Palermo mafia, omicidio Agostino: boss Madonia chiede rito abbreviato

Sicilia
©Ansa

Il gup di Palermo, Alfredo Montalto, deve decidere il rinvio a giudizio per l'omicidio dell'agente Nino Agostino, ucciso con la moglie Ida, il 5 agosto 1989 a Villagrazia di Carini

Davanti al gup di Palermo, Alfredo Montalto - che deve decidere il rinvio a giudizio per l'omicidio dell'agente Nino Agostino (ucciso con la moglie Ida, il 5 agosto 1989 a Villagrazia di Carini) - uno degli imputati, il boss Salvino Madonia, accusato di essere il mandante del duplice omicidio, ha chiesto di essere processato col rito abbreviato.

Gli altri coimputati

Gli altri due coimputati, il capomafia Gaetano Scotto, che risponde di omicidio, e Francesco Paolo Rizzuto, amico del poliziotto ucciso, accusato di favoreggiamento aggravato, hanno invece optato per il rito ordinario. Sul loro rinvio a giudizio il gup deciderà il 2 novembre.

L'udienza

All'udienza di oggi, celebrata nell'aula bunker dell'Ucciardone, il giudice ha ammesso gli atti frutto di attività integrativa di indagini prodotti dalla Procura generale. In tutto sono oltre 11 faldoni di nuovi documenti ed esami testimoniali. In aula oggi, oltre ai pg Nico Gozzo e Umberto de Giglio, c'era il padre dell'agente Agostino, parte civile nel procedimento, da anni impegnato nella ricerca della verità sulla morte del figlio. Una vicenda per anni rimasta oscura in cui Cosa Nostra, secondo l'accusa, avrebbe agito con la complicità di apparati deviati dello Stato.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24