Mafia dei pascoli, 104 persone rinviate a giudizio per truffa

Sicilia

Al centro dell'inchiesta della Dda della Città dello Stretto truffe agricole all'Agea e all'Unione Europea da parte dei clan mafiosi tortoriciani con 113 indagati

Il Gup di Messina, Simona Finocchiaro, ha rinviato a giudizio 104 persone a conclusione dell'udienza preliminare per l'operazione Nebrodi sulla mafia dei pascoli. Al centro dell'inchiesta della Dda della Città dello Stretto truffe agricole all'Agea e all'Unione Europea da parte dei clan mafiosi di Tortorici con 113 indagati. Quattro hanno chiesto e ottenuto il patteggiamento, sette hanno scelto il rito abbreviato e la posizione di altri 18 è stata stralciata e trasmessa per competenza territoriale alla Procura di Catania.

L'inchiesta ha delineato i nuovi assetti delle due storiche associazioni mafiose tortoriciane, i Bontempo Scavo e i Batanesi, che oltre all'egemonia nella zona nebroidea erano in grado di interfacciarsi con le "famiglie" di Catania, Enna e del mandamento delle Madonie di Cosa nostra palermitana. Il maxiprocesso Nebrodi inizierà il 2 marzo 2021 all'aula bunker di Messina.

L’operazione Nebrodi

L'operazione Nebrodi contro infiltrazioni nella gestione dei pascoli sui Nebrodi aveva portato nel gennaio scorso a 94 arresti per associazione per delinquere di stampo mafioso, danneggiamento a seguito di incendio, uso di sigilli e strumenti contraffatti, falso, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, truffa aggravata. Indagini di carabinieri del Ros hanno ricostruito il nuovo assetto del clan dei Batanesi operante nella zona di Tortorici. C'è stato anche un secondo filone seguito dalla Guardia di Finanza sulla frangia del clan dei Bontempo Scavo. Dall'inchiesta della Dda di Messina, coordinata dal procuratore Maurizio De Lucia, dall'aggiunto Vito Di Giorgio e dai sostituti Fabrizio Monaco, Francesco Massara e Antonio Carchietti, è emersa un'associazione mafiosa molto attiva e capace di rapportarsi, nel corso di riunioni tra affiliati, con organizzazioni mafiose di Catania, Enna, e il mandamento delle Madonie di Cosa nostra palermitana. L'obiettivo era di ottenere contributi comunitari concessi dall'Agenzia per le erogazioni in agricoltura: partire dal 2013 sarebbero state oltre 10 milioni le erogazioni di fondi pubblici che sarebbero stati oggetto dell'interesse degli indagati.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.