Coronavirus Sicilia: 986 positivi, 2.183 guariti e 274 decessi

Sicilia
©Ansa

Sono 72 i pazienti ricoverati, di cui 7 in terapia intensiva. Altri 914 sono in isolamento domiciliare. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia

 

I casi postivi al Coronavirus in Sicilia sono 986 (-13 rispetto a ieri), 2.183 sono i guariti (+13) e 274 i deceduti (+1). Degli attuali 986 positivi, 72 pazienti (-2) sono ricoverati - di cui 7 in terapia intensiva (0) - mentre 914 (-11) sono in isolamento domiciliare. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana. Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 150.054 (+1.183 rispetto a ieri), su 128.717 persone: di queste sono risultate positive 3.443, con un solo caso in più (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE).

17:42 - In Sicilia 986 positivi, 2.183 guariti e 274 decessi

I casi postivi al Coronavirus in Sicilia sono 986 (-13 rispetto a ieri), 2.183 sono i guariti (+13) e 274 i deceduti (+1). Degli attuali 986 positivi, 72 pazienti (-2) sono ricoverati - di cui 7 in terapia intensiva (0) - mentre 914 (-11) sono in isolamento domiciliare. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana. Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 150.054 (+1.183 rispetto a ieri), su 128.717 persone: di queste sono risultate positive 3.443 (+1).

15:42 - Palermo, domani protesta dei fotografi e dei videomaker

Fotografi e videomaker depositeranno simbolicamente le loro attrezzature domani mattina, alle 11, in piazza Politeama a Palermo. Una manifestazione che ha per slogan "Vedo buio", per testimoniare la crisi che da settimane i professionisti della immagine stanno patendo a causa delle restrizioni dovute alla pandemia Covid-19 che di fatto ha costretto ad annullare tutte le cerimonie. "Le misure di contenimento del contagio hanno penalizzato il nostro settore - spiega Carmelo Ferrara -. Le imprese hanno subito l'azzeramento delle commesse relative a matrimoni, prime comunioni, battesimi, eventi di ogni genere, ma anche l'attività di promozione pubblicitaria delle aziende fino ai piccoli servizi", sottolinea Ferrara. Ma per la fotografia si prospetta un 2020 di blocco totale, nonostante la graduale ripartenza di altri settori. "I nostri appelli finora non sono stati raccolti dalla politica, servono interventi eccezionali, veloci e senza discriminazioni per il sostegno al reddito con finanziamenti a fondo perduto per gestire la ripartenza delle nostre imprese - spiega Ferrara - servono misure come il prolungamento del bonus di 800 euro sino a dicembre 2020, la sospensione delle tasse, dei mutui e delle bollette di tutte le utenze, oltre agli adempimenti fiscali e contributivi. Abbiamo bisogno di aiuto concreto per gli affitti, altro che credito d'imposta. La politica ha pensato a tutti, ma ha dimenticato la nostra categoria che da anni testimonia con le immagini i momenti più gioiosi dei siciliani e noi rischiamo davvero di finire sul lastrico", conclude.

12:55 – Sicindustria: “Bene le iniziative del sindaco di Palermo”

"Il pacchetto di aiuti alle imprese colpite dal Covid varato dal Comune di Palermo va sicuramente nella giusta direzione". Sicindustria esprime apprezzamento per le misure straordinarie messe a punto dalla giunta Orlando, che "rispondono innanzitutto a una necessità imprescindibile: lo snellimento delle procedure amministrative. Per la concessione del suolo pubblico e per ampliare il numero e l'estensione delle aree da destinare a servizi di ristorazione e affini e per attività turistico-ricettive sarà, infatti, sufficiente presentare una perizia asseverata che attesti che la richiesta è in regola sia con le disposizioni dei regolamenti comunali sia con le norme del codice della strada, senza attendere i tempi della burocrazia". "In un momento di crisi straordinario - afferma il vicepresidente vicario di Sicindustria, Alessandro Albanese - occorre una risposta straordinaria e la responsabilità individuale gioca un ruolo fondamentale. I siciliani hanno finora dimostrato di averne tanta ed è giusto dar loro fiducia. È per questo che alla Regione siciliana e al governatore Musumeci chiedo ora di far non presto ma prestissimo per far ripartire, nel pieno rispetto dei protocolli sanitari, l'intera filiera del turismo, che è quella che ha subito i maggiori danni dal lockdown. Siamo consapevoli che la stagione per quest'anno è pesantemente compromessa, ma occorre creare le condizioni, mettendo in campo tutte le politiche e gli incentivi possibili, affinché le imprese possano programmare la ripartenza".

9:06 - Musumeci: "Io legato a lombardia ma ci vuole protocollo di sicurezza"

"Dio sa quanto mi senta legato ai lombardi. Mio fratello da mezzo secolo vive a due passi da Monza. Ma anche Sala sa che un protocollo di sicurezza è interesse del viaggiatore". A dirlo, in un'intervista al Corriere della Sera, è il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, che precisa di non voler mettere tutti in quarantena: "Ovviamente no - spiega - Ma 'Sicilia sicura' è il nostro motto. E per questo occorrerà verificare la provenienza, l'esistenza di eventuali casi sospetti nel nucleo familiare, indicare giorno dopo giorno la tracciabilità della presenza del turista".
Sull'ipotesi di creare una lista dei movimenti e dei luoghi frequentati chiarisce: "Ricordo soltanto che siamo al centro di una pandemia. E che tutto il resto appare davvero piccola cosa". Sul fatto che il ministro Boccia ha detto che è materia dello Stato e ha invocato l'articolo 120 della Costituzione, Musumeci risponde: "Non sto parlando di libera circolazione, ma di chi liberamente viene in Sicilia e accetta la collaborazione con le autorità sanitarie locali".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.