Daspo e agenti sotto copertura, arriva dl anticorruzione: cosa prevede

Politica
Il ministro della Giustizia Bonafede e il vicepremier Di Maio

Il provvedimento del M5s, a firma del ministro Bonafede, al vaglio del Cdm. Tra le misure il rafforzamento delle intercettazioni, la stretta per i corrotti nelle P.A. e l’introduzione dei "provocatori". Fonti governative precisano: "Evitiamo forzature"

Il M5s è pronto a lanciare il ddl anticorruzione. Le misure, che portano la firma del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, sono attese al tavolo del Consiglio dei ministri e a breve andranno all'esame delle Camere. La stretta legalitaria è stata ribadita domenica 2 settembre dal vicepremier Luigi Di Maio che ha annunciato l’imminente legge in arrivo: “Il dl conterrà norme aspettate per anni e non fatte perché la politica aveva paura di farle. Dentro ci sono tutte le nostre grandi battaglie. Toglieremo le mani dalla marmellata a tanti furbi coperti da altri governi". 

Cosa conterrà il provvedimento?

Con la ripresa dei lavori parlamentari, il disegno di legge che i tecnici del ministero stanno limando in questi giorni, vedrà la luce. Il testo si compone di 6 articoli. I due perni della norma - i cui contenuti sono in parte stati anticipati da Repubblica - sono il cosiddetto daspo per i corrotti e l'agente provocatore. Per quanto riguarda il daspo, la norma prevede l'esclusione dagli appalti pubblici e dalla pubblica amministrazione per tutti i soggetti che ricevano condanne in via definitiva superiori ai due anni per reati di corruzione. Alcune fonti governative hanno precisato all'Ansa che il daspo è sì nel "contratto di governo, ma andrà studiato il testo per evitare forzature controproducenti". L'altra novità è l'agente sotto copertura per controllare dall'interno eventuali attività criminali e per rendere più efficaci le indagini. Ci saranno inoltre misure sui tempi dei tribunali.

Rafforzate le intercettazioni

Anche lo strumento delle intercettazioni, dopo che la riforma Orlando è stata accantonata, potrebbe essere rivisto e rafforzato. "Il disegno di legge - ha assicurato il ministro della Giustizia Bonafede - farà dell'Italia, che ora è il fanalino di coda, il Paese capofila nella lotta alla corruzione a livello internazionale". Bonafede ha parlato di "una riforma rivoluzionaria. Tutti devono sapere che ci si può fidare nel nostro Paese, che si può investire senza il timore di essere danneggiati da chi usa la corsia preferenziale della corruzione. E che, finalmente, fare i furbi, rivolgersi agli amici degli amici, allungare la mazzetta, sono azioni che apparterranno al passato di questo Paese. Una giustizia che spazzi via per sempre la 'metastasi' della corruzione e che si occupi soprattutto del servizio che offre agli italiani".

Le critiche

La riforma è destinata a dar discutere e lascia perplessi i penalisti, che da sempre storcono il naso di fronte a idee come l'agente sotto copertura. Sul punto riserve sono state inoltre espressa anche dall'Associazione nazionale magistrati.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24