Covid Sicilia, il bollettino: 10.023 casi, sono 1.637 i ricoverati

Sicilia
©LaPresse

Sul fronte del contagio nelle singole province: Palermo registra 2.492 casi, Catania 2.957, Messina 674, Siracusa 1.018, Trapani 458, Ragusa 724, Caltanissetta 699, Agrigento 856, Enna 145

ascolta articolo

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia

 

Sono 10.023 i nuovi casi di Covid19 registrati a fronte di 50.567 tamponi processati in Sicilia. Il giorno precedente i nuovi positivi erano 11.354. Il tasso di positività sale al 19,8% ieri era 19,1%.

Altri quattordici Comuni siciliani in "zona arancione" da domenica 16 sino a mercoledì 26 gennaio (compreso).

Il presidente del Tar della Sicilia Salvatore Veneziano ha accolto l'istanza cautelare presentata contro le ordinanze firmate dai sindaci di Palermo e Agrigento, Leoluca Orlando e Francesco Miccichè che prevedevano la sospensione dal 13 al 16 gennaio delle attività didattiche in presenza. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI IN ITALIA E NEL MONDO - I DATI DEI VACCINI IN ITALIA)

18:52 - Altri 14 Comuni in zona arancione

Altri quattordici Comuni siciliani in "zona arancione" da domenica 16 sino a mercoledì 26 gennaio (compreso): salgono così a 149 i paesi che rientrano in quella fascia. Lo dispone l'ordinanza appena firmata dal presidente della Regione, Nello Musumeci, su proposta del dipartimento regionale Asoe, per contenere i contagi da coronavirus. Le misure restrittive anti Covid saranno in vigore nei seguenti territori: Licata nell'Agrigentino; Mazzarino, Niscemi, Mussomeli, Riesi, San Cataldo e Vallelunga Pratameno nel Nisseno; Borgetto, San Cipirello, Trappeto, Blufi, Petralia Soprana, Altofonte e Villabate, nel Palermitano. 

18:20 - In Sicilia 10.023 casi e 1.637 ricoveri

Sono 10.023 i nuovi casi di Covid19 registrati a fronte di 50.567 tamponi processati in Sicilia. Il giorno precedente i nuovi positivi erano 11.354. Il tasso di positività sale al 19,8% ieri era 19,1%. L'isola è all'ottavo posto per contagi, al primo posto c'è la Lombardia con 33.856 casi. Gli attuali positivi sono 159.593 con un aumento di 9.127 casi. I guariti sono 875 mentre le vittime sono 21 e portano il totale dei decessi a 7.812. Sul fronte ospedaliero sono 1.472 ricoverati, con 9 casi in più rispetto a ieri; in terapia intensiva sono 165, 2 casi in più. Sul fronte del contagio nelle singole province: Palermo registra 2.492 casi, Catania 2.957, Messina 674, Siracusa 1.018, Trapani 458, Ragusa 724, Caltanissetta 699, Agrigento 856, Enna 145.

17:32 – Cannizzaro: “Positive dimesse o trasferite, una isolata”

"Tutte le pazienti risultate positive al tampone molecolare sono asintomatiche e in buona salute. Una è stata trattata chirurgicamente dopo tampone antigenico rapido negativo e comunque risulta avere completato il ciclo vaccinale; in ogni caso il personale indossa i dispositivi di protezione individuale nel rispetto delle misure di prevenzione e contenimento del contagio". Lo afferma la Direzione sanitaria dell'Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania in merito ad una nota diffusa dal Nursind su casi di pazienti Covid positive tra quelle ricoverate nell'Unità Operativa Complessa di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale. "Tutte le pazienti con tampone molecolare positivo - continua la Direzione sanitaria dell'Azienda - sono state o dimesse, laddove ce ne fosse l'indicazione, o trasferite al San Marco fino alla disponibilità dei posti; in assenza di altri posti letto. Una paziente è stata posta in isolamento all'interno del reparto al fine di garantire la continuità dell'assistenza". "In un momento di emergenza come quello attuale - afferma il direttore di Ostetricia e Ginecologia Paolo Scollo - riteniamo inopportuno alimentare tensioni e creare allarmismi quando non ne esistono le ragioni". "Sempre più frequentemente, come sta avvenendo anche a livello nazionale, la positività al Sars-CoV-2 emerge all'esecuzione di tampone su pazienti asintomatici ricoverati per vari motivi: proprio la sorveglianza sanitaria sul personale, il monitoraggio dei pazienti e il rispetto delle procedure previste consentono la tempestiva segnalazione di eventuali positività e l'adozione delle idonee misure di contenimento, applicate anche in questa circostanza".

