Furbetti del cartellino, indagati 9 dipendenti dell'ospedale di Palermo. VIDEO

Sicilia

Gli operatori sanitari finiti nell'inchiesta, coordinata dalla procura, sono accusati a vario titolo di truffa aggravata ai danni dello Stato e falso

Nove "furbetti" del cartellino sono stati scoperti tra i dipendenti dell'azienda ospedaliera Arnas Civico di Palermo. Per otto di loro sono state emesse dal gip misure cautelari e uno è indagato a piede libero. I provvedimenti sono stati eseguiti questa mattina dai carabinieri della compagnia di piazza Verdi. Gli operatori sanitari finiti nell'inchiesta, coordinata dalla procura, sono accusati a vario titolo di truffa aggravata ai danni dello Stato e falso.

Le indagini

L'indagine è scattata tra l'ottobre e novembre del 2019 per contrastare comportamenti di assenteismo dal lavoro tenuti da alcuni dipendenti negli ospedali Civico di Palermo e all'ospedale dei Bambini. Le indagini sono state condotte attraverso l'osservazione di video riprese, pedinamenti e acquisizione di documenti da cui emergerebbe la responsabilità dei 9 indagati che in alcuni casi si sarebbero allontanati dall'ospedale pur risultando in orario di lavoro o si sarebbero intrattenuti nelle immediate adiacenze della struttura ospedaliera per un lasso temporale non giustificabile. In un unico caso un indagato avrebbe passato il badge di una collega per farlo risultare in servizio. Per 3 dipendenti dell'azienda ospedale Civico è scattata la sospensione dal pubblico ufficio per dodici mesi. Altri 5, inseriti nei piani di occupazione regionale, sono stati sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Uno è denunciato a piede libero.

"Recati disservizi e disagi agli utenti"

"Una prassi illecita - ha commentato il colonnello Angelo Pitocco, comandante gruppo carabinieri Palermo - che, anche se nel caso in esame fa registrare percentuali di assenteismo minori rispetto ad altre indagini (in media l'assenza documentata è di circa 16/20 ore a indagato rispetto alle ore lavorative previste, con un retribuzione media in difetto di circa 100/125€), rimane certamente grave per la ricaduta che ha in termini di compensi economici non dovuti versati dalla sanità pubblica e, soprattutto, per i disservizi e i disagi arrecati all'utenza e ai colleghi che, invece, rispettano rigorosamente l'orario e i doveri di servizio. Non è un caso, infatti, che l'attività abbia avuto inizio - ha conlcuso - proprio dalla denuncia di un cittadino sconfortato e preoccupato per la salute di un proprio congiunto”.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.