Catania, droga: confiscati bar e conti correnti

Sicilia

Provvedimento nei confronti di Giuseppe Vasta, detenuto nel carcere di Agrigento, condannato nel 2016 per detenzione e spaccio di droga e nel 2018 per porto di arma clandestina

A Catania la Guardia di finanza ha confiscato beni per un valore complessivo di 220mila euro - tra cui un bar e alcuni conti correnti - a Giuseppe Vasta, detenuto nel carcere di Agrigento, condannato nel 2016 per detenzione e spaccio di droga e nel 2018 per porto di arma clandestina. L'esercizio commerciale, il Rocher era intestato alla moglie.

La confisca

Vasta era stato destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Catania per essere stato partecipe di una ramificata associazione per delinquere dedita al traffico di sostanze stupefacenti. L'operazione, denominata 'Shoes', si concluse con l'esecuzione di misure cautelari nei confronti di 25 persone indagate, a vario titolo, per associazione finalizzata al traffico illecito di cocaina, marijuana, hashish e crack aggravata dalla finalità di agevolare il clan Santapaola-Ercolano e dalla detenzione di armi. Furono sequestrati diversi quantitativi di droga in più occasioni. Secondo la finanza l'uomo, a fronte di redditi pari a zero, avrebbe effettuato rilevanti investimenti per l'acquisto del bar, alla cui inaugurazione, secondo quanto emerso nell'operazione 'Shoes', avrebbe anche preso parte il reggente del clan dei Cursoti. 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.