Peculato e riciclaggio, arrestati patron del Marsala Calcio e moglie

Sicilia

Secondo quanto accertato dai finanzieri, i due si sarebbero appropriati degli importi dovuti per legge su tutte le giocate effettuate e quelli previsti dal canone di concessione, non versando i soldi alla concessionaria dello Stato

Il patron del Marsala Calcio, Domenico Cottone, e sua moglie Chiara Gulotta, rispettivamente amministratore di fatto della sala giochi di Palermo President Gaming Hall e rappresentante legale, sono stati arrestati dai finanzieri del comando provinciale di Palermo con l'accusa di peculato e abusiva attività finanziaria e indagati anche per il reato di riciclaggio. I due sono stati posti ai domiciliari.

L'operazione

L'operazione "Washing Hall" è stata coordinata dai pm Giovanni Antoci e Vincenzo Amico e dal procuratore aggiunto Sergio Demontis. È stato disposto dal giudice anche il sequestro di beni e disponibilità finanziarie di un milione di euro relativo al debito complessivo con l'erario maturato nell'arco di 4 anni, nonché della sala giochi. Secondo quanto accertato dai finanzieri, marito e moglie si sarebbero appropriati degli importi dovuti per legge su tutte le giocate effettuate e quelli previsti dal canone di concessione, non versando i soldi alla concessionaria dello Stato. Le indagini si sono avvalse di intercettazioni telefoniche, videoriprese e controlli patrimoniali. All'interno della sala giochi si svolgeva, secondo i finanzieri, un'attività abusiva finanziaria. I titolari concedevano dei ticket validi per giocare dietro la consegna di assegni bancari postdatati e in alcuni casi senza la data di emissione.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.