Covid Modica, Rsa con 15 positivi su 21: odissea per richiesta tamponi

Sicilia

Una cittadina ha scritto al presidente della Regione, all’assessore regionale alla Salute, al sindaco del paese e al direttore generale dell’Asp cittadina per raccontare quanto sarebbe avvenuto in una casa di riposo

Una cittadina di Modica, conosciuta per il suo ruolo di ex presidente dell'associazione antiracket locale, ha scritto al presidente della Regione, Nello Musumeci, all'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, al sindaco di Modica, Ignazio Abbate, e al direttore generale dell'Asp, Angelo Aliquo', per raccontare quanto sarebbe avvenuto in una casa di riposo di Modica, dove la richiesta di tamponi per gli ospiti si è rivelata una vera e propria odissea (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI - LA SITUAZIONE IN SICILIA).

La vicenda

La donna definisce la vicenda in una lettera aperta come "tragica e inverosimile", anche perché sarebbe accaduto in una struttura che ospita persone fragili per età. La cittadina riferisce che "a Modica, provincia di Ragusa, il 23 novembre, circa 21 giorni fa, i titolari di una residenza per anziani, apprendono dalla Polizia Municipale di Modica, che una loro tirocinante risulterebbe positiva al tampone Covid. Dopo vari e rocamboleschi tentativi riescono a mettersi in contatto con un ufficio Asp e viene loro chiesto di inviare una mail", che viene spedita. Passano cinque giorni e "non avendo nessuna risposta richiamano l'Asp che richiede una nuova mail. Finalmente arrivano in Rsa gli operatori per effettuare i tamponi, ma i tamponi vengono effettuati solo al personale e ad un nonnino, quello con cui aveva avuto contatti l’ha contagiata. Alla richiesta del titolare della RSA di effettuare i tamponi a tutti i nonnini ospiti viene categoricamente risposto che non ci sono priorità o emergenze tali da giustificare il tampone a tutti". Il primo risultato è che i tamponi evidenziano la positività di un dipendente e l'anziano sottoposto al test. A quel punto "i titolari chiedono quindi i tamponi per tutti i nonnini, dopo altri interminabili giorni il 7 dicembre arriva l'esito: 15 nonnini positivi, 6 negativi".

La situazione odierna

Ma il caso sollevato dalla donna riguarda anche la gestione "post". La cittadina infatti sostiene che "ad oggi la procedura Covid è stata inviata solo per due nonnini; il medico di base di uno degli operatori sottoposto a test ad oggi non ha ricevuto nessuna comunicazione ovvero non sa se il suo paziente sia stato sottoposto a tampone; i rifiuti speciali (quelli contaminati) non sono stati ad oggi, 14 dicembre, mai ritirati nonostante le innumerevoli richieste fatte al Comune di Modica".

In attesa di risposte dalla Regione

La cittadina attende risposte dalla Regione per comprendere come sia possibile che certe situazioni si verifichino e se si tratti di casi isolati o di "un sistema burocratico che affronta con superficialità e irresponsabilità l'emergenza Covid".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.