Recovery fund, tensioni nella maggioranza. Renzi: "La palla passa a Conte"

Politica
©Ansa

Il premier ha riaperto il dossier Recovery Plan e prova a calmare i renziani, con cui oggi ci sarà l'incontro a Palazzo Chigi. Il Pd chiede chiarezza sulla task force invitando a non sostituire le istituzioni

Il leader di Italia Viva ha inviato una lettera a Giuseppe Conte, in cui parla di "come utilizzare i fondi più ingenti della storia del Paese per farci crescere e per migliorare la sanità, a partire dal Mes”. Oggi in giornata l'incontro tra il primo ministro e Matteo Renzi, dove si discuterà anche di Recovery Fund. Marcucci (Pd): "La maggioranza può e deve essere rafforzata".

La lettera di Renzi a Conte

approfondimento

Recovery Fund, tutte le notizie

"Confidiamo che, con buona pace dei fabbricatori di polemiche, il Presidente Conte questa lettera l'abbia letta. Vedremo se vorrà dare delle risposte. La palla adesso è nelle mani del Premier, dipende solo da lui. Le risposte le deve all'Italia, non a Iv", ha fatto sapere Matteo Renzi nella sua e-news. "Hanno scritto che vogliamo poltrone. Hanno scritto che siamo irresponsabili. Hanno scritto che facciamo tattica. Hanno scritto, ma non hanno letto", dice il leader Iv spiegando che nella lettera si parla di "come utilizzare i fondi più ingenti della storia del Paese per farci crescere e per migliorare la sanità, a partire dal Mes”.

Marcucci (Pd): Conte deve ritrovare coesione della maggioranza"

approfondimento

L'Italia è in ritardo sul Recovery Fund? Dipende

"Questa maggioranza può e deve essere rafforzata, con la collegialità. Ogni eventuale altra soluzione per me rischierebbe di essere un salto nel vuoto". Lo dice il capogruppo Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci in un'intervista rilasciata al Messaggero. "La verifica che è in atto - prosegue - deve servire a ritrovare quella coesione che in alcuni passaggi si è persa. È compito del Presidente del Consiglio ritrovarla, a partire dal piano sul Recovery e dalla sua governance". Sull'ipotesi rimpasto, Marcucci ha dichiarato che "il presidente del Consiglio è il primo che deve valutare la sua squadra, non ho cambiato idea rispetto ad allora. Il rimpasto non deve essere l'obiettivo ma se la maggioranza concorda su alcuni cambiamenti, poi quei cambiamenti vanno fatti".

Gelmini (FI): "Governo impantanato e immobile da settimane"
 

approfondimento

Franceschini: "Crisi di governo? Si andrebbe ad elezioni anticipate"

"Il governo è impantanato da settimane, fermo, immobile, incapace di immaginare azioni concrete e decise per aiutare il Paese ad uscire da questa difficile fase - ha dichiarato in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati - Leggiamo di continue riunioni, assistiamo a ripetuti vertici di maggioranza, le parole 'verifica' e 'rimpasto' rimbalzano sulle cronache quotidiane dei giornali. L'Italia ha bisogno di un rivoluzionario cambio di passo". Gelmini ha poi aggiunto: "Non possiamo avere un governo che ha come unico obiettivo quello di vivacchiare. La sfida della pandemia e l'epocale occasione del Recovery Fund devono essere affrontate da un esecutivo forte, in grado di prendere decisioni precise, con una visione di futuro e con una strategia per creare crescita e sviluppo". 

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.