Gela, trasferimento fraudolento di valori: tre misure cautelari

Sicilia
©Fotogramma

Il provvedimento è stato eseguito nei confronti di C.D. di 44 anni. Oltre alle due misure interdittive nei confronti di S.D. di 22 anni e di G.F.M. di 43 anni

La Procura di Gela ha chiesto (e ottenuto) un'ordinanza che prevede la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di C.D. di 44 anni e due misure interdittive, il divieto temporaneo di esercitare l'attività d'impresa e gli uffici direttivi di imprese e persone giuridiche, nei confronti di S.D. di 22 anni e di G.F.M. di 43 anni, cui è contestato, in concorso, il reato di trasferimento fraudolento di valori.

La Procura

Secondo la procura C.D. - già condannato per associazione di mafiosa ed estorsione con aggravante mafiosa - allo scopo di eludere le disposizioni in materia di misure di prevenzione patrimoniali cui sarebbe potuto incorrere, avrebbe intestato le due società Ortofrutta Gela e Domicoli Fruit rispettivamente a G.F.M. e S.M., ma pur non essendo formalmente il titolare delle due imprese di fatto C.D. era la figura di riferimento per clienti e fornitori, nonché delegato a operare sui rapporti bancari di una delle società di cui risulta essere solamente un dipendente. Al contrario S.D. e G.F.M. non hanno mai rivestito - dice l'accusa - all'interno delle società, alcuna funzione gestionale e rappresentativa, avendo operato meramente quali prestanome del principale indagato, oggi sottoposto agli arresti domiciliari.

La ricostruzione dei fatti

C.D., che si muoveva su una Porsche Macan S, non ha solo gestito operativamente e con continuità tutte le società oggetto d'indagine, ma ne ha anche utilizzato, a proprio piacimento, i beni loro formalmente intestati, sostiene la procura. L'auto era stata ceduta a una delle società oggetto d'indagine, peraltro a un prezzo di molto inferiore rispetto al costo d'acquisto, così da non apparirne più formalmente proprietario ma continuando ad averne la piena disponibilità, come testimoniato dal fatto che è stato più volte individuato a bordo di detta auto, anche in compagnia di pregiudicati gelesi.

Le dichiarazioni del procuratore

"A Gela c'è questa grande sproporzione tra la realtà economica non particolarmente florida, con una crisi occupazionale particolarmente rilevante - ha detto il procuratore Fernando Asaro - e l'utilizzo di auto di grossa cilindrata, suv, anche modificate con forme che le rendono ancora più lussuose. Da queste contraddizioni sono partiti questi controlli, e quest'ultimo è un caso emblematico. Il nostro è un percorso di bonifica di società che operano in maniera illecita per renderle compatibili con un mercato sano"

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.