Catania, sgominato "cartello" della droga: ordinanza per 13

Sicilia
©Ansa

Il reato ipotizzato è di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente

Un "cartello della droga" costituito da due gruppi criminali, di cui facevano parte siciliani, colombiani e albanesi, è stato disarticolato dalla guardia di finanza di Catania che ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 13 persone.

Il reato ipotizzato

Il reato ipotizzato è di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. Secondo la Direzione distrettuale antimafia di Catania, il "cartello della droga" che operava in città riusciva a commercializzare ingenti quantitativi di stupefacenti. Durante l'inchiesta sono stati sequestrati 365 chili di sostanza stupefacente, tra marijuana e cocaina.

Le indagini

Secondo la Dda di Catania uno dei due gruppi era dedito al traffico di cocaina ed era diretta dai fratelli colombiani, Ruben Dario Rodriguez Mondragon e Julio Cesar "Cheo" Rodriguez Hurtado, coadiuvati dai connazionali Hillaris "Hillary" Caceres Palacios e Robert Andres "Solìto" Rodriguez Mina. L'altro era promosso da Viktor Dalipaj, Petraq "Pietro" Troka, e da Adriano Spirna, originario di Nicolosi e aveva due 'sottogruppi'. Il primo, costituito da cittadini albanesi, faceva capo a Julian "Juli" Hoxhaj e Indrit "Endri" Karafili, attivo nell'importazione di importanti quantitativi di droga dall'Albania, poi rivenduti a organizzazioni operanti in Sicilia. Il secondo, con a capo Sebastiano "Mishi" Lombardo, Salvatore Litteri e Gioeli Musumeci, si riforniva di droga da Hoxhaj e Karafili per poi rivenderla a Catania. 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.