17:19 – Nursind: “Rischio focolaio a ginecologia al Cannizzaro”

Intervenire immediatamente con controlli e sanificazione nel reparto di Ostetricia e ginecologia al Cannizzaro per il grave pericolo di contagio diffuso. È quanto chiede il Nursind di Catania alla luce di sette contagi individuati sottoponendo le degenti a tampone molecolare. Il sindacato degli infermieri, in una nota a firma del segretario territoriale Salvo Vaccaro, spiega che tre di esse sono state dismesse mentre la quarta è stata inviata in sala operatoria per essere sottoposta a intervento chirurgico. Dalle segnalazioni in possesso, il Nursind ricostruisce i fatti: alla paziente è stato eseguito il tampone alle 13,11 e senza alcuna altra segnalazione sull'esito è stata condotta in sala operatoria, senza misure atte a un biocontenimento. A quel punto, solo dopo il rientro in reparto, è stato segnalato l'esito positivo del tampone. La degente non è stata però trasferita ma isolata "in una stanza priva di area filtro, non idonea, aumentando i rischi di esposizione al contagio del personale e degli altri pazienti". Il Nursind nel frattempo è venuto a conoscenza di altri casi di positività tra le degenti e una di queste era nella stanza con una puerpera e il piccolo: "Sono stati posti in isolamento anche in questo caso in locali non idonei e sprovvisti delle chiamate d'emergenza". Il Nursind ricorda inoltre che la situazione è di grave emergenza con locali sovraffollati e ben 40 degenti ricoverate assieme a 10 bambini. Una situazione che rischia di amplificare il rischio di contagi, a detta del sindacato. Da qui la richiesta "di procedere immediatamente nel reparto con la sanificazione dei locali, eseguire i tamponi a tutti i dipendenti che non l'avessero fatto e procedere con la sorveglianza sanitaria del personale coinvolto per circoscrivere immediatamente il focolaio".

15:24 – Scuole, 29mila alunni in Sicilia a casa e senza Dad

Dai dati dell'Ufficio scolastico regionale emerge che su 391 Comuni della Sicilia 161 hanno emanato ordinanze sindacali di sospensione delle attività didattiche, mentre i restanti hanno regolarmente avviato le attività didattiche in presenza. Tra le 548 scuole ricadenti nei Comuni in cui sono stati adottati provvedimenti di chiusura, 513 (434.237 studenti) hanno attivato la didattica a distanza, mentre 35 (28.912 alunni) non hanno svolto lezioni.

15:20 - Commissario Palermo: “Escludere asintomatici da calcolo ricoverati”

"Al momento non abbiamo ricevuto alcuna circolare ministeriale, riteniamo comunque importantissima la possibilità di non computare gli asintomatici ricoverati negli ospedali per altre patologie: spesso si tratta di positivi non di malati Covid". Lo dice il commissario per l'emergenza Covid a Palermo, Renato Costa. "Il dato complessivo di questi pazienti potremmo estrapolarlo senza alcun problema", aggiunge Costa. Sono tante le persone in queste condizioni, ci sono per esempio casi di pazienti in terapia intensiva per incidenti stradali risultati positivi che vengono inseriti nella statistica Covid nonostante non abbiano i sintomi del virus. Sull'ipotesi che il bollettino epidemiologico venga comunicato settimanalmente e non più quotidianamente, il commissario Covid a Palermo afferma: "Questo è meno importante".

14:43 - Riapre Covid hotel a Palermo, rinnovata convenzione con Asp 

Slitta la riapertura dell'hotel San Paolo di Palermo. La società che gestisce il bene in confisca ha comunicato che l'Asp di Palermo, in considerazione dell'aumento dei contagi, ha deciso di rinnovare la convenzione per tutto il mese di febbraio per utilizzare la struttura come covid hotel. Dunque la riapertura è prevista per il primo aprile. Marianna Flauto della Uiltucs afferma che "la notizia seppur comprensibile ci lascia perplessi riguardo alla tutela dei 51 dipendenti, molti dei quali non stanno ad esempio lavorando trattandosi di covid hotel, mentre il ritorno alla normalità garantirebbe il ritorno in servizio senza perdere parte della retribuzione come purtroppo avviene con l'ammortizzatore sociale. Monitoreremo la situazione - prosegue il sindacato - con l'auspicio che non venga posticipata ulteriormente l'apertura, anche alla luce degli investimenti, della ristrutturazione e del piano di rilancio preannunciato dall'amministratore a dicembre. La speranza è che a fronte di un miglioramento in primavera della situazione pandemica la struttura possa tornare a ospitare i turisti e ritornare ad essere punto di riferimento per il turismo congressuale e non solo”.

