Coronavirus: 2.001 casi in Sicilia, 10 contagi in Rsa del Siracusano

Sicilia

Dall'inizio dell'emergenza, in regione si contano 209 pazienti guariti. Nella residenza assistenziale di Canicattini Bagni sono stati contagiati anche tre operatori sanitari. Ieri sono stati trasferiti tutti i positivi della clinica Maria Eleonora di Palermo

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia 

In Sicilia sono 2.001 le persone attualmente positive al coronavirus (34 in più di ieri) e 209 i pazienti già guariti. Sono i dati, aggiornati alle 17, comunicati dalla Regione all'Unità di Crisi nazionale.
In una casa di riposo di Canicattini Bagni, nel Siracusano, sono risultati positivi dieci ospiti su dodici e tre operatori sanitari su 15. "Quello che nessuno si augurava accadesse, putroppo è accaduto", ha commentato il sindaco.
Nella giornata di ieri sono state trasferite tutte le persone risultate positive al Covid19 nella clinica Maria Eleonora di Palermo, tra cui quattordici pazienti. Nel frattempo, il governatore della Sicilia, Nello Musumeci ha firmato una circolare che dispone l'apertura dei market, oggi, fino alle 23. 
Nel capoluogo siciliano, le forze dell'ordine presidiano le principali arterie stradali in vista del ponte per le festività pasquali. Posti di blocco sono stati istituiti agli ingressi autostradali e sulla statali per cercare di limitare gli spostamenti verso le seconde case di villeggiatura.  (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

19:44 - Musumeci: "In arrivo barconi, serve nave per quarantena migranti"

"Quello che temevo sta accadendo: mi segnalano l'imminente arrivo di barconi di migranti verso le coste siciliane. Il che contribuisce ad accentuare un clima di preoccupazione che già da tempo si registra nella comunità isolana a causa dell'epidemia in corso". Lo dice il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, che invoca "un'adeguata nave da ormeggiare in rada in cui far trascorrere la quarantena ai migranti, prima di destinarli ad altri paesi europei”.

18:31 - Due anziane morte nel Messinese

Una donna di 87 anni, nel policlinico 'G.Martino' di Messina e un'altra di 95 anni, nell'ospedale 'Cutroni Zodda' di Barcellona Pozzo di Gotto, sono decedute quest’oggi. Ne dà notizia il coordinamento per l'emergenza coronavirus nell'area metropolitana. Entrambe erano già affette da altre patologie, erano risultate positive al Covid-19. Dall'inizio dell'emergenza sono 34 in totale i decessi di persone affette da coronavirus avvenuti a Messina e in provincia. 

18:12 - Trasferiti tutti i positivi della clinica Maria Eleonora

Ieri, quattordici pazienti positivi della clinica Maria Eleonora di Palermo sono stati trasferiti in centri Covid, mentre tre operatori sanitari, di cui 2 in isolamento domiciliare dal 7 aprile, sono stati trasferiti all'Hotel San Paolo. Inoltre, 14 pazienti negativi sono stati dimessi con indicazione all'isolamento domiciliare. Lo precisa in una nota la direzione della struttura privata palermitana. Nella clinica ci sono 25 pazienti: 18 ricoverati, il cui risultato del tampone è negativo, in aree già sottoposte a controllo e sanificazione, e sette ricoverati in attesa dei risultati dei tamponi effettuati già posti a suo tempo in area isolata. "Questi ultimi, qualora risultassero negativi, saranno anch'essi dimessi, mentre - si legge nella nota della direzione - gli operatori sanitari con tampone negativo tornano a casa per poi riprendere la normale turnistica lavorativa". In queste ore si è iniziata l'igienizzazione e sanificazione di tutte le aree dell'ospedale di alta specialità, a seguito della quale - effettuata ogni altra necessaria verifica sanitaria - riprenderà la normale attività anche di supporto ad Asp Palermo. "Consapevole dello stato di comprensibile apprensione in cui vivono in queste ore i familiari dei pazienti ricoverati - spiega la direzione sanitaria di Maria Eleonora Hospital - proseguono i contatti verso i familiari più stretti, per dare informazioni sullo stato di salute e psico-fisico dei degenti attualmente in struttura".  

