Migranti sbarcati a Lampedusa, sindaco di Pozzallo: “In hotspot solo dopo i test sanitari”

Sicilia

In una lettera inviata al presidente della Regione e all'assessore alla Salute, il primo cittadino ha chiesto la "tracciabilità sanitaria dei migranti che potrebbero essere trasferiti all'hotspot di Pozzallo dopo lo sbarco autonomo a Lampedusa” 

Con una lettera inviata al presidente della Regione e all'assessore regionale alla Salute, il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna ha chiesto la "tracciabilità sanitaria dei migranti che potrebbero essere trasferiti all'hotspot di Pozzallo dopo lo sbarco autonomo a Lampedusa, dove è arrivata una imbarcazione in legno con a bordo un centinaio di persone. Credo di non sbagliare affermando che, al momento, la nuova strategia di accoglienza, che prevede di far trascorrere a bordo di una nave la quarantena o l'isolamento dei migranti, non sia possibile poiché non è ancora stata individuata l'imbarcazione disponibile. Nel caso fosse individuato l'hotspot di Pozzallo come luogo dove ospitare una parte dei migranti appena arrivati a Lampedusa, tutto ciò non può accadere senza che vi sia una tracciabilità completa della situazione sanitaria di tutti – ha detto il sindaco - Mi sento in obbligo, oltre che ad accogliere coloro che fuggono da guerre e povertà, di tutelare la salute dei miei concittadini, compito al quale non verrò meno". 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.