Covid Sicilia, 1.634 casi su oltre 10mila tamponi

Sicilia
©Fotogramma

Sono 43 i decessi. In isolamento domiciliare ci sono 32.977 persone. I guariti registrati oggi sono 416

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia

 

Sono 1.634 i nuovi positivi al Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 10.020 tamponi effettuati. Sono 43 i decessi, che portano il totale a 1.098. Con i nuovi casi salgono a 34.756 gli attuali positivi con un incremento di 1.175. Di questi 1.779 sono i ricoverati, 7 in più rispetto a ieri: 1.537 in regime ordinario e 242 con due rispetto a ieri. In isolamento domiciliare sono 32.977. I guariti sono 416.

I carabinieri del Noe di Catania e della stazione di Pace del Mela hanno sequestrato, in un centro raccolta di Gualtieri Sicaminò, nel Messinese, 13 cassonetti contenenti rifiuti indifferenziati prelevati al 'domicilio' di persone che, a marzo e maggio scorsi, erano a casa positivi o in quarantena domiciliare per Covid-19. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI)

19:51 - Messina: da domani ordinanza per stop negozi alle 19

Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, predisporrà per domani con un'ordinanza per la chiusura per le prossime due settimane alle 19 di tutte i negozi, compresi i supermercati, e le attività che funzionerebbero con modalità da asporto (è prevista solo la consegna a domicilio). Consentita l'apertura oltre le 19 solo per farmacie, tabacchi, edicole e distributori di carburante. È quanto affermato dall'assessore alle Attività produttive Dafne Musolino durante un incontro con le associazioni di categoria che sono state convocate per una riunione a Palazzo Zanca. (

19:49 - Screening nel Ragusano tra domani e lunedì

Prosegue l'attività di screening dell'Asp di Ragusa, come indicato dall'assessorato regionale della Salute, anche per questo prossimo fine settimana e lunedì con il tampone rapido per gli studenti degli istituti scolastici, dei familiari, del personale docente e non. Il monitoraggio continuerà a svolgersi in modalità drive-in domani, domenica e lunedì dalle 9 alle 15, con check-point individuati nei seguenti comuni: Ragusa (dal 21 al 23); domani a Monterosso Almo, Giarratana e Santa Croce Camerina. Ed ancora, domani ad Acate, a Vittoria e Comiso a Modica, Scicli, Pozzallo e Ispica da domani a lunedì. Per favorire lo svolgimento delle attività di monitoraggio e ridurre i tempi di attesa, Asp Ragusa ricorda ai cittadini inclusi nello screening, in alternativa alla compilazione in loco, che possono prenotare il tampone rapido accedendo al portale www.siciliacoronavirus.it cliccando su 'Tampone rapido Covid 19' e compilando il modello di registrazione, nel quale si potrà scegliere la località del drive-in tra quelli proposti e la data disponibile. In sede di registrazione, nel Form si deve selezionare la categoria di appartenenza "Utenti residenti o domiciliati nella provincia di Ragusa" e compilare i campi. Coloro che si prenoteranno, dovranno presentarsi nella località prescelta esibendo la prenotazione in forma cartacea o telematica e la tessera sanitaria. Il test si effettua su base volontaria. Collegandosi al sito dell'Asp, nella pagina: https://www.asp.rg.it/news/1338-tampone-rapido-covid.html è possibile prenotarsi e scaricare il modello per il consenso informato di cui occorre munirsi. Portare la propria tessera sanitaria. Il coordinamento delle attività è affidato a Carmela La Terra, direttore dell'unità assistenza di base di Asp Ragusa

19:28 - Palermo, ferrista positiva: chiuse sale operatorie a Villa Sofia

L'azienda Villa Sofia Cervello ha oggi ha chiuso temporaneamente il complesso operatorio del primo piano del padiglione Polichirurgico al primo piano. La decisione è stata presa dalla direzione sanitaria dopo che una ferrista è risultata positiva al Covid-19. "Le eventuali emergenze - si legge nella nota - saranno effettuate presso le sale operatorie del sesto piano e qualora necessario presso la sala operatoria del terzo piano dello stesso padiglione. Non appena completata la sanificazione il polo operatorio verrà riaperta".

