Trapani, sindaco rinviato a giudizio per diffamazione

Sicilia
©Ansa

Il primo cittadino è stato rinviato a giudizio per diffamazione nei confronti di un imprenditore che con le sue dichiarazioni agli inquirenti diede lo spunto per il cosiddetto “caso parcheggi” a Erice, sfociato in un’indagine della procura a carico della sindaca di quel paese

Il sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida, è stato rinviato a giudizio per diffamazione nei confronti di un imprenditore che con le sue dichiarazioni agli inquirenti diede lo spunto per il cosiddetto "caso parcheggi" a Erice, sfociato in una indagine della procura di Trapani a carico della sindaca di Erice, Daniela Toscano.

La vicenda

La vicenda risale al febbraio del 2018. Tranchida, nel corso di una conferenza stampa su un'altra vicenda giudiziaria nel comune di Erice (relativa al periodo in cui egli ne era sindaco), commentò alcune anticipazioni di stampa relative alle dichiarazioni dell'imprenditore alla procura. In quell'occasione Tranchida lo definì "imprenditore fallito", circostanza su cui il gup Samuele Corso ha chiesto una verifica alla Guardia di Finanza che ha dato esito negativo. Sull’imprenditore non ci sono e non ci sono mai state istanze di fallimento. Da qui la decisione del gup che ha accolto la richiesta del pm Franco Belvisi.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.