Lega-M5s: incontro positivo. Domani nuovo vertice a Milano

3' di lettura

Salvini: "Il nostro impegno è fare il prima possibile". A chi gli chiede se vedrà Berlusconi, dice: "Vedremo". Di Maio: "Vogliamo soddisfare l'attesa degli italiani". Casaleggio: "Contratto sarà votato online". Renzi attacca: "Mantengano le loro folli promesse" 

Un incontro positivo. Sia Salvini sia Di Maio non si dilungano in dichiarazioni dopo il nuovo vertice che si è svolto alla Camera. Si vedranno anche domani, a Milano. Oggi si è parlato di programma che, ha affermato Casaleggio, in caso di quadra del cerchio "verrà votato on line". Nessun riferimento ai nomi della squadra di governo né, tantomeno, al nome del futuro premier. Lega e M5S hanno ancora 72 ore per trovare l'intesa per la formazione del governo; lunedì Mattarella potrebbe avere il nome del presidente del Consiglio. E, mentre si lavora per uscire dall'impasse del 4 marzo (LO SPECIALE), c'è chi promette dura opposizione e sfida le due forze politiche che hanno ottenuto maggiori consensi alle elezioni. "Mantengano le loro folli promesse" scrive Matteo Renzi su Facebook.

Renzi su Fb

Per Lega e M5S sta arrivando il momento delle verità: se vareranno il governo (che non piace all'Europa), dovranno dimostrare di essere in grado di mantenere le loro 'folli' promesse elettorali. Queste le parole del senatore del Pd, Matteo Renzi, affidate a un post su Facebook. "Oggi - premette l'ex presidente del Consiglio - tanti dicono: il governo Lega-M5S non piace all'Europa. Probabile, dico io. Aggiungo: non piace nemmeno a me, nemmeno a molti di noi. Ma dobbiamo parlarci chiaramente, amici: quello che conta non è ciò che piace a noi o alla Commissione Europea, ma ciò che piace agli italiani. Il 4 marzo il popolo ha parlato. E se la democrazia è una cosa seria, adesso tocca a loro; altrimenti tanto varrebbe non votare". (IL TOTO-NOMI PER IL GOVERNO)

Le promesse folli

Renzi entra poi nel merito di quelle che considera "le promesse folli e irrealizzabili" che Salvini e Di Maio hanno lanciato e rilanciato sui social e nelle piazze: "Riusciranno a fare  una sola aliquota al 15% (flat tax) e dare 1.680 euro netti al mese alle famiglie senza lavoro con due figli?". E ancora: "Cosa racconteranno a chi farà  la fila per il reddito di cittadinanza? Proveranno davvero a rimpatriare 600.000 persone e chiudere Ilva, bloccare Tav e Tap,  fermare le grandi Opere? Avranno la forza di cancellare Jobs Act, Buona Scuola, le nostre leggi sui diritti civili e sociali? Hanno promesso tante cose. E su quelle promesse hanno vinto: chiederemo conto delle loro bugie elettorali, ogni giorno".

Renzi: "Faremo opposizione durissima"

Il Pd, promette infine, farà opposizione durissima: "Diremo con forza No quando si tratterà di dare la fiducia al Governo. Ma a differenza di altri lo faremo rispettando sempre le istituzioni e il governo della Repubblica. Perché noi siamo diversi da chi insulta, da chi odia, da chi illude. E lo dimostreremo anche dall'opposizione. Coraggio amici. Ci aspetta una strada lunga, facciamola insieme". (LO SPECIALE ELEZIONI)

Data ultima modifica 11 maggio 2018 ore 14:45

Leggi tutto
Prossimo articolo