Enna, abusi su minore: genitori: "Diocesi ci offrì soldi per silenzio"

Sicilia

La Procura continua a lavorare in silenzio, ma dagli accertamenti sarebbe emerso che la Chiesa avrebbe archiviato l'indagine nei confronti del presunto autore degli abusi sul minorenne per un difetto di competenza tecnico-giuridica

"La Diocesi ci offrì dei soldi della Caritas in cambio di una 'clausola di riservatezza' e del silenzio di nostro figlio". Lo sostengono i genitori dell'uomo che ha denunciato di avere subito abusi da un prete a Enna quando aveva 15 anni. Dopo il suo esposto la Procura della città ha aperto un'inchiesta per violenza sessuale nei confronti del sacerdote, delegando le indagini alla squadra mobile della Questura. (LA VICENDA)

Le dichiarazioni

"L'unico nostro interesse - affermano - era quello di avere giustizia con l'allontanamento definitivo del sacerdote da Enna e l'ammonizione scritta da parte del vescovo di Piazza Armerina, Rosario Gisana". Secondo la ricostruzione dei genitori dell'uomo, l'accordo, "mediato da un avvocato rotale del Nord Italia, prevedeva anche una 'clausola di riservatezza'". La Procura di Enna continua a lavorare in silenzio, ma dagli accertamenti sarebbe emerso che la Chiesa avrebbe archiviato l'indagine nei confronti del presunto autore degli abusi sul minorenne per un difetto di competenza tecnico-giuridica: all'epoca dei fatti il prete era ancora seminarista. La Curia di Piazza Armerina lo avrebbe quindi invitato a trasferirsi in una regione del Nord Italia, dove sta frequentando un dottorato di ricerca. A Enna il prete, che gestisce un'associazione con centinaia di giovani, è tornato in estate e ha celebrato messa.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.