Coronavirus Sicilia, Palermo: da domani 70 centri privati per bambini

Sicilia
©Ansa

"Un segnale - secondo il sindaco Leoluca Orlando - della grande necessità che le famiglie, ma soprattutto i bambini e le bambine hanno di tornare ad una socialità che per quanto limitata dalle norme di prevenzione, torni ad essere quanto più possibile normale e vitale".

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia

 

Sono circa 70 i centri privati che da domani a Palermo avvieranno attività ludico ricreative per bambini e adolescenti dandone comunicazione al Comune tramite lo strumento online recentemente attivato sul sito istituzionale. "Un segnale - secondo il sindaco Leoluca Orlando - della grande necessità che le famiglie, ma soprattutto i bambini e le bambine hanno di tornare ad una socialità che per quanto limitata dalle norme di prevenzione, torni ad essere quanto più possibile normale e vitale". (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

18:30 - 71enne positivo ricoverato a Palermo

Un uomo è stato soccorso per infarto acuto ieri sera a Palermo nella zona di Sant'Agostino. I sanitari del 118 lo hanno portato all'ospedale Cervello. Medici e infermieri sono arrivati tutti con le tute e le protezioni per effettuare l'intervento in sicurezza. I controlli eseguiti all'ospedale Cervello hanno confermato che l'uomo di 71 anni è positivo al Covid19. Le sue condizioni sono molto serie. L'uomo è stato ricoverato. La conferma arriva dall'azienda ospedaliera. Sono già stati eseguiti i controlli a tutti i familiari e quanti hanno vissuto in questi giorni a contatto con il paziente. 

16:02 - Cinema: in Sicilia riapre una sala a Palermo, tra le poche al Sud

La riapertura dei cinema, prevista per domani in Italia, non ha trovato finora molti consensi tra gli esercenti. In Sicilia un solo cinema, con due sale, ha deciso di andare controcorrente e di presentarsi con puntualità all'appuntamento: il Rouge et Noir di Palermo. "Crediamo - dicono la titolare Irene Tagliavia e il direttore artistico Gian Mauro Costa - di essere tra i pochi ad aprire da Roma in giù. Almeno dalle notizia che abbiamo finora. E gli unici in Sicilia". La sala di 420 posti potrà ospitare 120 spettatori; quella da 120 posti ne potrà contenere 27. Caduto l'obbligo della mascherina da indossare durante a proiezione, le prenotazioni sono schizzate e per domani le prenotazioni sono al completo. Si comincia con un classico francese, "Il bandito alle 11", di Jean Luc Godard, riprendendo dopo l'emergenza Covid la stagione del cineclub che negli ultimi anni, ogni lunedì, ha fatto il pieno di spettatori. Da martedì ci saranno in cartellone i titoli "oscurati" dal blocco dovuto alla pandemia e l'idea del Rouge et Noin è quella di andare avanti pure in piena estate, proponendo anche un ciclo intitolato "Super Quarantena" , con classici degli anni Quaranta.

15:09 - Palermo, da domani 70 centri privati per bambini

Sono circa 70 i centri privati che da domani a Palermo avvieranno attività ludico ricreative per bambini e adolescenti dandone comunicazione al Comune tramite lo strumento online recentemente attivato sul sito istituzionale. "Un segnale - secondo il sindaco Leoluca Orlando - della grande necessità che le famiglie, ma soprattutto i bambini e le bambine hanno di tornare ad una socialità che per quanto limitata dalle norme di prevenzione, torni ad essere quanto più possibile normale e vitale". Ieri sera il sindaco aveva contattato il presidente della Regione Nello Musumeci e l'assessore Regionale alla famiglia, a seguito della pubblicazione dell'ultima ordinanza, da cui sembrava evincersi uno slittamento dell'apertura delle strutture per l'infanzia.Stamattina dal Governo regionale è venuto il chiarimento che anche in Sicilia si applicano le norme nazionali previste dall'ultimo Dpcm "Un chiarimento necessario - conclude Orlando - che contribuisce a dare tranquillità alle famiglie che già si erano organizzate e agli operatori delle strutture coinvolte." 

11:46 - A Messina ristoratori contro chiusura anticipata locali 

Protesta la scorsa notte davanti piazza Municipio di decine di imprenditori che si occupano di ristorazione a Messina contro l'ordinanza comunale che ha stabilito la chiusura dei locali all'1,30 per evitare la movida selvaggia. I titolari e gestori di bar, ritrovi e ristoranti della movida di Messina hanno manifestato così il loro dissenso per un provvedimento considerato fortemente penalizzante per le loro attività. Contro l'ordinanza anche Confesercenti, Confcommercio, CNA, Confimprese Italia, CLAAI e Confartigianato Imprese della provincia di Messina che spiegano che per loro "è un provvedimento profondamente ingiusto, perché colpisce mortalmente l'economia delle attività del settore della ristorazione. "Non possiamo non chiedere la revoca o la modifica sostanziale dell'ordinanza- scrivono le associazioni di categoria- invitando il sindaco, non appena rientrerà, e l'amministrazione ad aprire un tavolo con le Istituzioni ed i principali interlocutori che abbiano ruoli e competenze in materia di servizi sociali, turismo e sviluppo del commercio”.

8:44 - In Sicilia da domani aprono discoteche e sale giochi

In Sicilia via libera, da domani, a tante altre attività economiche e sociali. Lo prevede una nuova ordinanza firmata dal governatore Nello Musumeci: apriranno sale giochi, sale scommesse e sale bingo, sale da ballo, discoteche e locali assimilati all'aperto o al chiuso, fiere e congressi, centri benessere, centri termali centri culturali e centri sociali, comprensori sciistici, servizi ristorazione, attività dei servizi alla persona, stabilimenti balneari e spiagge di libero accesso. Il governatore ha firmato l'ordinanza tenuto conto dell'andamento della situazione epidemiologica. Inoltre, da domani via libera anche a commercio al dettaglio; attività ricettive; commercio al dettaglio su aree pubbliche (mercati e mercatini degli hobbisti); uffici aperti al pubblico; piscine; palestre; manutenzione del verde; musei, archivi e biblioteche; strutture ricettive all'aperto (campeggi); rifugi alpini; attività fisica all'aperto; noleggio veicoli e altre attrezzature; informatori scientifici del farmaco; aree giochi per bambini; circoli culturali e ricreativi; formazione professionale; cinema e spettacoli dal vivo; parchi tematici e di divertimento; sagre e fiere locali; professioni della montagna (guide alpine e maestri di sci) e guide turistiche. Riguardo ai servizi per l'infanzia e per l'adolescenza, l'attività sarà consentita a decorrere dal 22 giugno, previo decreto attuativo dell'assessore regionale delle Politiche sociali, d'intesa con quello della Salute, che dovrà essere emanato entro il 21. Tutte le attività consentite, per prevenire il rischio di contagio, devono svolgersi secondo le modalità disciplinate della linee guida. Lo svolgimento degli sport di contatto potrà ripartire da sabato 20 giugno, nel rispetto delle disposizioni di prevenzione del contagio previste nell'ultimo decreto del presidente del Consiglio.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.