Stromboli, prosegue l'eruzione del vulcano: scuole chiuse anche domani

Sicilia

L'attività in corso genera, inoltre, una considerevole ricaduta di cenere sui centri abitati di Stromboli e Ginostra che, anche oggi, si sono risvegliati sotto una coltre nera

ascolta articolo

Prosegue l'eruzione dello Stromboli, in corso da domenica scorsa, con un flusso lavico, ben alimentato, che, attraverso la Sciara del fuoco, raggiunge il mare. L'attività in corso, genera, inoltre, una considerevole ricaduta di cenere sui centri abitati di Stromboli e Ginostra che, anche oggi, si sono risvegliati sotto una coltre nera. Visto il perdurare di tale situazione anche domani sull'isola, resteranno chiuse le scuole di ogni ordine e grado: per gli alunni della scuola secondaria di primo grado (ex scuola media) la dirigente scolastica ha disposto la Dad.

Pprosegue l'attività operativa della Guardia Costiera per fronteggiare l'emergenza. Nella notte è stata impiegata la Nave Dattilo per il monitoraggio dell'attività eruttiva e delle zone interessate. +++ TWITTER/GUARDIA COSTIERA +++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY +++ NPK +++
©Ansa

Lo tsunami generato dall'eruzione

approfondimento

Tsunami Stromboli, cosa è successo nella ricostruzione degli esperti

Intanto con una nota l'Ingv, a proposito dell'evento del 4 dicembre a Stromboli, chiarisce "uno tsunami (o maremoto) può essere grande o piccolo, come un terremoto, un temporale o un'eruzione vulcanica. Anche uno tsunami di pochi centimetri, se generato per una perturbazione del mare indotta da un terremoto, da una frana o da un'eruzione vulcanica, rimane uno tsunami. È noto peraltro che anche uno tsunami di ampiezza pari a 50 centimetri possa essere molto pericoloso, a causa della sua grande energia e della lunghezza d'onda, che lo fa essere simile a un torrente in piena. Tornando all'evento del 4 dicembre, a quanto si è capito finora osservando i dati delle telecamere e degli strumenti che hanno rilevato il fenomeno, lo tsunami è stato generato dall'impatto sulla superficie del mare di un flusso piroclastico piuttosto intenso, analogo a quello avvenuto all'inizio di ottobre ma più intenso. In questo caso, diversamente dal 9 ottobre, la soglia di attivazione è stata superata, i dati sono stati trasmessi al sistema di allerta del Dipartimento di Protezione Civile che subito dopo l'identificazione del maremoto ha diramato l'allerta, facendo suonare le sirene. Infatti, i sensori di pressione ubicati al di sotto delle due mede elastiche che fanno da sentinelle alla Sciara del Fuoco hanno rilevato un'anomalia del livello del mare di circa 1.5 metri picco-picco".

I più letti