18:06 - Dieci anziani positivi in Rsa nel Siracusano

Sono risultati positivi al Covid-19, dieci anziani ospiti in una casa di riposo a Canicattini Bagni (Sr) e tre operatori. Lo rende noto il sindaco della cittadina, Marilena Miceli. "Quello che nessuno si augurava accadesse, dopo l'esito positivo al contagio Covid-19 di una anziana signora ospite in una casa di riposo della città, purtroppo, è accaduto - dice il sindaco - L'esito dei tamponi eseguiti giovedì a tutti gli ospiti e al personale della struttura, così come avevo richiesto, ha fatto registrare positivi al contagio 10 anziani su 12 e 3 operatori su 15”.

17:58 - In Sicilia 2.001 positivi, 209 già guariti

In Sicilia sono 2.001 le persone attualmente positive al coronavirus (34 in più di ieri) e 209 i pazienti già guariti. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell'Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale. Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 33.787 (+2.631 rispetto a ieri). Di questi sono risultati positivi 2.364 (+62), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 2.001 persone (+34), 209 sono guarite (+22) e 154 decedute (+6). Degli attuali 2.001 positivi, 620 pazienti (-10) sono ricoverati - di cui 58 in terapia intensiva (-4) - mentre 1.381 (+44) sono in isolamento domiciliare.

16:31 - Asp Trapani: "Calo positivi in rapporto a tamponi"

"Dall'8 marzo, data in cui è stata attivata l'esecuzione dei tamponi in modo autonomo sul territorio, si registra un calo dei casi positivi in percentuale sul numero dei casi tamponati. Su una media di oltre 200 tamponi eseguiti ogni giorno, compresi quelli effettuati sui pazienti in quarantena, il numero dei positivi è in percentuale nettamente inferiore rispetto già a due settimane fa". E' l'analisi del direttore generale dell'Asp di Trapani, Fabio Damiani, alla luce dell'andamento e dell'evoluzione dell'infezione da coronavirus nel territorio trapanese. "C'è tuttavia da osservare attentamente che, nonostante il calo, molti dei casi positivi sono asintomatici e quindi questo porta a ritenere che l'unico modo funzionale verso l'appiattimento della curva epidemiologica del virus, sia l'applicazione scrupolosa delle misure di sicurezza. I buoni risultati sono legati solamente al contenimento dei contatti e quindi dei possibili contagi - sostiene Damiani - L'inosservanza porterebbe ad un'escalation peggiore di quella iniziale, così come confermano gli studi epidemiologici condotti dal Dipartimento di epidemiologia dell'Asp condotti in maniera quotidiana e costante". "Sottolineo in maniera particolare - conclude il manager dell'azienda sanitaria - l'assoluta necessità di mantenere le regole ferree imposte a livello nazionale e regionale anche in questi giorni di vacanza in cui si celebra la Pasqua, per non vanificare gli enormi sforzi che tutto il personale sanitario impegnato in prima linea in questo momento di emergenza sta compiendo per garantire la massima efficienza nell'assistenza ai malati di Covid-19, ricoverati nelle strutture ospedaliere dedicate, assicurando il massimo livello professionale e umano".

15:52 - Catania aiuta Catania: 340mila euro raccolti in 10 giorni

A dieci giorni dal lancio della campagna di solidarietà 'Catania aiuta Catania', promossa dal sindaco Salvo Pogliese e dall'Amministrazione Comunale, sono stati raccolti 340 mila euro, grazie al contributo di circa 1.500 cittadini, aziende, organizzazioni e associazioni, per recapitare a domicilio un pacco spesa da destinare alle persone bisognose. "Un risultato straordinario, superiore a ogni aspettativa - ha commentato il sindaco - il grande cuore dei catanesi ci sta permettendo di assistere concretamente migliaia di cittadini in difficoltà. In questi giorni abbiamo già consegnato circa 1.700 pacchi spesa con la protezione civile e la rete del volontariato e contiamo di proseguire anche nei prossimi giorni. Ricordo a chi volesse usufruirne di presentare la domanda entro le ore 12 di martedì 14 aprile, con le modalità indicate nel sito internet del Comune". La raccolta fondi avviene tramite la piattaforma di crowdfunding e con bonifici da effettuare sul conto corrente bancario IT43D0200816917000105890235 intestato a Comune di Catania, causale "Catania aiuta Catania". La campagna di solidarietà continuerà per tutto il mese di aprile.

