Omicidio pusher a Palermo, rinviato a giudizio il presunto assassino

Sicilia
Il tribunale di Palermo (Fotogramma)
tribunale_palermo_fotogramma

P.S., 43 anni, è accusato di aver ucciso con un colpo di pistola alla testa il 34enne Francesco Manzella lo scorso 17 marzo. Stando alle indagini, quest’ultimo sarebbe stato freddato dopo aver venduto all’imputato cocaina per 700 euro 

Il gup di Palermo Claudia Rosini ha rinviato a giudizio P.S., 43 anni, accusato di aver ucciso con un colpo di pistola alla testa il 34enne Francesco Manzella lo scorso 17 marzo in via Gaetano Costa, a pochi metri dal carcere Pagliarelli.
Stando a quanto ricostruito dalle indagini, la vittima aveva venduto al 43enne cocaina per 700 euro e ne avrebbe preteso il pagamento. Il cadavere fu poi ritrovato all'interno di un'auto ferma sulla strada statale Palermo-Sciacca.

Rintracciato dai tabulati telefonici

Il presunto assassino è stato rintracciato dalla squadra mobile di Palermo attraverso l'analisi dei tabulati e degli sms tra i clienti di Manzella, che dopo un passato di furti e rapine aveva iniziato a spacciare cocaina. Il 43enne è accusato di omicidio e sarà difeso dall'avvocato Giovanni Castronovo.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.