Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Caso Siri, revocato in Cdm l'incarico al sottosegretario indagato

Il legale del sottosegretario: Nessun pagamento nè promesse di denaro. Lega: "Adesso basta con litigi e rinvii"

Leggi tutto
1 nuovo post
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha revocato l'incarico ad Armando Siri, il sottosegretario della Lega indagato dalla procura di Roma per corruzione. La decisione è arrivata durante un lungo consiglio dei ministri su proposta dello stesso premier. 

Intanto, i pm di Roma hanno interrogato per tre ore l'imprenditore Paolo Arata, indagato per corruzione per aver “promesso o dato” a Siri 30mila euro per emendamenti sugli incentivi per il mini-eolico. Il verbale è stato secretato. 
- di Daniele Troilo

Il live blog si chiude qui. Segui tutti gli aggiornamenti in diretta su SkyTg24. 

- di maurizio.odor

Siri: Zingaretti, Di Maio ipocrita, giustizia di partito

 
"Di Maio ha una posizione ipocrita quando dice che fa dimettere i suoi, perchè Raggi non la ha fatta dimettere. Lui quando il governo va male lancia una bomba per distrarre". Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti. "Quando un partito diventa un tribunale-  ha aggiunto- c'è un declino per la democrazia". 
- di maurizio.odor

Siri, Di Battista; "Sia lezione per tutti, chi è al governo lavori solo per la collettività"

 
"Non c'è nulla da gioire, non si gioisce quando accadono cose normali. E' normale che un sottosegretario che utilizza il proprio potere per scopi personali non debba più far parte del governo di un paese. Come altrettanto normale, al di là dell'esito delle indagini, è che Siri non potrà mai più tornare a far parte di questo governo". Così Alessandro Di Battista,  all'agenzia Adnkronos, commenta la revoca, oggi in Cdm, dell'incarico da sottosegretario al leghista indagato per corruzione. Che la vicenda  Siri "serva di lezione a tutti: chi fa parte di un governo ha il  dovere di lavorare esclusivamente nell'interesse della collettività", rimarca Di Battista.
- di maurizio.odor

Siri, difesa: chiariti tutti i rapporti con Arata

 
Oltre ai conti bancari, nella memoria depositata ai Pm della Procura di Roma, l'ex sottosegretario Siri ha consegnato, così come spiega il suo difensore, tutti gli scambi di messaggi, telefonici e di posta elettronica, intercorsi con l'imprenditore Paolo Arata", indagato anch'egli per corruzione. L'esponente della Lega ha "spiegato e documentato,in dettaglio, tutti i rapporti istituzionali incorsi con Arata - aggiunge il difensore Fabio Pinelli.
- di maurizio.odor

Siri, difesa: a disposizione Pm documenti contabili e bancari

 
"Il senatore Armando Siri ha messo spontaneamente a disposizione dei pubblici ministeri la documentazione contabile nella sua disponibilità', avente ad oggetto il complesso dei propri movimenti bancari e finanziari". 
- di maurizio.odor

Siri, difesa: mai ricevuto denaro da nessuno

 
Il senatore Siri "ha ribadito con fermezza di non aver mai ricevuto, né da Paolo Franco Arata, né da chiunque altro, promesse di pagamento o dazioni di denaro, che avrebbe rifiutato con sdegno, facenti riferimento al merito della sua attività di senatore della Repubblica e di sottosegretario di Stato". Lo afferma in una nota l'avvocato Fabio Pinelli, difensore dell'esponente della Lega che ha rilasciato oggi dichiarazioni spontanee ai pm di Roma.
 
- di maurizio.odor

Salvini: "I processi si fanno in tribunale" VIDEO

 

 
- di maurizio.odor

Revoca Siri, il punto politico. VIDEO

 

 
- di maurizio.odor

Siri: Toti, revoca è una brutta decisione

 

Per il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti la revoca delle deleghe al sottosegretario Armando Siri è "una decisione brutta"  soprattutto "per la storia della divisione dei poteri". Lo ha detto a margine di un incontro stampa. "Diventa complicato garantire l'autonomia della politica di questo paese se una persona che riceve un avviso di garanzia deve lasciare il proprio incarico ancor prima del rinvio a giudizio, ancor prima del primo grado di giudizio - ha spiegato Toti.
- di maurizio.odor

Siri: Lega, difendiamo principio, indagine non è colpevolezza

 
"La Lega difende un principio: non può esserci un automatismo tra indagini e colpevolezza. E' un principio di civiltà giuridica che vale per tutti. Lega e 5 stelle". Lo affermano fonti leghiste dopo il Cdm su Armando Siri. "Apertura di un'inchiesta non può coincidere con la chiusura o la condanna", aggiungono le stesse fonti. "Siamo dell'opinione che chi ha incarichi istituzionali deve pagare il doppio se colpevole, ma contrari al principio di colpevolezza senza processo"
- di maurizio.odor

Fonti Lega: contraria a scelta Conte, prende atto

 
 "In Cdm c'è stata la delibera del presidente Giuseppe Conte per la revoca di Armando Siri ma nessun voto. La Lega ha espresso contrarietà alla decisione e prende atto della facoltà del presidente del consiglio di chiedere la revoca del sottosegretario". Lo affermano fonti leghiste.
- di maurizio.odor

Di Maio:"Orgoglioso delle decisioni prese tutti insieme" VIDEO

 
 

 
- di maurizio.odor

Di Maio, ora tavolo governo su flat tax e salario minimo

 
 "Ho detto anche in Cdm che bisogna convocare subito un vertice di governo su salario minimo e flat tax, e chi le propone porta anche le coperture. Il mio obiettivo è non aumentare Iva e abbassare le tasse agli italiani. Lotta all'evasione seria e spending review sono i due obiettivi che ci dovremo dare". Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio al termine del Cdm sul caso Siri.
- di maurizio.odor

Di Maio: "Importante segnale di discontinuità" VIDEO

 
 

 
- di maurizio.odor


 
- di maurizio.odor

Di Maio, bene che in Cdm non si sia andati alla conta

 

"Mi fa piacere che non si sia andati alla conta" in Consiglio dei ministri su Siri "perchè il nostro obiettivo non è dimostrare una superiorità numerica ne' una superioritàmorale". Lo dichiara il vicepremier M5s Luigi Di Maio a Palazzo Chigi. 
- di maurizio.odor

Conte: "Dal governo la scelta migliore " VIDEO

 
 

 
- di maurizio.odor