15:35 - Non ha Green pass, Tribunale lo autorizza a traghettare

E' stato accolto dal Tribunale civile di Reggio Calabria il ricorso presentato dai legali di Fabio Messina, l'agente di commercio palermitano al quale agli imbarcaderi delle società private di Villa San Giovanni era stato impedito di traghettare perché non vaccinato e quindi privo di Green pass. Messina era bloccato da lunedì scorso ed aveva dormito in un sacco a pelo prima di essere ospitato, nelle ultime due notti, da una famiglia di Villa San Giovanni. A prendere la decisione favorevole all'agente di commercio, che é stato assistito dagli avvocati Grazia Cutino e Maura Galletta, é stato il giudice Elena Luppino.

12:49 - Screening massa in palazzo di giustizia a Palermo

Screening di massa al palazzo di giustizia di Palermo dove, nei giorni scorsi, sono stati accertati diversi casi di positività al Covid tra magistrati e personale amministrativo. Sarebbero tutto asintomatici. Per entrare in tribunale, comunque, è ora necessario esibire il Green pass.

11:40 - Catania, al via supporto procedure isolamento positivi 

È già al lavoro da questa mattina a Catania il gruppo di supporto per i medici di medicina generale, che fornisce tempestiva assistenza per accelerare le procedure burocratiche legate all'isolamento e al fine isolamento dei positivi. La costituzione del nuovo ufficio, composto da dieci persone, mira a ridurre i tempi di attesa creando un canale di comunicazione più immediato tra medici di medicina generale e Unità speciali di continuità assistenziale (Usca). Il gruppo di lavoro opera in via Pasubio, quartier generale del commissario emergenza Covid, e quindi a stretto contatto con gli altri uffici. Ogni componente dell'ufficio ha un numero dedicato, comunicato ai medici di medicina generale che gli sono stati assegnati. "L'avvio di questo servizio contribuirà a velocizzare le procedure - spiega il commissario emergenza Covid di Catania Pino Liberti - e fornirà una puntuale assistenza ai medici su tutti gli aspetti che riguardano la gestione dei soggetti positivi. Ricordo che su direttiva del commissario nazionale Covid è possibile effettuare il tampone per i minorenni in modo gratuito nelle farmacie, basta la prescrizione del medico di famiglia. Nel frattempo siamo quasi pronti per l'apertura di un nuovo grande drive-n tamponi in contrada Jungetto (in via Passo del fico 70, sede del Maas), operativo già da lunedì. Sostituirà quello di via Forcile, che sarà utilizzato soltanto per i tamponi programmati".

10:40 - Scuola, Tar sospende ordinanze chiusura Palermo e Agrigento

Il presidente del Tar della Sicilia Salvatore Veneziano ha accolto l'istanza cautelare presentata contro le ordinanze firmate dai sindaci di Palermo e Agrigento, Leoluca Orlando e Francesco Miccichè che prevedevano la sospensione dal 13 al 16 gennaio delle attività didattiche in presenza. Il Tar ha evidenziato che la competenza appartiene allo Stato, trattandosi di "profilassi internazionale". Entrambi i Comuni sono in zona gialla e non sono state adottate altre misure cautelative al di fuori delle attività scolastiche. Le pronunce comportano il rientro in presenza nelle scuole. L'udienza collegiale è stata fissata per il 10 febbraio.

6:59 - In Sicilia 11.354 nuovi positivi e 1.463 ricoveri

Sono 11.354 i nuovi casi di Covid-19 registrati a fronte di 59.167 tamponi processati in Sicilia. Il tasso di positività scende al 19,1%. Gli attuali positivi sono 150.466 con un aumento di 9.543 casi. I guariti sono 1.785 mentre le vittime sono 26 e portano il totale dei decessi a 7.791. Sul fronte ospedaliero sono 1.463 ricoverati, mentre in terapia intensiva sono 163. Sul fronte del contagio nelle singole province Palermo con 2.927 casi, Catania 3.071, Messina 998, Siracusa 1.226, Trapani 594, Ragusa 840, Caltanissetta 797, Agrigento 737, Enna 164.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24