15:33 - Dimesso il primo paziente dall'ospedale di Acireale

Un primo paziente è guarito dal Covid-19 all'ospedale di Acireale ed è stato dimesso. E' un 69enne del catanese che era ricoverato nell'Uoc di Anestesia e rianimazione. E' stato curato con terapia standard associata all'utilizzo degli anticorpi monoclonali, dapprima con il tocilizumab e successivamente con il siltuximab, un nuovo farmaco utilizzato in fase sperimentale nei pazienti con Covid-19. Per lui i tamponi di controllo sono risultati negativi e ha fatto rientro a casa. Nella Terapia intensiva dell'ospedale di Acireala sono quattro i pazienti ricoverati, di cui tre per Covid-19. "Le strategie terapeutiche stanno dando buoni risultati - spiega il direttore dell'Uos di Anestesia e rianimazione, Giuseppe Rapisarda - così come sono significativi i risultati che si stanno conseguendo grazie alle misure di contenimento disposte dai governi nazionali e regionali. È importante non abbassare la guardia e non sprecare tutti gli obiettivi raggiunti. "Gratitudine agli operatori, per l'esemplare condotta professionale e umana", è stata espressa dalla Direzione strategica dell'Asp di Catania.

15:20 - Donate duemila mascherine a coltivatori di Partinico

Duemila mascherine sono state donate all'associazione italiana coltivatori della Sicilia da 'Fra.Co. distribuzione Srl' di Partinico, azienda dei fratelli Francesco e Alessandro Costantino che si occupa di servizi per l'illuminazione. Vanessa Costantino, presidente dell'associazione, ne ha destinate 1.000 alle diverse sezioni territoriali, agli operatori e agli assistiti che potranno usufruirne. "Abbiamo deciso - dice Vanessa Costantino, che è anche consigliere comunale di FdI a Partinico - anche di donarne mille che stiamo distribuendo a forze dell'ordine, sanitari del 'Covid hospital', protezione civile comunale e addetti alla raccolta dei rifiuti che si impegnano quotidianamente nel territorio di Partinico in questo periodo di emergenza sanitaria".

15:18 - Il sindaco De Luca: "A Messina sì consegne a domicilio per feste pasquali"

"A Messina le consegne a domicilio di dolci e generi alimentari saranno garantite, anche durante le festività Pasquali. Inoltre, i generi alimentari e supermercati oggi chiuderanno alle 20, come consuetudine. Non lascerò che i già provati dipendenti del comparto lavorino ad oltranza sino alle ore 23". Lo dice il sindaco di Messina, Cateno De Luca, andando contro i provvedimenti del governatore Nello Musumeci che vietano le consegne a domicilio per le festività pasquali e autorizzano i supermercati a rimanere oggi aperti fino alle 23. "Non contribuiremo inoltre a creare ingiustificati assembramenti sino a tarda ora, generati dalla mancanza di consegne a domicilio e supermercati chiusi per due giorni di seguito. Non è così che si contrasta il coronavirus ma con un controllo capillare e sensato sul territorio, quello che non mi è stato permesso di continuare a svolgere - afferma il sindaco - In città, che vi piaccia oppure no, saranno adottate le nostre misure, senza se e senza ma".  