18:55 - Lipari, 42 positivi e una vittima

Sono 42 le persone positive al Covid-19 a Lipari dove si registra anche il primo decesso da Coronavirus. La vittima è un pensionato di 73 anni che era ricoverato nel Policlinico di Messina. Lo ha reso noto il sindaco Marco Giorgianni. Nelle isole minori dell'arcipelago delle Eolie non risultano contagiati e resta in vigore l'ordinanza che vieta gli spostamenti verso Lipari se non per motivi di necessità. Emessa una nuova ordinanza per i cimiteri che rimarranno chiusi il sabato e la domenica.

18:22 - Enna: 71 ricoveri, 6 pazienti in terapia intensiva

Sono 71 a oggi i ricoverati nell'Umberto I di Enna, colpiti dal Coronavirus: 55 si trovano in malattie infettive, 10 pazienti in area semintensiva, 6 in terapia intensiva. E' deceduto un paziente di 70 anni, con patologie pregresse. I dimessi, da inizio novembre, sono 30 e 10 i deceduti. Tra i ricoverati, i residenti fuori provincia oggi sono 6. L'età media dei 30 pazienti dimessi, di cui 21 sono donne, è 57 anni.

17:33 - In Sicilia 1.634 casi su oltre 10mila tamponi

Sono 1.634 i nuovi positivi al Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 10.020 tamponi effettuati. Sono 43 i decessi, che portano il totale a 1.098. Con i nuovi casi salgono a 34.756 gli attuali positivi con un incremento di 1.175. Di questi 1.779 sono i ricoverati, 7 in più rispetto a ieri: 1.537 in regime ordinario e 242 con due rispetto a ieri. In isolamento domiciliare sono 32.977. I guariti sono 416. I nuovi positivi sono così distribuiti per province: Palermo 574, Catania 404, Messina 186, Ragusa 109, Trapani 89, Siracusa 25, Agrigento 82, Caltanissetta 63, Enna 102.

17:16 - Da lunedì riaprono le scuole a Canicattì

Ritorna, da lunedì 23 novembre, la didattica in presenza nelle scuole di primo grado (materne, elementari e medie) e negli asili di competenza comunale, paritarie e private a Canicattì (Ag). Lo ha deciso il sindaco Ettore Di Ventura. "Dal 22 novembre, infatti, cessa l'effetto dell'ordinanza del 13 novembre con la quale a causa dell'incremento del numero dei contagi da covid-19, erano state sospese le attività didattiche in presenza nelle suddette scuole", afferma una nota del Comune. Da lunedì, pertanto, questi studenti rientreranno regolarmente a scuola. "Auspichiamo che, per evitare il diffondersi di nuovi contagi, le famiglie vigilino sullo stato di salute dei propri figli, anche monitorandone la temperatura corporea, rispettino le norme previste dalla normativa e, in caso di malessere, si assicurino che non si tratti di sintomi riconducibili al covid per evitare nuovi focolai", dice il sindaco.

17:05 - Asp Palermo tra sabato e domenica test in 64 comuni

Uno screening di massa per la ricerca del coronavirus nell'intera provincia di Palermo. Lo realizzerà Asp Palermo tra domani e domenica. Sono 64 i Comuni coinvolti in un'iniziativa, promossa dall'assessorato regionale alla Salute, rivolta al mondo della scuola. L'adesione sarà su base volontaria con l'effettuazione dei tamponi rapidi in modalità Drive in. I soggetti risultati positivi al tampone saranno sottoposti subito a tampone molecolare, come previsto dal protocollo sanitario per la verifica definitiva. "L'intera azienda è coinvolta in un'iniziativa realizzata in collaborazione con i sindaci - spiega il direttore dell'Asp di Palermo Daniela Faraoni - abbiamo organizzato uno screening di massa che ci consentirà di isolare i positivi ed avere un quadro più realistico del contagio in tutto il territorio di nostra competenza. L'appello che lanciamo ai cittadini è di aderire sfruttando l'opportunità di effettuare il tampone nel proprio comune o a poca distanza dalla propria residenza". Nel programma del week end sono stati coinvolti gran parte dei centri che non erano stati raggiunti nelle ultime due settimane da attività di screening. I restanti comuni del Palermitano saranno interessati la prossima settimana.Nelle squadre dedicate alla campagna attiva per la ricerca del coronavirus saranno presenti - oltre a medici ed infermieri - anche operatori informatici per il caricamento e l'elaborazione dei dati e medici della prevenzione per il 'contact tracing'. "Lo screening di popolazione - aggiunge Faraoni - andrà avanti di pari passo con l'attività avviata direttamente nelle scuole di città e provincia. Sono esclusi dalle attività i comuni delle 'zone rosse', Ciminna e Misilmeri, ai quali dedicheremo nei prossimi giorni iniziative rivolte a tutta la popolazione". Per ottimizzare e velocizzare le operazioni si chiede agli utenti di presentarsi ai Drive In muniti - oltre che di tessera sanitaria e documento di riconoscimento - anche del foglio di consenso informato stampato, compilato e firmato. Il modulo si può scaricare dal sito dell'Asp di Palermo.

