coronavirus. I militari, specializzati nel rischio chimico, biologico, radiologico e nucleare, stanno trasportando materiali sanitari, attrezzature e stanno allestendo aree di contenimento all'Istituto Santa Lucia, di piazza Beata Colomba, a Rieti, dove al momento risultano 67 positivi al Covid-19 tra i degenti, il personale sanitario e quello religioso.

11:35 - Unità crisi Lazio: "39% positivi è ricoverato"

"Nella regione Lazio dei casi Covidfinora confermati il 39% è ricoverato in una struttura sanitaria, il 42% è in isolamento domiciliare e il 5% è in terapia intensiva. I guariti sono l'8%. L'età mediana dei casi positivi è 58 anni. Il 54% è di sesso maschile e il 46% di sesso femminile. I casi positivi sono così distribuiti: il 40,4% è residente a Roma città, il 30,6% nella Provincia, il 10,5% a Frosinone, il 2,6% a Rieti, il 6,3% a Viterbo e il 9,5% a Latina. Il 2,4% proviene da fuori Regione". Lo comunica in una nota l'Unità di Crisi Coronavirus della Regione Lazio.

11:25 - Positivo un carabiniere in servizio a Rieti

C'è anche un carabiniere, secondo quanto riferisce l'edizione online de 'Il Messaggero', tra i 175 malati di Coronavirus individuati nel Reatino (il dato si riferisce a ieri). Il militare, in servizio al comando provinciale di viale De Juliis, risultato positivo al test, è stato posto in quarantena e al momento il personale della Asl e dell'Arma stanno ricostruendo tutti i contatti avuti negli ultimi giorni dal militare.

10:35 - I detenuti dell'Isola Solidale donano cibo ai più poveri

I detenuti dell'Isola Solidale hanno deciso di donare generi alimentari di prima necessità alle famiglie romane in difficoltà. L'Isola Solidale è una struttura che da oltre 50 anni accoglie a Roma detenuti ed ex detenuti grazie alle leggi 266/91, 460/97 e 328/2000. I pacchi che contengono zucchero, sale, farina, pasta e olio verranno consegnati all'Elemosineria vaticana che in questi giorni è in prima linea nel sostegno ai più fragili della Capitale. "Un segno importante di vicinanza a chi soffre - spiega Alessandro Pinna, presidente dell'Isola Solidale - da parte da nostri ospiti, che dopo avere deciso di cucinare i pasti per i senza tetto di san Pietro, ora hanno pensato di donare generi alimentari alle famiglie fragili".

9:18 - A Roma arrivano tre camper per effettuare test rapidi

Tre camper con a bordo una equipe medica e test rapidi per il coronavirus si sposteranno per il territorio partendo da Nerola, dichiarato zona rossa e focolaio del contagio nella provincia di Roma. Questo il progetto lanciato dallo Spallanzani e dall'Ordine dei medici che prenderà il via ad aprile. Attraverso i test si raccogliere informazioni sulla comparsa della malattia e lo sviluppo degli anticorpi. Dopo nerola i team dei medici a bordo dei camper raggiungeranno Roma in zona Casilina e Nomentana.

7:08 - 65 i positivi in casa di riposo nel Reatino

"In base alle comunicazioni pervenute in merito dall'Asl, gli ospiti positivi sono 42, gli ospiti negativi sono tre, ospiti per i quali non è pervenuto l'esito del tampone sono otto. Operatori positivi 23, operatori negativi sei, operatori per i quali non è pervenuto l'esito del tampone uno. Due ospiti negativi sono stati già accolti a Villa Franceschini, assistiti da un'operatrice Alcim. La struttura è sotto il controllo sanitario da parte di personale medico Asl", come riferisce il sindaco di Contigliano (Rieti), Paolo Lancia, rendendo noto l'esito dei tamponi eseguiti a ospiti e operatori sanitari della casa di riposo Alcim di Contigliano, colpita dall'epidemia di Coronavirus. 

7:04 - Il sindaco di Fiumicino. "Assistite centinaia di famiglie"

Sono già state assistite, nel comune di Fiumicino, centinaia di famiglie in difficoltà economica per l'emergenza Coronavirus. "Mentre stiamo lavorando per allestire il nuovo centro di raccolta alimentare che sarà a Maccarese e che affiancherà quelli già attivi a Fiumicino, mi arrivano alcuni dei numeri dell'assistenza fornita fin qui alle famiglie della nostra città", ha detto il sindaco Esterino Montino. "Ad esempio i nostri servizi sociali hanno assistito 179 famiglie, mentre la Misericordia ne ha assistite altre 176. È solo una parte del totale perché altre centinaia di famiglie si sono rivolte alla Protezione Civile, la Croce Rossa, la Caritas e Sant'Egidio. Si tratta di famiglie che hanno chiesto aiuto perché le condizioni economiche sono peggiorate per via della crisi in corso, ma anche di persone impossibilitate a uscire di casa che hanno chiesto supporto per il ritiro di farmaci, ricette mediche o anche la spesa".

Roma: I più letti