Sicilia, sequestrati oltre 11 mila reperti archeologici: una denuncia

Sicilia

I reperti, provento di scavi calndestini, si trovavano presso due diverse abitazioni, a Caronia e a Siracusa, riconducibili alla stessa persona, denunciata per ricerche archeologiche non autorizzate e impossessamento di beni culturali appartenenti allo Stato

Oltre 11 mila reperti archeologici provento di scavi clandestini sono stati sequestrati da carabinieri del nucleo per la Tutela del patrimonio culturale (Tpc) di Palermo, in collaborazione con la sezione di Siracusa e la compagnia di Santo Stefano di Camastra. Erano custoditi in due diverse abitazioni a Caronia (Messina) e a Siracusa, entrambe riconducili alla stessa persona che è stata denunciata per ricerche archeologiche non autorizzate e impossessamento di beni culturali appartenenti allo Stato, reati previsti dal "Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio".

I reperti sequestrati

Tra i reperti sequestrati ci sono lucerne, pesi da telaio, testine, oscilla, tessere di mosaico, elementi in pasta vitrea, elementi in bronzo, frammenti ceramici risalenti a varie epoche (arcaica, a vernice nera, rosa, di età medioevale), corredati da "pizzini" con l'indicazione dei siti archeologici siciliani di provenienza, tra cui Himera, Morgantina e Megara Hyblea. L'indagine è stata coordinata dalla Procura di Patti ed era stata avviata dopo una segnalazione pervenuta alla Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Messina su scavi clandestini avvenuti nell'area archeologica di "Halaesa Arconidea" nel territorio di Tusa (Messina), sito risalente al 403 a. C.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24