16:06 - Confesercenti Catania: "Festeggiamo Natale senza e-commerce"

"Quest'anno festeggiamo un Natale senza e-commerce. Privilegiamo i negozi vicino a noi, quelli di quartiere e del centro città. Impegniamoci tutti a non comprare alcun regalo sulle piattaforme virtuali". È l'appello della Confesercenti di Catania a poco più di un mese dalla festa, quest'anno "segnata ancora più pesantemente dall'emergenza Covid e dal blocco di molte attività commerciali". "In realtà, non sappiamo a chi rivolgere il nostro l'appello rimasto finora inascoltato dalle Istituzioni - ironizzano il presidente provinciale Claudio Miceli e il presidente della Federazione italiana settore moda, Francesco Musumeci - magari scriviamo una lettera a Babbo Natale: 'Per quest'anno pensaci tu'". "Ci ritroviamo in una morsa senza precedenti - sottolinea Francesco Musumeci - da una parte la drastica riduzione dei consumi dall'altra una crescita dei fatturati delle piattaforme e-commerce del 30 % nei soli primi tre mesi dell'onda epidemiologica. Le nostre richieste di controlli e di interventi legislativi che contengano il dilagare di mega centri di distribuzione sul territorio italiano, già quattro solo di Amazon, che mettano fine alla concorrenza sleale e all'ingiustizia fiscale sono caduti nel vuoto". "La realtà purtroppo supera la fantasia e i desideri - commenta Mannino - resta il dato tangibile che mentre le piccole botteghe di città restano vuote, i colossi e-commerce hanno cavalcato l'onda del lockdown, fagocitando le piccole aziende e centinaia di posti di lavoro. Ma ad essere penalizzati sono anche i piccoli venditori on-line: i giganti come Amazon usufruiscono di aiuti pubblici, utilizzano le infrastrutture pubbliche senza partecipare al loro finanziamento, e non hanno il carico fiscale dei nostri commercianti".

15:50 - Comune Catania, Luminarie di Natale nelle vie dello shopping

L'amministrazione comunale Catania ha deciso di fare illuminare il centro storico e le altre vie dello shopping, nonostante le limitazioni dovute ai provvedimenti nazionali anti-covid, con gli inevitabili gravissimi danni anche sull'economia cittadina. Il vicesindaco Roberto Bonaccorsi, d'intesa con la giunta comunale, dopo la "sofferta quanto obbligata decisione di sospendere i tradizionali mercatini natalizi", per "dare il segnale di tenere 'accesa' la città, ha dato mandato al capo di gabinetto Giuseppe Ferraro di far installare le luminarie nelle principali vie cittadine. Le illuminazioni saranno realizzate grazie al contributo di sponsor e in parte coi fondi della tassa di soggiorno e dunque senza gravare sugli equilibri del bilancio comunale. Già la prossima settimana ci sarà l'accensione del grande albero di Natale in piazza Università e delle luminarie in via Etnea, viale XX Settembre, Corso Italia, via Umberto, ma anche in corso Sicilia, via Gabriele D' Annunzio e viale Vittorio Veneto, anche queste ultime, come lo scorso anno, inserite tra quelle illuminate. L'installazione delle luci natalizie è già cominciata e sarà conclusa nel giro di quattro-cinque giorni dagli operai delle ditte incaricate che stanno eseguendo i lavori commissionati dall'amministrazione comunale.

