Catania, millanta legame con boss per non pagare fornitura: arrestato

Sicilia
©Ansa

In manette il titolare 26enne di un’azienda del settore della vendita di cialde da caffè, con l’accusa di avere minacciato di gravi ritorsioni un collega, al quale doveva circa 30mila euro, millantando l'appartenenza al clan Cappello Bonaccorsi e una parentela con Niko Pandetta, cantante neo melodico nipote del capomafia

Il titolare 26enne di un'azienda del settore della vendita di cialde da caffè è stato arrestato a Catania dalla polizia con l'accusa di avere minacciato di gravi ritorsioni un collega, al quale doveva circa 30mila euro, millantando l'appartenenza al clan Cappello Bonaccorsi e una parentela con Niko Pandetta, il cantante neo melodico nipote del capomafia Salvatore Cappello. Nei confronti del giovane, gli agenti della squadra mobile della Questura hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Catania.

La vicenda

A denunciare il 26enne è stata la vittima. Una parte irrisoria del debito contratto era stata pagata dall'acquirente in contanti e parte con assegni postdatati, risultati insoluti per mancanza di fondi. Secondo quanto accertato, con le minacce l'indagato mirava ad ottenere illecitamente un ingente quantitativo di merce che avrebbe riversato sul mercato a costo zero. L'arrestato in passato è stato denunciato per violazioni delle disposizioni sulle armi, rapina, furto ed associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Ora è indagato per estorsione aggravata dal metodo mafioso con l'aggravante di aver commesso il reato quando era sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno. 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.