15:05 - Odissea di Emma Dante sul canale YouTube del Teatro Biondo

Prosegue il cartellone online del Teatro Biondo di Palermo. Domenica 12 aprile alle 16.00 sul canale YouTube sarà visibile una delle proprie produzioni di maggiore successo degli ultimi anni: Odissea - Movimento n°1 di Emma Dante, saggio di fine corso della prima classe di allievi della "Scuola dei mestieri dello spettacolo". Lo spettacolo, che ha avuto un enorme successo nella lunga tournée cominciata cinque anni fa all'Olimpico di Vicenza, dopo l'anteprima estiva a Villa Pantelleria di Palermo, è ispirato al poema omerico ed è incentrato sul viaggio di Telemaco alla ricerca del padre e sul ritorno a Itaca di Odisseo. Emma Dante lo ha scritto e messo in scena per i 23 allievi del primo corso per attori della Scuola da lei diretta al Teatro Biondo. Ricca di musiche e canzoni, scritte da Serena Ganci e da Bruno Di Chiara, di danze e invenzioni sceniche, che gli attori realizzano a vista, l'Odissea di Emma Dante è una fiaba ironica e movimentata, che offre una lettura inedita, divertente, dissacrante e allo stesso tempo fedele del poema di Omero. 

14:54 - Potenziati controlli polizia a Palermo

Aumentano i controlli della polizia di Stato a Palermo in vista di Pasqua e pasquetta per assicurare il rispetto delle misure previste dal governo per il contenimento dei contagi da Covid-19 e scongiurare, quindi, pericolosi assembramenti di persone nei tradizionali luoghi di aggregazione per le scampagnate tipiche del periodo e spostamenti non giustificati da ragioni di stretta necessità. I controlli saranno assicurati dagli equipaggi delle volanti e dai motociclisti dell'ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, da pattuglie appiedate e da agenti in borghese della squadra mobile e della Digos, dispiegati presso le principali arterie cittadine, lungo gli assi viari più' importanti e lungo i litorali. E' stato rafforzato il dispositivo di "prossimità" attraverso un potenziato impiego dei poliziotti. Sul fronte dei controlli lungo le aree di accesso e di uscita dal capoluogo, saranno numerosi gli equipaggi della Polizia stradale impegnate sulle principali arterie stradali ed autostradali della provincia. Saranno impegnati anche gli elicotteri del reparto volo.

14:41 - Confesercenti Ragusa dona 600 colombe pasquali

La Confesercenti di Ragusa ha aderito all'iniziativa nazionale 'Colombe negli ospedali' per donare dolci pasquali a medici, infermieri e al personale delle strutture sanitarie. Così ha ordinato 600 colombe pasquali che sono stati distribuite negli ospedali di Modica, centro per l'emergenza Covid, Ragusa e Vittoria. "Gli esercenti iblei - dice Luigi Marchi, presidente provinciale della Confesercenti Ragusa - hanno dimostrato, ancora una volta, di essere solidali verso il prossimo e in questa occasione nei confronti di medici e personale sanitario impegnato in prima linea nella lotta al Covid-19. Le colombe sono state realizzate in tempi record da una una pasticceria di Vittoria che ha compiuto un gesto che denota bontà d'animo e altruismo".  

14:01 - L'appello dei lampedusani: "Rischio contagio, porto non sicuro"

I lampedusani invocano la chiusura dell'hotspot di contrada Imbriacola e di dichiarare, per il tempo dell'emergenza sanitaria Coronavirus, "porti non sicuri" gli scali di Lampedusa e Linosa. I timori per il rischio contagio da Covid-19 sono stati acuiti dalla notizia di un 15enne egiziano - giunto a Lampedusa e trasferito prima a Porto Empedocle (Ag) e poi a Pozzallo (Rg) - che è risultato positivo al Coronavirus. Gli isolani stanno portando avanti una raccolta di firme per far chiudere l'hotspot. A promuoverla è stato l'attore lampedusano, residente a Palermo, Tony Colapinto. I lampedusani hanno paura che anche le forze dell'ordine e i medici che vanno in banchina per visitare i migranti che approdano possano venire - nonostante i presidi di sicurezza - contagiati. Dopo che è risultato positivo il 15 egiziano, sia il medico del Poliambulatorio che lo stesso direttore Francesco Cascio sono stati sottoposti a tampone, il cui esito è stato negativo. Anche il gruppo consiliare "Fare"- con il suo capogruppo Filippo Mannino - ha invitato il sindaco Totò Martello, che aveva avanzato al ministero la richiesta per una nave quarantena, di dichiarare, per tutto il periodo dell'emergenza Coronavirus, "non sicuri i porti di Lampedusa e Linosa e di conseguenza di vietare lo sbarco e il transito di qualsivoglia migrante proveniente da sbarchi".

