Recovery Fund, Conte: "L'Italia non è in ritardo"

Politica

Il presidente del Consiglio ha parlato ai 100 anni di Confagricoltura: "Il 37% dei progetti sarà destinato al green e alla sostenibilità ambientale"

L’Italia non è in ritardo sui tempi di presentazione del Recovery plan. Ad affermarlo è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha parlato alla celebrazione del centenario di Confagricoltura. "Nella stampa c'è un dibattito fuorviante – ha detto il premier – delle preoccupazioni infondate. Non siamo in ritardo con i tempi di presentazione del nostro piano: il governo sta già lavorando all'esame dei progetti, a partire dal settore agricolo". 

"Motore di sviluppo per il Mezzogiorno"

approfondimento

Recovery Fund, la maratona degli Stati per i soldi europei

Scendendo poi nel dettaglio, Conte ha spiegato: "Il nostro piano di resilienza è motore di sviluppo, soprattutto nel Mezzogiorno, per ridurre il divario tecnologico e per dare contributi ad aree interne che più di altre stanno pagando i contraccolpi di questa fase. Pensiamo anche a aiuti a filiere agricole perchè divengano protagoniste". Il presidente del Consiglio ha spiegato che il 37% dei progetti del 'Recovery plan' saranno dedicati ai progetti legati al 'green' e alla sostenibilità ambientale". "Il governo è impegnato affinché il settore agroalimentare sia protagonista del rilancio del Paese", ha spiegato.

Politica: I più letti