15:25 – Musumeci: “800 euro a 10mila famiglie per affitto casa”

"Saranno ben 10mila le famiglie siciliane che, nelle prossime settimane, vedranno accreditarsi dalla Regione un contributo fino a 800 euro per meglio sostenere l'affitto della propria casa". Lo afferma il presidente della Regione Nello Musumeci, commentando la pubblicazione, da parte del dipartimento regionale Infrastrutture, dell'elenco dei conduttori di alloggi in locazione ammessi al contributo integrativo - Fondo nazionale per il sostegno all'accesso delle abitazioni in locazione. L'elenco è consultabile sul sito istituzionale dell'assessorato alle Infrastrutture. "Dopo anni - sottolinea il governatore - il mio governo ha ripristinato questa misura economica indirizzata a quei nuclei economicamente più fragili gravati anche dai costi di una locazione, impegnando nel complesso sette milioni di euro. In piena emergenza pandemica, la concessione di questi aiuti diventa ancora più importante per migliaia di persone che vivono enormi difficoltà, fra lavoro che manca e restrizioni alla normale vita quotidiana di tutti noi, affinché sentano l'istituzione regionale sempre al loro fianco". "Contiamo di allargare ulteriormente il numero dei beneficiari - aggiunge l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone - poiché nei prossimi giorni verranno riesaminate le istanze degli esclusi che presenteranno appello. Con questa procedura recuperiamo i fondi dell'anno 2018 e prepariamo il terreno per il bando 2019/2020 che intendiamo pubblicare già a fine anno. La dotazione del fondo per i contributi sarà quasi triplicata, da 7 milioni passeremo a 19 milioni di euro, e includeremo fra i beneficiari anche gli studenti fuorisede, come finora non era mai avvenuto".

15:24 - Muore sacerdote a Palermo, cordoglio dell'Arcivescovo

E' deceduto stamattina Don Alessandro Manzone, 70 anni parroco della parrocchia di Maria Santissima Madre della Misericordia di via Liguria a Palermo: da diversi giorni era ricoverato in una struttura ospedaliera a causa delle complicazioni insorte dopo aver contratto il virus Covid-19; fin da subito le sue condizioni erano apparse critiche. L'Arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice ha espresso il suo cordoglio. Don Alessandro Manzone era nato a San Mauro Castelverde (PA); ordinato presbitero il 13 marzo del 1976 dall'allora Arcivescovo di Palermo Card. Salvatore Pappalardo, dopo il servizio di Animatore del Seminario Arcivescovile Minore è stato negli anni parroco delle parrocchie di S. Alberto Magno, Ss. Pietro e Paolo Apostoli, S. Luisa De' Marillac, S. Ferdinando Re (Ustica), Sacra Famiglia e, dal 16 settembre 2017 parroco della parrocchia Maria Santissima Madre della Misercordia. Ha svolto inoltre l'incarico di Direttore dell'Ufficio per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport ed era Membro del Consiglio Presbiterale. Docente di Religione Cattolica negli istituti superiori ed è stato presente come animatore in diverse realtà ecclesiali e aggregazioni laicali.

14:45 - Responsabile casa riposo Marsala: “Ospiti mai a rischio”

"Non abbiamo mai messo a rischio la salute dei nostri ospiti e dei nostri operatori e abbiamo sempre agito nel pieno rispetto della normativa vigente, chi, pensa di poter mettere in discussione il nostro operato e la serietà e professionalità della nostra struttura, dovrà rispondere nelle sedi preposte". Ad affermarlo è Giancarlo Calamusa, presidente della cooperativa sociale "Magika", che gestisce la casa di riposo per anziani "Madonna delle Grazie" di contrada Rakalia, alla periferia di Marsala, dove è divampato un "focolaio" di coronavirus. "Con grande rammarico - continua la nota a firma di Calamusa - abbiamo appreso da diverse testate giornalistiche che il nome della nostra struttura è stata ingiustamente infangata con notizie false e infondate”.

13:45 - Noe sequestra 13 cassonetti con rifiuti casa positivi

I carabinieri del Noe di Catania e della stazione di Pace del Mela hanno sequestrato, in un centro raccolta di Gualtieri Sicaminò, nel Messinese, 13 cassonetti contenenti rifiuti indifferenziati prelevati al 'domicilio' di persone che, a marzo e maggio scorsi, erano a casa positivi o in quarantena domiciliare per Covid-19. Le direttive sulla gestione di questi rifiuti prevedono che siano obbligatoriamente trasportati e smaltiti entro 72 dalla raccolta in una discarica autorizzata per evitare ogni ulteriore possibile diffusione del virus. Il Procuratore di Barcellona Pozzo di Gotto, dopo la relazione dei militari dell'Arma, ha convalidato il sequestro e disposto l'immediata distruzione dei rifiuti, a carico dell'azienda. Indagati il titolare ed il responsabile della società appaltatrice del servizio di raccolta rifiuti dei due comuni del Messinese dove otto mesi fa erano stati raccolti: Pace del Mela e Gualtieri Sicaminò.