13:50 - Palermo, carabinieri donano cibo a famiglie povere

I carabinieri della caserma Carini hanno raccolto e distribuito, attraverso la parrocchia di San Francesco di Paola, oltre 2400 chili di derrate alimentari e il reparto servizi magistratura ha fatto una fornitura di generi alimentari nel quartiere Danisinni. In tutta la provincia si moltiplicano le iniziative benefiche dell'Arma: la compagnia di Bagheria ha collaborato con la Protezione Civile per l'acquisto di alcuni alimenti da destinare alle famiglie povere; le compagnie di Misilmeri, dove c'è la zona rossa di Villafrati, e la compagnia di Cefalù hanno organizzato, in coordinamento con le amministrazioni comunali, raccolte alimentari.

13:04 - Catania, rientra in aereo ed esce per comprare droga: milta da 5mila euro

A Catania un uomo è stato sanzionato con una multa da cinquemila euro. Fermato per un controllo, nell'autocertificazione aveva scritto di essere uscito di casa per comprare droga per uso personale. Inoltre era alla guida di un'auto senza avere conseguito la patente. Dagli accertamenti, è poi risultato che era rientrato in Sicilia in aereo da quattro giorni e che non rispettava l'obbligo di permanenza domiciliare con isolamento fiduciario e divieto di avere contatti sociali per 14 giorni. Durante i controlli ha inveito contro i poliziotti. Oltre alla multa, è stato indagato per violazione del provvedimento e per oltraggio a pubblico ufficiale. In totale gli agenti del commissariato Librino di Catania hanno eseguito 34 controlli, sanzionando 27 persone

12:31 - A Palermo posti di blocco e file ai mercati

Le Forze dell'ordine stanno presidiando stamane le principale arterie stradali a Palermo in vista del ponte per le festività pasquali. Posti di blocco sono stati istituiti agli ingressi autostradali e sulla statali per cercare di limitare gli spostamenti verso le seconde case di villeggiatura, proibiti dai Decreti del governo e dalle ordinanza del Presidente della Regione. Numerosi i palermitani in fila per gli ultimi acquisti in vista della chiusura di domenica e lunedì. Il governo regionale ha deciso ieri sera di prolungare la chiusura dei negozi di generi alimentari fino alle 23, ma questa decisione non ha evitato la corsa agli acquisti sin dalle prime ore del mattino.

12:27 - Consegnati reagenti all'ospedale di Siracusa

Strumentazione e reagenti di laboratorio per la stazione di biologia molecolare dell'ospedale Umberto I di Siracusa assegnati dalla Regione siciliana all'Azienda sanitaria provinciale sono già stati consegnati al Centro trasfusionale dell'ospedale Umberto I e pronti per essere utilizzati. L'iniziativa è dell'assessorato della Salute per rendere autonoma Siracusa per la processazione dei tamponi orofaringei nella ricerca del virus Sars-cov-2, tramite l'intervento della Protezione civile regionale.
La Direzione strategica aziendale dell'Asp di Siracusa, "ringrazia sentitamente gli operatori del Dipartimento di Protezione civile che - si sottolinea in una nota - a tutti i livelli, immediatamente dopo il provvedimento regionale di assegnazione, si sono spesi senza alcuna esitazione, anche in questa occasione e sino a tarda notte, per il trasporto da Palermo e la consegna della strumentazione, con la consapevolezza che il lavoro di squadra e la collaborazione senza riserve e risparmio di fatiche, in un momento di così grande emergenza - conclude l'Asp di Siracusa - non può che migliorare l'operatività degli interventi e dare più fiducia e conforto alla popolazione".

