Fase 2, Colao: "Cento proposte per il rilancio dell’Italia da qui al 2022"

Politica

Il manager: “Entro i primi di giugno consegneremo al governo il nostro lavoro che prevede circa venti obiettivi e un centinaio di proposte concrete. Gli investimenti devono servire a disegnare un’Italia migliore per le nuove generazioni”

Vittorio Colao, il manager chiamato dal premier Conte a metà aprile a capo della task force di esperti per rilanciare l’Italia nella fase 2 dell’emergenza Coronavirus, traccia un bilancio del lavoro sin qui fatto e, in un’intervista a la Repubblica, assicura: ”Entro i primi di giugno, consegneremo al governo il nostro lavoro per il piano di rilancio dell'Italia da qui al 2022. Circa venti obiettivi con un centinaio di proposte concrete" (CORONAVIRUS, AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE).

“I costi devono essere trasformati in investimenti”

approfondimento

Coronavirus, ecco la task force per la Fase 2. FOTO

Intanto Colao pensa all’immediato: ”Adesso - spiega - si tratta di far ripartire il Paese, trasformando il rilancio economico e sociale in un'occasione per disegnare il futuro e tenendo a mente una cosa fondamentale: i costi inevitabili e altissimi che dovremo affrontare per questa crisi possono, anzi debbono, essere trasformati in investimenti”.

 

“Serve un’Italia migliore per le nuove generazioni”

“Nel breve termine - prosegue Colao - bisogna investire per ripartire e mantenere la coesione sociale; nel più lungo periodo gli investimenti devono servire a disegnare un'Italia più efficiente e migliore per le nuove generazioni, per quelli che avranno venticinque o trent'anni a metà di questo decennio e che oggi si trovano ad affrontare una situazione particolarmente difficile".

“Digitalizzazione e semplificazione della burocrazia”

approfondimento

Vittorio Colao, il manager per la fase 2 dell'emergenza Coronavirus

Secondo l'ex ceo di Vodafone i campi concreti di intervento sono molti, "a partire proprio da una radicale trasformazione della pubblica amministrazione attraverso le tecnologie digitali" per farla diventare "un alleato dei cittadini e delle imprese" e proprio con la digitalizzazione "si possono eliminare molti elementi di burocrazia difensiva o oppressiva che a volte vengono giustamente lamentati, per esaltare invece gli elementi di servizio". Non solo tecnologia, però, perché "molti interventi che raccomandiamo richiedono semplificazioni di norme, non cambiamenti di policy, ma proprio semplificazioni". In Italia, conclude il capo della task force Covid-19, “c'è una stratificazione di norme e complicazioni quasi geologica".

Politica: I più letti