Leonardo Badalamenti resta in cella, i giudici: “Non rischia contagio Covid”

Sicilia

A sostenerlo è la Corte d'appello di Palermo che ha rigettato la richiesta di arresti domiciliari e ha confermato il mandato di cattura internazionale nei confronti del figlio del boss di Cinisi, Gaetano Badalamenti

Nel carcere di Pagliarelli non ci sono casi di contagio da Coronavirus e quindi Leonardo Badalamenti può restare in cella perché i rischi per lui sono pressoché inesistenti. Lo sostiene la Corte d'appello di Palermo, presieduta da Mario Fontana, a latere Luisa Anna Cattina e il relatore Mario Conte, che oggi ha rigettato la richiesta di arresti domiciliari, avanzata dalla difesa, e ha ulteriormente confermato il mandato di cattura internazionale nei confronti del figlio del boss di Cinisi (Palermo) Gaetano Badalamenti.

La decisione dei giudici

Il detenuto, tornato in carcere martedì sera, dopo l'arresto eseguito dalla Dia, aveva sostenuto di rischiare di ammalarsi di Covid-19, sia nel penitenziario palermitano che, ancor di più, in caso di estradizione in Brasile, Paese considerato ad alto rischio. I giudici siciliani nell'immediato hanno però escluso il pericolo a Palermo.

La vicenda

Tano Badalamenti, nel 1978, fu responsabile dell'omicidio del militante di Democrazia proletaria, Peppino Impastato, e venne poi condannato nel 2000 all'ergastolo, mentre già stava scontando 45 anni di carcere per traffico di stupefacenti fra l'Italia e gli Stati Uniti, dove morì in prigione, nel 2004. Anche il figlio è coinvolto in un'indagine di droga e oggi ha accettato di farsi interrogare, per rifiutare l'ipotesi di estradizione in Brasile, dove dovrebbe scontare 5 anni e 10 mesi, in esecuzione di una condanna definitiva. A marzo 2017, prima di rientrare in Italia, Leonardo Badalamenti, che in Sud America si fingeva uomo d'affari e si faceva chiamare Carlos Massetti, era stato fermato con 55 grammi di cocaina. Di quella sentenza, divenuta irrevocabile a maggio 2017, l'uomo ha sostenuto di non avere saputo mai nulla, tanto da essersi allontanato dal Brasile senza problemi. Anche la sua presenza in Italia, cosi' come rappresentato dall'avvocato Antonino Ganci ai giudici, sarebbe stata ufficiale e nota, visto che dal 30 novembre 2017 al 30 novembre 2019, per scontare la misura di prevenzione, Leonardo Badalamenti era andato a firmare regolarmente il registro dei sorvegliati speciali. Sessant'anni il mese prossimo, l'indagato ha affermato di essere stato vittima di un episodio di estorsione da parte dei poliziotti che lo avevano arrestato in Brasile.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24