11:49 - Via Crucis "alternativa" a Palermo, sospesa dai carabinieri

Una cerimonia religiosa in sostituzione della Via Crucis che si stava svolgendo con la partecipazione di diverse decine di persone davanti la chiesa Maria Santissima di Lourdes in piazza Ingastone a Palermo, dove erano state poste due statue di Santi e una Croce e un sistema di amplificazione, è stata interrotta ieri sera dai carabinieri. Gli organizzatori della cerimonia religiosa, cinque persone di età compresa tra i 20 e i 42 anni che fanno parte di una confraternita, sono stati sanzionati per violazione delle norme di contenimento della pandemia da Coronavirus.  

11:28 - Donazione dipendenti della Sonatrach all'Asp di Siracusa

I dipendenti di Sonatrach Raffineria Italiana, azienda del polo petrolchimico di Siracusa, doneranno parte del loro stipendio di aprile alle associazioni di volontariato del territorio, impegnate nei servizi di assistenza alla popolazione durante l'emergenza Covid-19. La decisione è stata comunicata dalle Rsu all'azienda, che ha deciso di raddoppiare la somma risultante.

11:21 - Esercito distribuisce Dpi ad Asp siciliane

Il Presidente della Regione, Nello Musumeci, ha chiesto un aiuto all'esercito in Sicilia, per "consentire alla Protezione Civile regionale di accelerare nelle operazioni di distribuzione dei dispositivi di protezione individuale ai Comuni dell'Isola". Ospedali, luoghi di cura, Enti, Istituzioni, Associazioni, soprattutto nelle aree periferiche dell'isola, necessitano con assoluta urgenza di un puntuale flusso di rifornimenti di mascherine chirurgiche e filtranti, guanti, camici, soprascarpe, cuffie, tutti presìdi sanitari che fino ad ora l'Esercito aveva trasportato solo dagli aeroporti di entrata nell'isola al deposito centrale della Protezione Civile.

11:20 - A Catania accreditati 837 Buoni spesa su App

I primi 873 beneficiari a Catania da oggi possono spendere il Buono spesa per acquistare generi alimentari, tramite un'App che una volta installata nello smartphone consente l'accesso immediato al beneficio dei fondi concessi dalla Protezione civile nazionale. Lo rendono noto il sindaco, Salvo Pogliese, e l'assessore ai servizi sociali, Giuseppe Lombardo. Dal report dell'assessorato ai servizi sociali si evince che sono state 16.175 le domande presentate, con l'avviso scaduto venerdì 10 alle ore 12. Dalle prime 3.000 esaminate dai servizi sociali sono state 2.372 quelle esitate positivamente che ha portato all'individuazione delle prime 873 famiglie destinatari del contributo di 400 euro per spese alimentari e farmaceutiche.  

10:33 - Controlli a Catania per Pasqua: mille uomini in campo

Saranno mille le persone, tra gli appartenenti a forze dell'ordine e militari, impegnate a Catania e provincia nei controlli sul rispetto delle norme per il contenimento della diffusione dell'epidemia da Covid-19. E' quanto prevede un'ordinanza del questore Mario Della Cioppa che coordina gli interventi previsti da Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato e presieduto dal prefetto Claudio Sammartino. Nell'operazione di controllo saranno impegnati polizia, carabinieri, guardia di finanza, polizia locale, esercito e guardia costiera per un servizio definito dalla Questura "non di repressione, ma di protezione" e "a garanzia che nessun altro catanese debba ammalarsi per l'egoismo o la superficialità di pochi". Quindi il rinnovo dell'invito a "restare a casa".

10:28 - Palermo trasferiti i pazienti positivi dalla clinica Maria Eleonora

Sono stati trasferiti i pazienti risultati positivi al coronavirus dalla clinica Maria Eleonora a Palermo. Quattro sono stati portati all'ospedale Civico, tre al Covid Hospital di Partinico e sei nell'albergo San Paolo Palace. Nei giorni scorsi un'altra donna era stata trasferita sempre a Partinico e una seconda all'ospedale Civico. Si attende ancora l'esito su un centinaio di tamponi eseguiti su dipendenti, pazienti e parenti dei pazienti. Al momento sono 22 i positivi tra pazienti e dipendenti.