12:33 - Focolaio in ospedale Civico a Palermo

Tre medici e 8 infermieri sono risultati positivi al Covid19 nei reparti maxillo facciale e grandi ustioni all'ospedale Civico. Tra questi c'è chi è ricoverato in ospedale. Al pronto soccorso sempre dell'ospedale Civico i medici e infermieri positivi sono saliti a 30. Di questi due sono ricoverati in ospedale. "Nelle ultime due settimane abbiamo registrato - dice Enzo Munafò dalla Fials Fials-Confsal- circa 18 casi tra il personale medico e infermieri di Villa Sofia e Cervello legati secondo noi alla mancata areazione dei locali. Servirebbero istituire una task force in ogni ospedale, con il coinvolgimento dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, e consentirci il dialogo con il Comitato tecnico scientifico regionale". "Non sono cluster preoccupanti - spiega il commissario per l'emergenza Covid di Palermo Renato Costa - Tutti i reparti sono isolati. I positivi tra i medici rispecchiano la percentuale dei positivi che troviamo nella popolazione. Alla Fiera del Mediterraneo ogni giorni troviamo 100 positivi”.

11:08 - Protocollo per garantire sicurezza a Isab-Lukoil

Firmato a Siracusa un protocollo tra l'assessorato regionale della Salute, Confindustria Siracusa e la direzione dell'Asp per garantire la sicurezza dei lavoratori impegnati nella fermata di Isab-Lukoil e per prevenire la diffusione del virus con screening epidemiologici e test sierologici. Prevede un presidio sanitario permanente con l'istituzione di una Unità speciale di continuità assistenziale industriale (Uscai) all'interno del sito Isab-Lukoil, con un medico, un infermiere, un operatore socio-sanitario (tutti con opportuni equipaggiamenti protettivi), con un sistema di turni, per intercettare possibili casi e sintomi sospetti. Verranno effettuati test sierologici e assicurata la prevenzione di potenziali casi di contagio. Il presidio sarà operativo fino al 31 gennaio 2021, ma suscettibile di ulteriore proroga. "Saluto con grande piacere l'apertura della Uscai - dice Diego Bivona, presidente di Confindustria Siracusa - per la sensibilità delle istituzioni sanitarie nei confronti delle aziende del nostro polo industriale con l'auspicio che possa dare avvio ad un presidio permanente che prosegua nell'opera di prevenzione e assistenza per tutte le aziende dell'area industriale ove insistono migliaia di lavoratori".

10:03 - Sidra Catania: 5 positivi su oltre 250 tamponi

Sono stati oltre 250 i tamponi molecolari effettuati dalla Sidra che hanno permesso a Catania di individuare cinque dipendenti positivi, tutti asintomatici, che si sono immediatamente messi in isolamento volontario presso le proprie abitazioni. La loro positività è stata comunicata all'Asp. Lo rende noto la sessa azienda che si occupa della distribuzione idrica nel capoluogo etneo, che ha anche implementato lo smart working per i dipendenti a maggior vulnerabilità e per quanti hanno situazioni di particolare delicatezza in famiglia. Per gli altri lavoratori è stato incoraggiato l'uso di altre modalità di lavoro su base volontaria. Per quanto riguarda la tutela delle utenze, garantendo la piena efficienza della comunicazione tra loro e l'azienda, Sidra ha riorganizzato le attività agli sportelli e implementato i propri servizi telefonici e telematici.

7:31 - Nello Musumeci: "Domenica e festivi negozi chiusi in Sicilia"

"Siamo in una fase di grande attenzione e ho ritenuto di accompagnare le decisioni nazionali e regionali con un'ordinanza che ha l'obiettivo di sostenere i primi segnali positivi, evitando nei giorni domenicali e festivi le occasioni di assembramento che abbiamo visto in tante immagini pubblicate dai mezzi di comunicazione. Chiediamo a tutti uno sforzo nelle prossime importanti giornate". Lo ha affermato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.  "Lo dobbiamo - ha spiegato il governatore - agli operatori della sanità che stanno dimostrando una capacità di intervento senza precedenti, ma lo dobbiamo anche a tutti gli operatori economici che stanno affrontando un momento difficile e, in definitiva, lo dobbiamo a noi stessi, perché bisogna ritornare a una vita il più possibile normale nei tempi che la pandemia impone".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24