Mattarella sui migranti e la pace in Ucraina ai Med Dialogues 2022

Politica

Parlando anche delle conseguenze della guerra, il capo dello Stato sottolinea che è impellente trovare soluzioni condivise, perché il multilateralismo offre soluzioni alla tormenta

ascolta articolo

La gestione dei flussi migratori è questione decisiva e globale, e le diplomazie e organizzazioni nazionali e internazionali, a cominciare dall'Ue, sono chiamate ad un impegno comune. Lo sottolinea il presidente Mattarella all'ottava edizione della Conferenza Rome Med: "E' una questione cruciale per la stabilità e la prosperità dell'Ue e del nostro vicinato meridionale". Parlando anche delle conseguenze della guerra, il capo dello Stato sottolinea che è impellente trovare soluzioni condivise, perché il multilateralismo offre soluzioni alla tormenta.

"Siamo al bivio guerra o pace per il progresso?" 

approfondimento

Guerra Ucraina, Biden: "Parlo con Putin se dimostra di volere la pace"

 

"Ancora una volta siamo di fronte al bivio. Cosa permette di guardare al progresso dell'umanità? La guerra o la pace? Dobbiamo partire da quei principi posti alla base della nostra convivenza civile e fondati nel quadro delle Nazioni Unite. Per consolidare il sistema multilaterale e renderlo più democratico, occorre fare riferimento alla uguaglianza fra gli Stati, rifuggendo da una polarizzazione a livello internazionale e da una esasperazione di diversità, certo esistenti, che un dialogo efficace può contribuire a ridurre", ha detto.

 

"Il conflitto in Europa ha anche generato una crisi degli approvvigionamenti alimentari che affligge Paesi della sponda meridionale e che, mentre obbliga a individuare urgenti soluzioni, spinge, insieme, a continuare sulla strada della promozione di sistemi agro-alimentari sostenibili". "Si tratta di una sfida globale e che, nell'area del Mediterraneo allargato, rischia di accentuare problematiche già esistenti e propagare instabilità e insicurezza". "Servono passi concreti", ha continuato. 

Politica: I più letti