9:32 - Operatori ecologici donano soldi spesa a poveri

Quattromila euro raccolti, per un totale di 85 buoni spesa da 50 euro ciascuno: è l'iniziativa di 120 operatori ecologici in servizio a Mazara del Vallo che hanno poi consegnato i voucher al vescovo, monsignor Domenico Mogavero. Alla somma raccolta dagli operatori ecologici si sono aggiunti 1.500 euro donati dalle tre aziende (Ecoin-Icoss-Teck) che gestiscono la raccolta rifiuti in città, oltre alcuni buoni donati dalla famiglia Ferro, proprietaria del punto vendita "Decò".

9:20 - Sartoria Sociale realizza mascherine

La Sartoria Sociale di Palermo sta realizzando mascherine composte da tre strati di tessuto in cotone lavabile e igienizzato. Non sono omologate e sanificate, ma sono comunque una forma di protezione. La spedizione è gratuita a Palermo. 

9:12 - Vendita abusiva ortofrutta, denunciate 20 persone

I Finanzieri di Palermo hanno scoperto e sequestrato un capannone di mille metri quadrati, nel quartiere Zisa, in cui venivano venduti abusivamente prodotti ortofrutticoli. All'interno si svolgeva attività di compravendita di frutta e verdura senza le autorizzazioni sanitarie comunali. Le indagini hanno accertato che il magazzino era utilizzato da una società titolare di una concessione al mercato ortofrutticolo. Dentro al deposito c'erano 20 persone e il rappresentante legale
della società, tutti multati per la violazione delle misure previste dai decreti in materia di contenimento del Covid-19.

8:25 - Baracca per barbecue di Pasqua, sanzionati

Stavano costruendo una baracca, con rami di alberi e lenzuola, nascosta in una zona boschiva di un fondo agricolo di proprietà di un Ente benefico per realizzare un barbecue per trascorrere Pasqua e Pasquetta con degli amici. I due giovani, di 17 e 20 anni, che erano al lavoro nella frazione Pennisi di Acireale sono stati sorpresi all'opera dai carabinieri che li hanno identificati e sanzionati per violazione delle norme per il contenimento dell'epidemia da Covid-19. Ai militari hanno confessato il motivo per cui erano in campagna "stavamo costruendo un rifugio per festeggiare la Santa Pasqua e la Pasquetta con un barbecue tra amici".  

8:09 - Nello Musumeci: "Market aperti fino alle 23"

Per agevolare le famiglie, in previsione delle due giornate festive di chiusura (domenica e lunedì), i negozi alimentari, già autorizzati, potranno prolungare l'orario di apertura di oggi fino alle 23. Lo ha disposto il governatore siciliano Nello Musumeci, con una circolare a firma del capo della Protezione civile regionale, Calogero Foti.

8:07 - Altri tre morti a Messina, in totale 32

Il coordinamento per l'emergenza Coronavirus nell'area metropolitana informa che al Policlinico G. Martino di Messina sono deceduti una donna di 81 anni e un uomo di 80; un paziente di 82 anni è deceduto al Papardo di Messina. Tutti erano già affetti da altre patologie ed erano risultati positivi al Covid-19. Dall'inizio dell'emergenza sono 32 i decessi di persone affette da Coronavirus in città e provincia.

8:04 - A Catania 74.711 controlli e 4.669 sanzioni

Da quando è stato emesso il primo Decreto del presidente del consiglio dei ministri in tema di contenimento dell'emergenza Coronavirus, a Catania sono state controllate 74.711 persone, 4.669 delle quali sono state sottoposte a denuncia o sanzioni. Accertamenti sono stati eseguiti su 47.565 esercizi, con sanzioni comminate a 349 commercianti.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.